genesi-di-manlio-monti-artigiano-dell-arte
Manlio Monti, Senza titolo (2013 - Serigrafia 29,5 x 50 cm - Edizioni Il Salice - Foto © Carlo Pedroli)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
15 ore

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
15 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
16 ore

‘Traditi dagli ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
16 ore

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
16 ore

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
17 ore

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
17 ore

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
20 ore

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
Jazz in Bess
23 ore

Suisse Diagonales Jazz, Lombardi & Salis prima dei Mohs

Secondo appuntamento ticinese del festival svizzero: alle 20.30 i 30 anni di sodalizio dei due ticinesi; alle 22 il quartetto capitanato da Kysk e Valazza
Culture
23 ore

‘Shoah, tempo e memoria’, concerto-lettura per non dimenticare

Mercoledì 26 gennaio alle 19.15 alla Biblioteca di Bellinzona, pianoforte e voce narrante aspettando la giornata della memoria
Musica
1 gior

Riccardo Minasi guida l’Osi in Auditorio

Giovedì 20 gennaio alle 20.30 allo Stelio Molo, il violinista e direttore d’orchestra in un concerto incentrato sul romanticismo tedesco
Società
1 gior

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
1 gior

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
1 gior

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
Culture
1 gior

È morto lo stilista italiano Nino Cerruti

Tra i protagonisti della moda del Novecento, negli anni Sessanta arruolò Armani
Musica
3 gior

La versione di Fiorella spiegata a Locarno

Sabato 2 aprile al Palaexpo Fevi, la tappa ticinese del tour di Fiorella Mannoia che prende il nome dal programma Rai.
Spettacoli
3 gior

Santoro SOLOinscena al Foce per ‘Edgar Allan Horror Poe’

Mercoledì 19 gennaio alle 19, con musiche dal vivo di Claudia Klinzing, Emanuele Santoro nel recital dedicato al grande autore statunitense
Culture
3 gior

‘Novecento’ di Baricco è la prima opera letteraria Nft

L’Nft (Non-Fungibile Token) è un certificato che attesta la proprietà e la provenienza di un asset digitale.
Scienze
3 gior

C’è vapore acqueo sul pianeta sosia di Nettuno

La scoperta, che porta la firma del celebre telescopio spaziale Hubble, potrebbe aiutare a ricostruire l’origine di TOI 674b, misterioso mondo alieno
Fumetti
3 gior

Tre milioni e 360mila dollari per una pagina di Spider-Man

Disegnata da Mike Zeck per il numero 8 di “Secret Wars” del 1984, presenta la prima apparizione dell’Uomo Ragno con il costume nero. Aggiudicata a Dallas.
Video
Musica
3 gior

La 97enne discepola di Rachmaninoff incide un album

Ruth Slenczynska fu enfant prodige. A 97 anni diventa una delle artiste più longeve: è in attività da oltre 90 anni.
Spettacoli
3 gior

Le canzoni di Sanremo: tanto amore, tanto ballo e una poesia

Le abbiamo ascoltate a Milano. Su ‘Lettera di là dal mare’ di Massimo Ranieri parte l’applauso; il resto (Morandi, Elisa, Mahmood) dignitosamente segue
Spettacoli
3 gior

Lella Costa al Sociale nel segno di Franca Valeri

Martedì 18 gennaio per la rassegna com.x ‘La vedova Socrate’ scritto dalla grande signora del teatro italiano scomparsa nel 2020
Spettacoli
3 gior

Morto il chitarrista e compositore Angelo Gilardino

Originario di Asigliano in provincia di Vercelli, aveva 80 anni
Spettacoli
3 gior

Grigioni, il lungo addio alla torre rossa di Origen

La struttura continuerà a ospitare eventi culturali fino al 2023. In programma uno spettacolo sull’imperatrice Irene di Bisanzio e il Requiem di Brahms
Scienze
4 gior

Archeologia, luce sulla preistoria dal Tibet

In un sito preistorico nella prefettura di Ngari ritrovati reperti risalenti a 8-10mila anni fa
Pensiero
4 gior

La storia delle pseudoscienze per conoscere la scienza

L’approccio storico è importante per restituire al discorso scientifico quella complessità che da sempre lo ha caratterizzato, scrive Marco Ciardi
Culture
4 gior

Premio urbanistico Wakker alla diversità di Meyrin

Il comune dell’agglomerato ginevrino ha vinto la 51ª edizione del premio assegnato da Patrimonio svizzero
Spettacoli
4 gior

Il 18esimo Steps è ‘un inno al mondo della danza svizzera’

Svelato il programma della 18a edizione del festival di danza del Percento culturale Migros. Tappe ticinesi in maggio al Lac e al Cinema Teatro di Chiasso
Culture
4 gior

Bari: è morta Chiara Samugheo, la fotografa delle dive

Nella sua lunga carriera, immortalò donne famose: da Liz Taylor a Monica Vitti, da Shirley MacLane a Sophia Loren, Claudia Cardinale, Gina Lollobrigida
Spettacoli
4 gior

Cocciante: ‘Non credevano in Notre Dame de Paris e sono 20 anni’

Presentata a Milano l’edizione del 20esimo, con l’autore delle musiche a raccontare la genesi di un’opera da 15 milioni di spettatori. A giugno al Lac
L’intervista
4 gior

E nella confusione, Balasso fa Ruzante

Due parole (anche tre) sul caos mediatico e un balzo nella campagna pavana del Cinquecento di Angelo Beolco, domani a Chiasso, sabato e domenica a Locarno
Scienze
5 gior

Il cervello quando parliamo con noi stessi

Ricercatori ginevrini sono riusciti a identificare alcuni segnali prodotti in questa circostanza, aprendo nuovi orizzonti per interfacce uomo-macchina
Spazio Officina Chiasso
 
10.04.2021 - 11:370

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore

«Sì, ho esposto altrove. A Cagliari, per esempio. Da qualche parte qui dentro dovrebbe esserci la locandina. Ma un insieme di opere di questo tipo, no. E comunque non nel Canton Ticino. È una bella occasione. Fino a pochi giorni fa tutto questo era negli armadi, nelle cassettiere, nelle scansie. Fa un certo effetto anche a me. Quasi quasi non ci credi...». Manlio Monti si guarda intorno, a margine di un incontro durante il quale si è appena parlato di lui, e stampata negli occhi (il riferimento al tornio è puramente casuale) è visibile una certa, palese felicità. «Attenzione, però», ci dice: «Noi vediamo un foglio, ma per ognuno ce ne sono cinquanta, e cinquanta, e altri cinquanta ancora. Sono tanti...».

‘Manlio Monti. Attività grafica e sua genesi’ è la mostra allestita allo Spazio Officina di Chiasso. Si apre sabato 10 aprile e si chiuderà giovedì 3 giugno 2021. L’inaugurazione, per ovvi motivi, si tiene oggi in streaming dalle 17.30 su www.centroculturalechiasso.ch. La mostra è un tributo all’artista, al docente, al divulgatore, al promotore, attitudini che hanno nelle Edizioni Il Salice – fondate da Monti nel 1987, col nome mutuato dall’ubicazione dei suoi atelier ai Saleggi di Locarno – un punto di riferimento della grafica d’arte, anche oltre i confini nazionali. Non meno delle Cartelle nere – abbinamento tra sei incisioni e altrettanti testi letterari o poetici (più recenti sono quelle blu e grigie) – e delle stampe Club 365, progetto cardine nella conoscenza e diffusione dell’incisione calcografica, presenti a Chiasso nella totalità della produzione.

Esposte nelle stanze di Spazio Officina sono quasi trecento grafiche di oltre 60 artisti, Monti compreso, comprensive di più tecniche (acquaforte, acquatinta, bulino, puntasecca, ceramolle, stampa a secco, serigrafia). Ci sono libri d’artista e pure un torchio proveniente dagli atelier di Monti, e che a Chiasso, in quanto donazione dello stesso, resterà per sempre.


Mario Botta, Mogno (1989 - acquaforte, 29,5 × 39,5 cm - Edizioni Raredisc, Bon à tirer - Foto © Carlo Pedroli)

‘Ragnatela tra emergenti e affermati’

Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo e dello Spazio Officina, curatrice dell’esposizione insieme allo stesso Monti, annuncia con orgoglio quella che a tutti gli effetti è la prima mostra dedicata all’artista all’interno di una struttura pubblica del Cantone, riportando in vita una delle definizioni mai obsolete legate al riconoscimento dell’opera altrui – nemo propheta in patria – e colmando, pertanto, un vuoto storico: «Capita che si sia più conosciuti all’estero, in Italia e in Europa, per esempio, dove Monti ha esposto. Ma è finalmente giunto il momento di rendere omaggio all’opera incessante di questo artigiano dell'arte». È quanto pensa anche Dalmazio Ambrosoni, storico e critico d’arte il cui saggio sull’opera di Monti, nel catalogo edito da Edizioni Centro Culturale Chiasso, va ad aggiungersi a quello di Cavadini: «Ho sempre pensato che la sua figura necessitasse di storicizzazione. Lo andai a trovare per la prima volta negli anni Novanta, in tempi molto intensi. Notai subito la grande attività, articolata e profonda, riconoscendo in lui il vero continuatore della stagione straordinaria che riguardò Locarno, Ascona, Muralto, dal 1955 in avanti. Fu proprio Monti, insediatosi con perfetta coscienza, consapevolezza e precisione cronologica in quel momento storico, a rilanciarla». Ancora Cavadini: «Ospitiamo cinquant’anni di attività grafica attiva, condotta con modestia, tanto nell’atelier quanto nell’attività didattica, in quella scuola cui Monti ha dato moltissimo, sapendo tessere una ragnatela tra giovani generazioni e artisti affermati, all’insegna della ricerca costante nel campo della grafica. Monti è un’origine di tutte le cose, con capacità di analisi, introspezione».

L’origine di tutte le cose, non a caso, è il tema 2021 del Centro Culturale Chiasso. Dal ‘Confine’ – filo conduttore dell’anno 2020, celebrazione del libero passaggio anche intellettuale, tornato limite insormontabile per motivi pandemici – si è passati alla ‘Genesi’, oggi «simbolo di rinascita» e, da Cavadini, auspicata «nuova modalità di vita legata al piacere dell’incontro e del fruire». Lo Spazio Officina, pertanto, espone la genesi di Manlio Monti, classe 1948, studi a Lugano, completamento della formazione a Losanna, luogo dell'incontro con Albert Edgar Yersin, suo insegnante di bulino. In mezzo, il lavoro nello studio dello scultore Max Uehlinger, la frequentazione dell’atelier di Remo Rossi, crocevia di artisti all’interno del quale il giovane locarnese lavora per Jean Arp, Hans Richter, Albert Skira, Nesto Giacometti, François Lafranca.


Dimitri, Clowns (1992 - acquaforte, 29,5 × 39,5 cm - Edizioni Raredisc - Foto © Carlo Pedroli)

La genesi ha un suo momento decisivo nel 1976, con l’affitto da parte di Monti degli atelier locarnesi ormai dismessi di Remo Rossi, rinnovato luogo d’arte e d’insegnamento in cui torna a vivere il fermento riassunto da Ambrosoni (luogo che, pandemia permettendo, sarà oggetto di visite guidate organizzate dallo Spazio Officina). E mentre l’arte fermenta, Monti non abbandona l’insegnamento, che lo porta a Pully, alle scuole di Blenio, al collegio Santa Maria di Pollegio, al Ginnasio cantonale di Locarno, al Centro scolastico per le industrie (Csia), fino alla Supsi, sezione Comunicazione visiva.

La potenza di 1 franco

L’idea scaturisce nel 1988: i soci sottoscrittori del Club 365 finanziano con 1 franco al giorno una cartella grafica composta da tre esemplari, i cui autori sono altrettanti emergenti o affermati artisti portati all’attenzione da Monti, dai membri del Club o da entrambi; le tre stampe da 30x40 cm, numerate, a tiratura limitata, con biografia e indicazioni dell’artista, rappresentano un’occasione (o una conferma) per i relativi autori, e portano a compimento, allo stesso tempo, l’intento divulgativo di Monti, e cioè fornire una panoramica fedele del mondo della grafica d’artista. «Promulgare, creare un network, un sistema di relazioni, trovare iniziative di promozione, sono qualità proprie di Monti», spiega Cavadini: «La grafica è la Cenerentola di un mondo dell’arte che riserva i propri focus prevalentemente alla pittura, alla scultura e all'architettura, senza sapere che i migliori rappresentanti di queste tre categorie si sono cimentati con la grafica come momento d’introspezione, di ricerca. A Manlio Monti si deve questa visione di spesa quotidiana di 1 franco dal quale è nato il piacere d’iniziare una collezione grafica, di accendere una passione, di realizzare un momento d’incontro con l’artista».

Lo Spazio Officina ospita per intero quanto si deve al Club 365, ovvero tutte e 70 le incisioni di artisti di sei nazionalità – Svizzera, Italia, Francia, Spagna, Albania e Slovacchia – presenti a Chiasso grazie a una donazione decisiva per il definitivo completamento della genesi e, ancor prima, perché questa mostra esista. La donazione arriva da Simone Cornaro, filantropa del mondo dell’arte e socia dell’associazione amici del m.a.x. museo: «Sono felice – racconta – di aver suggerito la necessità di una mostra su Monti, essendo importante, a mio parere, che la popolazione di Chiasso e l’Insubria in generale vengano a conoscenza di questo straordinario lavoro incentrato sulla grafica, sull’incisione in tutte le sue forme, qui raccolte a testimonianza». Cornaro ricorda il primo incontro con Monti a Locarno, in quell’atelier presto popolatosi di artisti, da lei conosciuti in prima persona; tiene anche a sottolineare come donare le opere del Club 365 sia il suo «personale omaggio a quest’idea finalizzata ai giovani, all’opportunità di metterli in contatto con l’arte in modo accessibile. E poi, per me che ho appena cessato l’attività lavorativa – conclude – è un modo di prendere congedo dalla città».


Giuseppe De Giacomi, Senza titolo (2005 - acquatinta 22,7 x 29,5 cm - Edizioni Il Salice - Collezione d’arte m.a.x. museo, Chiasso - Foto © Carlo Pedroli)

‘Un gioco da portare avanti con rigore’

«Vedo tutte queste opere e mi dico che sono una garanzia: quella di essere invecchiato». Più che parlare di sé – «...dopo tutti questi elogi...» – Manlio Monti ringrazia chi ha voluto trasferire il suo atelier, e gran parte della sua vita, allo Spazio Officina: «Quanto esposto – dice chiudendo l'incontro – è poco più della metà. È il lavoro di un terzo di secolo, di un’avventura cominciata nel 1987, quando disegnai un torchio elettrico da 800 kg che ha stampato migliaia d’incisioni. Nel momento d’inaugurarlo ci dicemmo: “E se facessimo una cartelletta?”».

La storia di Monti è anche quella di un’amicizia scaturita dal rapporto professionale. Quella con Michel Seuphor, pittore e poeta belga naturalizzato francese, chinatosi come storico e critico in particolare sull’arte del Novecento e sull’astrattismo. Una parte del fitto carteggio tra Monti e Seuphor (vero nome Ferdinand Louis Berckelaers, Seuphor è anagramma di ‘Orpheus’) è esposta all’ingresso della mostra: «Capita nella vita di trovare per terra la collana d’oro, o di fare il sei al lotto. Io l’ho fatto con lui», racconta Monti, avanti e indietro da Parigi negli ultimi dieci anni di vita di Seuphor, classe 1901, scomparso nel 1999. «Era persona di una cultura spaventosa, che ha conosciuto tutti i più grandi del XX secolo. Non tanto un artista di grande importanza, ma un catalizzatore. “Io non sono uno storico dell’arte”, mi diceva: “Quando le cose capitavano, io ero lì”. Il mio ritorno da Parigi era come fossi andato a leggere un’enciclopedia».

Gli aneddoti sul rapporto con Seuphor, che 95enne si mise a studiare il sanscrito, meriterebbero sezione della mostra a parte: «Un giorno gli chiesi dei futuristi: lui aprì un cassetto e ne uscirono lettere di Severini, Boccioni...». Ma il sei al lotto, più in generale, è stato per Monti «l’aver fatto un lavoro che mi ha dato l’opportunità di conoscere persone intelligenti e in gamba, dalle quali ho ricevuto tanto». Il suo intervento si chiude così: «Tutto quel che ho fatto, che abbiamo fatto, è lavoro, ma mi sono divertito. Perché questo è un gioco». E cita per l’ultima volta un Seuphor degli anni 70: «L’intervistatore gli chiese conferma del fatto che avesse definito l’arte un gioco, e la sua risposta fu: “L’arte è un gioco da portare avanti con rigore”. E aveva perfettamente ragione: avete mai provato a disturbare i ragazzini mentre giocano?...».


Flavio Paolucci, Senza titolo (1998, acquatinta su Carta Velin de Rives, 25 x 19,8 cm - Edizioni Il Salice - Collezione d’arte m.a.x. museo, Chiasso - Foto © Carlo Pedroli)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved