genesi-di-manlio-monti-artigiano-dell-arte
Manlio Monti, Senza titolo (2013 - Serigrafia 29,5 x 50 cm - Edizioni Il Salice - Foto © Carlo Pedroli)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
10 ore

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
11 ore

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
11 ore

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
13 ore

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
1 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
1 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
1 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
1 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
1 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
1 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
1 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
1 gior

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
1 gior

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
1 gior

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
L'intervista
1 gior

Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig

La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
1 gior

Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)

‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
1 gior

Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker

L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
1 gior

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
1 gior

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
1 gior

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
2 gior

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
2 gior

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
2 gior

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
2 gior

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
2 gior

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
2 gior

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
2 gior

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
2 gior

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
3 gior

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
3 gior

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
3 gior

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
3 gior

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Spazio Officina Chiasso
laR
 
10.04.2021 - 11:37

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore

«Sì, ho esposto altrove. A Cagliari, per esempio. Da qualche parte qui dentro dovrebbe esserci la locandina. Ma un insieme di opere di questo tipo, no. E comunque non nel Canton Ticino. È una bella occasione. Fino a pochi giorni fa tutto questo era negli armadi, nelle cassettiere, nelle scansie. Fa un certo effetto anche a me. Quasi quasi non ci credi...». Manlio Monti si guarda intorno, a margine di un incontro durante il quale si è appena parlato di lui, e stampata negli occhi (il riferimento al tornio è puramente casuale) è visibile una certa, palese felicità. «Attenzione, però», ci dice: «Noi vediamo un foglio, ma per ognuno ce ne sono cinquanta, e cinquanta, e altri cinquanta ancora. Sono tanti...».

‘Manlio Monti. Attività grafica e sua genesi’ è la mostra allestita allo Spazio Officina di Chiasso. Si apre sabato 10 aprile e si chiuderà giovedì 3 giugno 2021. L’inaugurazione, per ovvi motivi, si tiene oggi in streaming dalle 17.30 su www.centroculturalechiasso.ch. La mostra è un tributo all’artista, al docente, al divulgatore, al promotore, attitudini che hanno nelle Edizioni Il Salice – fondate da Monti nel 1987, col nome mutuato dall’ubicazione dei suoi atelier ai Saleggi di Locarno – un punto di riferimento della grafica d’arte, anche oltre i confini nazionali. Non meno delle Cartelle nere – abbinamento tra sei incisioni e altrettanti testi letterari o poetici (più recenti sono quelle blu e grigie) – e delle stampe Club 365, progetto cardine nella conoscenza e diffusione dell’incisione calcografica, presenti a Chiasso nella totalità della produzione.

Esposte nelle stanze di Spazio Officina sono quasi trecento grafiche di oltre 60 artisti, Monti compreso, comprensive di più tecniche (acquaforte, acquatinta, bulino, puntasecca, ceramolle, stampa a secco, serigrafia). Ci sono libri d’artista e pure un torchio proveniente dagli atelier di Monti, e che a Chiasso, in quanto donazione dello stesso, resterà per sempre.


Mario Botta, Mogno (1989 - acquaforte, 29,5 × 39,5 cm - Edizioni Raredisc, Bon à tirer - Foto © Carlo Pedroli)

‘Ragnatela tra emergenti e affermati’

Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo e dello Spazio Officina, curatrice dell’esposizione insieme allo stesso Monti, annuncia con orgoglio quella che a tutti gli effetti è la prima mostra dedicata all’artista all’interno di una struttura pubblica del Cantone, riportando in vita una delle definizioni mai obsolete legate al riconoscimento dell’opera altrui – nemo propheta in patria – e colmando, pertanto, un vuoto storico: «Capita che si sia più conosciuti all’estero, in Italia e in Europa, per esempio, dove Monti ha esposto. Ma è finalmente giunto il momento di rendere omaggio all’opera incessante di questo artigiano dell'arte». È quanto pensa anche Dalmazio Ambrosoni, storico e critico d’arte il cui saggio sull’opera di Monti, nel catalogo edito da Edizioni Centro Culturale Chiasso, va ad aggiungersi a quello di Cavadini: «Ho sempre pensato che la sua figura necessitasse di storicizzazione. Lo andai a trovare per la prima volta negli anni Novanta, in tempi molto intensi. Notai subito la grande attività, articolata e profonda, riconoscendo in lui il vero continuatore della stagione straordinaria che riguardò Locarno, Ascona, Muralto, dal 1955 in avanti. Fu proprio Monti, insediatosi con perfetta coscienza, consapevolezza e precisione cronologica in quel momento storico, a rilanciarla». Ancora Cavadini: «Ospitiamo cinquant’anni di attività grafica attiva, condotta con modestia, tanto nell’atelier quanto nell’attività didattica, in quella scuola cui Monti ha dato moltissimo, sapendo tessere una ragnatela tra giovani generazioni e artisti affermati, all’insegna della ricerca costante nel campo della grafica. Monti è un’origine di tutte le cose, con capacità di analisi, introspezione».

L’origine di tutte le cose, non a caso, è il tema 2021 del Centro Culturale Chiasso. Dal ‘Confine’ – filo conduttore dell’anno 2020, celebrazione del libero passaggio anche intellettuale, tornato limite insormontabile per motivi pandemici – si è passati alla ‘Genesi’, oggi «simbolo di rinascita» e, da Cavadini, auspicata «nuova modalità di vita legata al piacere dell’incontro e del fruire». Lo Spazio Officina, pertanto, espone la genesi di Manlio Monti, classe 1948, studi a Lugano, completamento della formazione a Losanna, luogo dell'incontro con Albert Edgar Yersin, suo insegnante di bulino. In mezzo, il lavoro nello studio dello scultore Max Uehlinger, la frequentazione dell’atelier di Remo Rossi, crocevia di artisti all’interno del quale il giovane locarnese lavora per Jean Arp, Hans Richter, Albert Skira, Nesto Giacometti, François Lafranca.


Dimitri, Clowns (1992 - acquaforte, 29,5 × 39,5 cm - Edizioni Raredisc - Foto © Carlo Pedroli)

La genesi ha un suo momento decisivo nel 1976, con l’affitto da parte di Monti degli atelier locarnesi ormai dismessi di Remo Rossi, rinnovato luogo d’arte e d’insegnamento in cui torna a vivere il fermento riassunto da Ambrosoni (luogo che, pandemia permettendo, sarà oggetto di visite guidate organizzate dallo Spazio Officina). E mentre l’arte fermenta, Monti non abbandona l’insegnamento, che lo porta a Pully, alle scuole di Blenio, al collegio Santa Maria di Pollegio, al Ginnasio cantonale di Locarno, al Centro scolastico per le industrie (Csia), fino alla Supsi, sezione Comunicazione visiva.

La potenza di 1 franco

L’idea scaturisce nel 1988: i soci sottoscrittori del Club 365 finanziano con 1 franco al giorno una cartella grafica composta da tre esemplari, i cui autori sono altrettanti emergenti o affermati artisti portati all’attenzione da Monti, dai membri del Club o da entrambi; le tre stampe da 30x40 cm, numerate, a tiratura limitata, con biografia e indicazioni dell’artista, rappresentano un’occasione (o una conferma) per i relativi autori, e portano a compimento, allo stesso tempo, l’intento divulgativo di Monti, e cioè fornire una panoramica fedele del mondo della grafica d’artista. «Promulgare, creare un network, un sistema di relazioni, trovare iniziative di promozione, sono qualità proprie di Monti», spiega Cavadini: «La grafica è la Cenerentola di un mondo dell’arte che riserva i propri focus prevalentemente alla pittura, alla scultura e all'architettura, senza sapere che i migliori rappresentanti di queste tre categorie si sono cimentati con la grafica come momento d’introspezione, di ricerca. A Manlio Monti si deve questa visione di spesa quotidiana di 1 franco dal quale è nato il piacere d’iniziare una collezione grafica, di accendere una passione, di realizzare un momento d’incontro con l’artista».

Lo Spazio Officina ospita per intero quanto si deve al Club 365, ovvero tutte e 70 le incisioni di artisti di sei nazionalità – Svizzera, Italia, Francia, Spagna, Albania e Slovacchia – presenti a Chiasso grazie a una donazione decisiva per il definitivo completamento della genesi e, ancor prima, perché questa mostra esista. La donazione arriva da Simone Cornaro, filantropa del mondo dell’arte e socia dell’associazione amici del m.a.x. museo: «Sono felice – racconta – di aver suggerito la necessità di una mostra su Monti, essendo importante, a mio parere, che la popolazione di Chiasso e l’Insubria in generale vengano a conoscenza di questo straordinario lavoro incentrato sulla grafica, sull’incisione in tutte le sue forme, qui raccolte a testimonianza». Cornaro ricorda il primo incontro con Monti a Locarno, in quell’atelier presto popolatosi di artisti, da lei conosciuti in prima persona; tiene anche a sottolineare come donare le opere del Club 365 sia il suo «personale omaggio a quest’idea finalizzata ai giovani, all’opportunità di metterli in contatto con l’arte in modo accessibile. E poi, per me che ho appena cessato l’attività lavorativa – conclude – è un modo di prendere congedo dalla città».


Giuseppe De Giacomi, Senza titolo (2005 - acquatinta 22,7 x 29,5 cm - Edizioni Il Salice - Collezione d’arte m.a.x. museo, Chiasso - Foto © Carlo Pedroli)

‘Un gioco da portare avanti con rigore’

«Vedo tutte queste opere e mi dico che sono una garanzia: quella di essere invecchiato». Più che parlare di sé – «...dopo tutti questi elogi...» – Manlio Monti ringrazia chi ha voluto trasferire il suo atelier, e gran parte della sua vita, allo Spazio Officina: «Quanto esposto – dice chiudendo l'incontro – è poco più della metà. È il lavoro di un terzo di secolo, di un’avventura cominciata nel 1987, quando disegnai un torchio elettrico da 800 kg che ha stampato migliaia d’incisioni. Nel momento d’inaugurarlo ci dicemmo: “E se facessimo una cartelletta?”».

La storia di Monti è anche quella di un’amicizia scaturita dal rapporto professionale. Quella con Michel Seuphor, pittore e poeta belga naturalizzato francese, chinatosi come storico e critico in particolare sull’arte del Novecento e sull’astrattismo. Una parte del fitto carteggio tra Monti e Seuphor (vero nome Ferdinand Louis Berckelaers, Seuphor è anagramma di ‘Orpheus’) è esposta all’ingresso della mostra: «Capita nella vita di trovare per terra la collana d’oro, o di fare il sei al lotto. Io l’ho fatto con lui», racconta Monti, avanti e indietro da Parigi negli ultimi dieci anni di vita di Seuphor, classe 1901, scomparso nel 1999. «Era persona di una cultura spaventosa, che ha conosciuto tutti i più grandi del XX secolo. Non tanto un artista di grande importanza, ma un catalizzatore. “Io non sono uno storico dell’arte”, mi diceva: “Quando le cose capitavano, io ero lì”. Il mio ritorno da Parigi era come fossi andato a leggere un’enciclopedia».

Gli aneddoti sul rapporto con Seuphor, che 95enne si mise a studiare il sanscrito, meriterebbero sezione della mostra a parte: «Un giorno gli chiesi dei futuristi: lui aprì un cassetto e ne uscirono lettere di Severini, Boccioni...». Ma il sei al lotto, più in generale, è stato per Monti «l’aver fatto un lavoro che mi ha dato l’opportunità di conoscere persone intelligenti e in gamba, dalle quali ho ricevuto tanto». Il suo intervento si chiude così: «Tutto quel che ho fatto, che abbiamo fatto, è lavoro, ma mi sono divertito. Perché questo è un gioco». E cita per l’ultima volta un Seuphor degli anni 70: «L’intervistatore gli chiese conferma del fatto che avesse definito l’arte un gioco, e la sua risposta fu: “L’arte è un gioco da portare avanti con rigore”. E aveva perfettamente ragione: avete mai provato a disturbare i ragazzini mentre giocano?...».


Flavio Paolucci, Senza titolo (1998, acquatinta su Carta Velin de Rives, 25 x 19,8 cm - Edizioni Il Salice - Collezione d’arte m.a.x. museo, Chiasso - Foto © Carlo Pedroli)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte manlio monti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved