scoprendo-albert-oehlen-artista-e-collezionista
Albert Oehlen, Senza titolo, 2005/1997
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith

Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Musica
14 ore

Houstones, dipendenza da ‘Adderall’ (il nuovo singolo)

Con videoclip annesso, torna a cantare in inglese il quartetto Savarino-Pfister-Cuomo-Maggini, aspettando il nuovo album, dopo l’estate)
Danza contemporanea
15 ore

Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project

Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Cinema
16 ore

‘Like Dew in the Sun’, l’Ucraina di Peter Entell al GranRex

Lunedì 30 maggio alle 20.30 a Locarno un film che nel 2016 analizzava le ragioni dei conflitti in Ucraina
Culture
16 ore

A Bellinzona l’esempio di vita di Leonardo Sciascia

Mercoledì primo giugno alle 18.30 la presentazione del volume ‘Il tenace concetto. Leonardo Sciascia: la letteratura, la conoscenza, l’impegno civile’
Culture
19 ore

Anche la poesia abita a Soletta

Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
1 gior

Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’

Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Musica
1 gior

‘Frequenze libere’, chiudono Heike Fiedler e Natalie Peters

Interazione tra la parola e la musica per il gran finale di domenica 29 maggio allo Spazio Elle di Locarno
Spettacoli
1 gior

Cannes dalla musica di Bowie ai corpi di Cronenberg

In Concorso sono arrivati gli attesi David Cronenberg e Park Chan-wook, ma il miglior film è ‘Nos Frangins’ (I nostri fratelli) di Rachid Bouchareb
La recensione
1 gior

LuganoMusica, quando l’improvvisazione incontra Čajkovskij

Gabriela Montero e Mirga Gražinyté-Tyla, con gradite sorprese, per un finale di stagione che non è stato solo ‘il classico concerto’
Spettacoli
1 gior

Luminanza, terzo anno per il ‘reattore teatrale’

Aperto fino al 10 luglio il bando per il percorso di formazione in drammaturgia teatrale
03.09.2021 - 21:42

Scoprendo Albert Oehlen, artista e collezionista

Al Masi apre la mostra "grandi quadri miei con piccoli quadri di altri", in cui l'artista tedesco unisce sue creazioni a opere da lui acquistate

Per un fortunato imprevisto, entrando nella sala per la visita in anteprima della mostra che il Museo d’arte della Svizzera italiana dedica ad Albert Oehlen ho preso solo il foglio di sala con l’elenco e le biografie degli artisti, lasciando quello con la mappa e l’elenco delle opere e che sostituisce i cartellini che sempre più musei tolgono. Un piccolo errore, dovuto al fatto che i due pieghevoli hanno la copertina assolutamente identica, che mi ha portato a un primo giro per le sale ignorando completamente se l’opera che avevo davanti era una di quelle di Oehlen o, al contrario, una di quelle che l’artista tedesco ha collezionato e che, con una certa ironia, ha deciso di esporre insieme ai suoi lavori in questa mostra intitolata “grandi quadri miei con piccoli quadri di altri”. Ne è risultato un curioso girovagare nell’arte contemporanea, cercando rimandi e assonanze tra le opere e immaginando le ragioni di accostamenti e contrapposizioni, ma alla fine anche per una liberatoria rinuncia alle categorie estetiche, con il piacere di guardare l’arte senza saperne niente o quasi. “Dialogo libero tra opere e artisti” lo definirà, durante la conferenza stampa, la curatrice Francesca Benini, giustificando la scelta di non mettere didascalie affidandosi a (due: fate attenzione) fogli di sala.

Scoprire quali opere ha un artista nella propria collezione è un po’ come curiosare nelle biblioteche degli scrittori: una preziosa fonte di informazioni per gli addetti ai lavori non priva di interesse anche per i semplici appassionati. Con questa esposizione, al Lac da domani e fino al 20 febbraio, si va oltre perché Albert Oehlen è certo l’artista autore di una mezza dozzina dei lavori esposti, è certo il collezionista che ha cercato e acquistato le altre opere in mostra, ma è anche il curatore: ha scelto le opere e ha rivisto (sospettiamo: stravolto) le proposte di allestimento di Benini. L’esposizione sembra insomma avere un carattere autobiografico, un racconto di sé stessi interessante perché – come ha spiegato sempre Benini in conferenza stampa – parliamo di un artista riservato ed elusivo. Nato nel 1954 in Germania, Albert Oehlen ha studiato ad Amburgo mettendosi presto in luce nella scena artistica di Berlino e Colonia, inserendosi insieme a Martin Kippenberger e Werner Büttner nella cosiddetta ‘Junge Wilde’. Alla fine degli anni Ottanta decide di trasferirsi in Spagna dove abbandona la figurazione per l’astrazione, o meglio per una “pittura post-non-figurativa” come la definisce egli stesso. “Oehlen sembra attuare il processo di decostruzione anche al concetto di arte astratta – scrive Francesca Benini nel catalogo –, mirando a conseguire una sempre maggiore autonomia con la quale muoversi e individuare nuove risorse visive, ma rimettendo poi tutto continuamente in discussione”.

In poche parole: un artista di non facile lettura e allora le opere di altri artisti, da lui comprate e selezionate, possono essere di aiuto a scoprire chi è Albert Oehlen. O quantomeno a darci una mostra particolare e, come accennato, ironica. Iniziando dal titolo, delicatamente falso visto che i quadri grandi – sia nel senso della dimensione, sia dell’importanza – non sono solo quelli di Oehlen. C’è poi il gioco di rimandi: due delle sue opere richiamano esplicitamente elementi di altri due quadri, ovviamente trasfigurati profondamente. In un caso, ha raccontato Benini, per una questione curiosa e rappresentativa del personaggio: la trattativa con un gallerista per un quadro di Richard Artschwager era in stallo e, temendo di non poter più acquistare quell’opera, Oehlen ha semplicemente deciso di rifarla prendendo e trasformando le figure rappresentate.

Ma il gusto per l’ironia, e una provocazione solo apparentemente fine a se stessa, la si vede anche nella scelta delle opere di Oehlen collezionista, tra cui spiccano l’irriverente Paul McCarthy, l’iperrealista Duane Hanson e ancora le opere di Rebecca Warren e Willem de Kooning.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
albert oehlen arte masi
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved