la-guerra-in-ucraina-mina-le-certezze-dell-economia
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
46 min

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
48 min

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
50 min

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
1 ora

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
1 ora

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
2 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
2 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
2 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
laR
 
11.03.2022 - 05:20

La guerra in Ucraina mina le certezze dell’economia

Aiti e Camera di commercio favorevoli ad alleggerimenti fiscali, anche temporanei, sul costo dell’energia

La situazione d’incertezza generata dalla guerra in Ucraina non sembra, per ora, aver compromesso la ripresa economica svizzera. Gli economisti dell’istituto Bak Economics hanno però corretto al ribasso le previsioni congiunturali. Per l’anno in corso, infatti, si aspettano una crescita del prodotto interno lordo (Pil) del 2,6%, invece che del 3,1%. Moderate le prospettive d’inflazione viste comunque al rialzo: +2,1% per il 2022. Questo non rassicura le associazioni economiche che temono soprattutto per il forte rincaro delle materie prime, dei derivati del petrolio e in generale dei prezzi energetici, oltre al rafforzamento del franco svizzero nei confronti dell’euro. «Per l’industria di esportazione – e lo sosteniamo da tempo – un tasso di cambio inferiore a 1,10 franchi per un euro aumenta il rischio di delocalizzazione di parte della produzione», afferma Stefano Modenini, direttore dell’Associazione delle industrie ticinesi (Aiti). Da alcuni giorni la coppia euro-franco è vicinissima alla parità (1,02 franchi). «A questi livelli il rischio è ancora più alto», aggiunge Modenini che precisa: «Al momento non abbiamo segnali che ci siano aziende pronte ad andarsene dal Ticino, ma le autorità cantonali non devono dare per scontato che questo non avverrà mai. Mi riferisco a gruppi internazionali con siti produttivi non solo in Ticino e centri direzionali fuori dalla Svizzera. Per loro è certamente più facile prendere decisioni del genere se i margini si riducono. L’impatto sull’occupazione potrebbe essere importante». «Ma siamo ancora nel campo delle ipotesi, visto che la situazione d’incertezza è simile in tutto il mondo occidentale».

A pesare sui costi aziendali ci sono certamente i massicci aumenti di prezzo delle fonti di energia. «Certo, la preoccupazione è chiaramente legata ai costi dell’energia. In seno all’Aiti stiamo costituendo un gruppo di lavoro con dei tecnici del settore che dovrebbe essere attivato nei prossimi giorni. L’obiettivo è quello di cercare d’individuare delle misure che possano essere indirizzate alla Confederazione, perché il margine di manovra a livello cantonale è praticamente nullo», continua Modenini. La richiesta di sospendere o di abbassare le tasse sui prodotti energetici, per esempio, potrebbe essere una soluzione a breve termine. Alcuni atti parlamentari federali e cantonali vanno in questa direzione, per esempio. «Generalmente le aziende industriali agiscono sul libero mercato e fissano in anticipo il prezzo dell’elettricità o del gas con contratti almeno annuali. Il problema si pone di più per le aziende che hanno contratti in scadenza in queste settimane o che devono rinnovarli nei prossimi mesi», afferma il direttore dell’Aiti.

Su questo aspetto concorda anche il direttore della Camera di commercio ticinese Luca Albertoni. «Allentare il peso fiscale sui prodotti energetici potrebbe essere una misura che il Consiglio federale potrebbe prendere. Non credo però che sia una soluzione praticabile a lungo termine e potrebbe anche generare delle disparità di trattamento tra i vari settori economici. Il fatto che la Svizzera abbia un mix energetico che non dipende da una sola fonte ha un ruolo positivo e forse alla luce di questi eventi si potrebbero anche riconsiderare alcune scelte di politica energetica», commenta Albertoni che precisa: «Non è una soluzione nemmeno sussidiare l’acquisto di gas ed elettricità come sta avvenendo nell’Unione europea, anche perché è difficile stimare oggi quanto questa brutta situazione durerà. E non mi riferisco solo alle ricadute economiche, ma anche a quelle umane e sociali che la guerra sta causando».

Lavoro ridotto, una misura efficace

Nella misura però in cui l’evento bellico, al pari della pandemia, è qualcosa di inaspettato, la Confederazione potrebbe, per esempio, rimettere in piedi il piano di aiuti all’economia iniziando con il ripristinare la possibilità di ricorrere alle indennità per il lavoro ridotto in modo facilitato. «Questo è uno strumento che si è rivelato molto efficace durante i due anni di pandemia e, se necessario, credo che possa essere riproposto. Al momento non abbiamo però indizi di un rallentamento dell’attività economica generale e i mercati esteri principali per le nostre imprese non sono quello russo e ucraino», aggiunge Albertoni. Per quanto riguarda il rafforzamento del franco svizzero, il direttore della Camera di commercio è fiducioso in «un’accorta politica monetaria». «La Banca nazionale svizzera secondo me sta seguendo l’evoluzione e interviene in modo puntuale», precisa il direttore della Camera di commercio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiti economia russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved