ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
14 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
17 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
19 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
23 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
1 gior

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
1 gior

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
Grigioni
1 gior

Tra Soazza e Mesocco risanamento A13 da 35 milioni

Cantiere al via il 30 gennaio per la durata di tre anni. Si comincia con la corsia sud-nord
Locarnese
1 gior

A Minusio una chiacchierata con Leo Critelli

Appuntamento alla Villa San Quirico: organizza l’Associazione Quartiere Rivapiana
Bellinzonese
1 gior

‘Il sogno di un uomo ridicolo’ all’oratorio di Bellinzona

Dedicato agli adolescenti, studenti e apprendisti lo spettacolo di Emanuele Santoro proposto da Minimusica nell’ambito della rassegna MaxiTeatro
Ticino
1 gior

Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio

L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
1 gior

Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola

Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Locarnese
1 gior

Tecnologia, si abbassa l’età di chi ne subisce il fascino

Gremita la sala dei congressi per la serata voluta dagli istituti scolastici di Locarno e Muralto, con il patrocinio dei Municipi
Luganese
1 gior

Un weekend di basket... al Cinema Lux!

Le ultime partite della Swiss Basketball League Cup che si svolgeranno a Montreaux verranno proiettate in diretta sugli schermi del cinema massagnese
Locarnese
1 gior

Bibliocabine, a Muralto la mozione di Ordine e progresso

Il gruppo chiede al Municipio d’installare le mini-strutture per lo scambio gratuito di libri
Luganese
1 gior

La Croce Verde cerca aspiranti soccorritori

L’ente di soccorso preospedaliero luganese organizza una serata informativa rivolta a coloro che voglio avvicinarsi al mondo del soccorso volontario
laR
 
08.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:43

‘Donne, diritti e parità: serve cambiare passo. Le mie proposte’

Greta Gysin (Verdi) presenta cinque atti a Berna: dal sociale al rispetto per le vittime di violenze, passando per la pink tax: ‘Un assurdo sovrapprezzo’

donne-diritti-e-parita-serve-cambiare-passo-le-mie-proposte
Ti-Press
La manifestazione per lo sciopero del 2019 e, nel riquadro, Greta Gysin

«Serve un vero cambio di paradigma a livello politico e sociale, perché certi problemi non nascono né muoiono l’8 marzo. Questa è una data simbolica, per attirare l’attenzione su determinati problemi che toccano in maniera particolare le donne. Non basta tematizzare la Giornata internazionale per i diritti delle donne né tanto meno regalare mimose: ci vogliono azioni e interventi concreti, che valgano tutto l’anno». A esserne convinta, a colloquio con ‘laRegione’, è la consigliera nazionale dei Verdi Greta Gysin che, proprio oggi, inoltrerà al Consiglio federale ben cinque atti parlamentari che abbracciano vari ambiti, dal sociale al rispetto per le vittime di violenze fisiche, psicologiche e sessuali, dalla tutela delle richiedenti l’asilo alla formazione delle figure professionali per evitare la vittimizzazione secondaria o terziaria di chi subisce reati sessuali.

‘I prodotti per le donne costano fino al 37% in più’

Il primo atto è un postulato con cui Gysin chiede al governo di ponderare il calcolo del fabbisogno in base al genere. Vale a dire calcolare e considerare la cosiddetta ‘Pink tax’, allo studio in diversi Paesi del mondo, che attesta come gli stessi identici prodotti se rivolti alle donne hanno costi notevolmente maggiori rispetto a quelli per gli uomini. «Una donna ha già costi specifici maggiori, come i prodotti per l’igiene femminile o i contraccettivi, e in più si trova confrontata col fatto che spesso un articolo costa di più se confezionato di colore rosa!», sottolinea la deputata al Nazionale dei Verdi. Che spiega la questione con un esempio concreto: «Illuminanti sono i reparti dei prodotti cosmetici: ad esempio ho notato che le lamette per depilazione femminile costavano il 30% in più di quelle maschili. E questo nonostante avessero una lametta in meno! Un’ingiustizia, un ‘sovrapprezzo per donne’ ingiustificabile e discriminatorio».

Ma anche uscendo dal reparto cosmesi il problema è presente, anzi, si allarga: «In molti Paesi diversi studi negli ultimi dieci anni hanno mostrato differenze di prezzo tra il 7 e il 37%, e a essere toccati sono davvero tutti i settori dove esistono prodotti differenziati per genere: giochi per l’infanzia, prodotti igienici, capi d’abbigliamento e accessori, servizi come parrucchieri o lavanderie». E quindi, che fare? Intervenire con una sorta di calmiere? «No, in un’economia liberale un intervento diretto dello Stato nella politica dei prezzi è impensabile e nemmeno desiderabile. Resta però il fatto che essere donna costa di più che essere uomo. Un’ingiustizia dell’economia, di cui lo Stato dovrebbe tenere conto perlomeno quando si tratta di calcolare un fabbisogno, ad esempio per stabilire il minimo vitale o per l’ammontare degli alimenti».

‘Le vittime di violenza possano chiedere processi a porte chiuse, anche ai media’

Il secondo e il terzo atto, una mozione e un’interpellanza dal contenuto molto simile, aprono un tema delicato: il rapporto tra media e processi dove le vittime sono persone che hanno subito violenze, soprattutto sessuali. Fondamentalmente, Gysin chiede di «intervenire negli articoli 70 e 72 del Codice di procedura penale garantendo il diritto della vittima di pretendere che il processo si svolga, oltreché a porte chiuse per il pubblico, pure senza i media a riferirne, come già avviene in alcuni cantoni».

Tema delicato, si diceva. Perché se da un lato c’è il sacrosanto diritto di una vittima a tutelare la propria privacy, c’è anche il tema della pubblicità dei processi e del fatto che riportare i dibattimenti sulla stampa, con tutti i vincoli di legge, è anche garantire la trasparenza della giustizia. Soprattutto, ma non solo, se il processo è indiziario. Non sono sufficienti tutti i vincoli cui un cronista già deve sottostare a livello di legge e deontologia? «No», risponde secca Gysin. Che spiega: «Purtroppo l’esperienza ha mostrato come molto spesso i media non operino con la giusta sensibilità di fronte a casi estremamente delicati come la violenza sessuale. Ci sono tanti esempi di procedure - continua la deputata dei Verdi alla Camera bassa -, in cui nella cronaca si sono potuti leggere dettagli molto intimi che più che con l’interesse pubblico, hanno a che fare col voyeurismo».

E con il diritto di cronaca e di riferire al pubblico come la si mette? «Ne riconosco l’importanza, ci mancherebbe altro - risponde Gysin -, ma va ponderato con la protezione della sfera privata della vittima, che attualmente non è sufficientemente garantita. L’iter che porta a un processo è lungo, estenuante, caro. In Tribunale vengono nuovamente tematizzate le violenze e i torti subiti, a volte la vittima deve testimoniare. Non è facile farlo davanti a una corte, figuriamoci se sono presenti anche i media. Se una vittima si sente inibita deve poter chiedere senza bisogno di giustificarsi e senza che la corte debba decidere in merito, che il processo si svolga a porte chiuse, anche per i media». A maggior ragione perché «coi social e con internet, incrociando informazioni, dati e fatti, è sempre più facile risalire alle persone coinvolte. E a tutto questo - sottolinea Gysin - si aggiunge che l’eco mediatica può essere considerata un’attenuante, che porta a una riduzione della pena. Comprensibile forse dal punto di vista giuridico, ma per la vittima è un ulteriore schiaffo». Vittime che «in larghissima parte (90%!) nemmeno denunciano, quando subiscono una violenza. A chi trova il coraggio di denunciare è dovuto il sostegno necessario, non ulteriori difficoltà lungo il cammino. Da oltre 20 anni ci sarebbero leggi svizzere e internazionali a sancirlo, ma nei fatti non è così».

‘Più formazione per evitare vittimizzazione secondaria...’

Il quarto atto, un’altra interpellanza, si inserisce nel percorso perché «chiedo che venga effettivamente garantito che tutte le persone che hanno a che fare con vittime di reati sessuali siano formate per evitare il fenomeno della vittimizzazione secondaria o terziaria, ed evitare che questa persona subisca altri traumi. Ad aprile la Convenzione di Istanbul sarà in vigore da quattro anni, e la Svizzera non ha ancora fatto abbastanza per attuarla. Penso soprattutto alla formazione di chi si occupa delle varie fasi dei procedimenti, ma anche quella dei rappresentanti dei media che ne riferiscono».

‘... e più tutele per le richiedenti asilo’

A conclusione del pacchetto di atti parlamentari che arriveranno oggi sul tavolo del Consiglio federale, Gysin chiede anche, con un’interpellanza, che nel decidere in materia di accoglienza e ammissione di migranti, richieste di asilo, rimpatri forzati o respingimenti «la Segreteria di Stato della migrazione tenga in debita considerazione i rischi e le condizioni di vita specifiche per donne e ragazze nei Paesi in cui verrebbero rimpatriate o respinte così come richiederebbe l’articolo 3 della Legge federale sull’asilo».

IN TICINO

Gardenghi: ‘La violenza è anche fuori dalle mura di casa’

In occasione della Giornata internazionale della donna anche i Verdi del Ticino fanno sentire la propria voce. Con un’interrogazione al Consiglio di Stato, prima firmataria la deputata Cristina Gardenghi, affermano che "come ci insegna la Convenzione di Istanbul, purtroppo la violenza nei confronti delle donne ha molte facce e si produce in molti luoghi e situazioni diverse, anche al di fuori delle mura di casa o di una relazione". Un esempio, scrive Gardenghi, "sono le molestie e i comportamenti persecutori (stalking) subiti da molte donne nella loro vita quotidiana anche da parte di semplici conoscenti o persino da sconosciuti". Atti che vengono subiti ma che, ricorda la granconsigliera dei Verdi, "molto spesso non possono essere ricondotti a fattispecie specifiche o non raggiungono un’intensità tale da costituire dei reati secondo il diritto vigente (...). Tuttavia, provocano comunque reazioni psichiche e fisiche nella vittima, come insicurezza, disagio, paura, disturbi del sonno e crisi di panico, che alla lunga si acuiscono e possono causare patologie gravi".

Quindi, i Verdi chiedono al governo come vengono gestiti questi casi in Ticino, con quali procedure e con l’attivazione di quali organi; se esiste un apparato che permetta di prestare assistenza alle vittime di queste situazioni (non per forza giudicate reati) e, se no, se il Consiglio di Stato intende impostare una riflessione in questo senso, "magari ampliando gli scopi del piano d’azione cantonale per contrastare la violenza domestica". Inoltre, dopo aver chiesto se in Ticino c’è un luogo dove le informazioni relative a queste fattispecie possano essere centralizzate, si chiede al governo se stia svolgendo una riflessione sulla possibilità di introdurre, come già avvenuto in altri Cantoni, una gestione cantonale delle minacce, "ossia una collaborazione interdisciplinare di tutti i servizi competenti per una conduzione coordinata dei casi di violenza e di minaccia".

Appuntamento in piazza

Intanto, la rete ‘Nateil14giugno’ scrive di un 8 marzo "contro la guerra, contro le violenze di ogni genere e contro le discriminazioni", invitando "le femministe di tutto il mondo a opporsi all‘occupazione militare in Ucraina". Il gruppo ’Io l’8 ogni giorno’, invece, ricorda l’appuntamento oggi alle 18 in Viale Stazione a Bellinzona, per una manifestazione contro la violenza e contro la guerra".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved