gysin-richiedenti-l-asilo-servono-centri-piu-accoglienti
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
7 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
8 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
9 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
12 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
16 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
20 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
1 gior

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
1 gior

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
1 gior

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
1 gior

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
laR
 
17.06.2021 - 05:15
Aggiornamento : 17:03

Gysin: ‘Richiedenti l’asilo, servono centri più accoglienti’

La consigliera nazionale dei Verdi invia al Consiglio federale tre atti in cui chiede un autentico cambio di paradigma: ‘No a misure privative della libertà’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Il Consiglio federale deve lanciare in tempi brevi un progetto pilota per un nuovo tipo di centro federale per richiedenti l’asilo, che rinunci in linea di principio a misure privative della libertà, ponendo l’accento sull’accoglienza e l’integrazione anziché sul controllo». A chiedere quello che, nelle intenzioni, si prefigura come un autentico cambio di paradigma riguardo i centri per richiedenti l’asilo, è la consigliera nazionale dei Verdi Greta Gysin che ieri ha inoltrato al Consiglio federale tre atti parlamentari legati tra loro. Tre atti sui quali «occorre ricevere presto una risposta», osserva Gysin alla ‘Regione’: «Che in questi centri non tutto funzioni come dovrebbe purtroppo lo si sa da tempo, ma le ultime ricerche giornalistiche e un recente approfondimento di Amnesty International hanno mostrato che la situazione è grave e che bisogna agire in fretta».

‘Devono avere spazi di socializzazione, non libertà fortemente limitate’

Cambiando a partire dall’approccio: «Questi centri sono concepiti più come strutture di sicurezza che come strutture di accoglienza - rileva Gysin spiegando il contenuto della prima mozione -. Sono chiusi alla società civile, si trovano filo spinato e muri di cinta alti, alcuni sono in zone periferiche e difficilmente raggiungibili col trasporto pubblico, hanno regole molto rigide per gli orari per il rientro, o quelli per mangiare: c’è poca flessibilità. Tra questi - continua - il problema più grave è l’assenza di contatto con la società civile, la mia tesi è che passando da una struttura di sicurezza con le libertà fortemente limitate a una dove si fa sentire maggiormente il concetto di accoglienza, sono abbastanza convinta che anche il comportamento degli ospiti cambierebbe e che, con queste strategie alternative, si potrebbero anche ridurre i fenomeni di violenza che è indubbio ci siano». Un’apertura che «dovrebbe comprendere spazi di socializzazione, come ad esempio un parco giochi, una libreria o un bar».

‘Un centro dedicato ai minori non accompagnati’

Con un occhio di riguardo particolare ai più giovani: con il secondo atto parlamentare, sempre una mozione, chiede la creazione di un centro federale per i minori non accompagnati richiedenti l’asilo. «Attualmente - afferma la consigliera nazionale dei Verdi - ci sono 133 giovani in centri che non hanno personale specializzato per quello che riguarda i loro bisogni e i loro diritti, perché non dobbiamo mai dimenticare che quelli dei bambini e fanciulli sono accresciuti. Per farvi un’idea, basta pensare al fatto che alloggino in dormitori comuni, tutti insieme. A livello psicologico e pedagogico è una cosa che non faremmo mai con i nostri bambini e invece lasciamo che avvenga con dei minori non accompagnati, soli al mondo». Alla luce della situazione, «ritengo che il Consiglio federale abbia una responsabilità particolare nel trovare una soluzione per migliorare le condizioni di questi bambini e fanciulli».

‘Si istituisca un servizio di mediazione indipendente’

Le due mozioni sono accompagnate da un’interpellanza con la quale Gysin chiede principalmente la creazione di un servizio di mediazione indipendente e dotato di risorse adeguate. Un Ombudsmann, in breve. Figura «fondamentale» per la deputata ticinese alla Camera del popolo, dal momento che «le persone richiedenti l’asilo sono in una situazione di debolezza, in attesa di ricevere una risposta alla domanda se possono rimanere o no. Non conoscono i loro diritti, vengono da Stati dove le istituzioni non sono quelle che conosciamo noi e quindi c’è un po’ di comprensibile diffidenza nei confronti delle autorità. Un centro di mediazione deve essere un ufficio cui potersi rivolgere per sapere se un determinato fatto che è successo a un richiedente l’asilo rientra nella legalità o se è qualcosa di punibile. E in questi casi capire come procedere. È una cosa che attualmente non c’è, il Consiglio federale lo scorso agosto ha detto che non era necessario; adesso sembra che abbia cambiato posizione, speriamo».

Al fine comunque di evitare che certi episodi accadano, serve anche «un migliore controllo del personale nei centri, in particolare degli addetti di sicurezza». Nel senso che per Gysin «bisogna rendersi conto che tutta la sicurezza è esternalizzata, viene gestita da due ditte private, i cui agenti non sono dipendenti della Confederazione ma che, per lo Stato, hanno il monopolio della violenza in questi centri. Quindi devono sapere come usarla e gestirla. I nostri poliziotti hanno formazioni molto severe, corsi continui di aggiornamento, sono seguiti. Non funziona tutto bene in polizia, ma persone che dovrebbero avere una formazione pari a quella di agenti di polizia normali, invece, se va bene fanno un corso di un mese. Si deve pretendere molta più qualità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved