ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
5 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
7 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
10 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
13 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
17 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
17 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
1 gior

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
1 gior

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
1 gior

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
1 gior

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
1 gior

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
1 gior

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
1 gior

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
1 gior

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
31.05.2022 - 18:44
Aggiornamento: 19:05

Ridefinire lo stupro: ‘Solo sì significa sì’

Lo chiede un coordinamento trasversale in vista della revisione a livello federale del Codice penale sui reati sessuali. D’accordo il Consiglio di Stato

ridefinire-lo-stupro-solo-si-significa-si

"Ingiusta, irrealista e offensiva". Così il Coordinamento "Solo sì significa sì" definisce la direzione verso cui si prospetta la revisione del Codice penale sui reati sessuali, in discussione durante questa sessione delle Camere federali. Il nodo problematico riguarda la definizione del reato di stupro. Secondo la Commissione preparatoria del Consiglio degli Stati è sufficiente il principio del "no significa no" per cui lo stupro avviene qualora una persona si oppone a un atto sessuale ma è costretta comunque a subirlo. Invece per il Coordinamento ticinese sostenuto da diverse organizzazioni e da politici di vari schieramenti, questo è assolutamente insufficiente, come espresso oggi in conferenza stampa.

«Noi chiediamo che la definizione riconosca finalmente in termini di legge la realtà delle dinamiche con cui avvengono le aggressioni sessuali, ovvero il fatto che nella maggior parte dei casi la vittima non è in condizione di esplicitare il proprio rifiuto per una lunga serie di motivi, come la paura di subire ancora più violenza o la frequente reazione psicologica e fisiologica del "freezing" che la porta a una sorta di paralisi – spiega Elena Nuzzo, attivista per i diritti delle vittime di violenza di genere e referente della Rete Convenzione di Istanbul –. Chiediamo infatti, come sancisce l’articolo 36 della Convenzione di Istanbul ratificata dalla Svizzera, che si definisca stupro ogni rapporto sessuale imposto senza il consenso dell’altra persona coinvolta». Tredici Paesi firmatari della Convenzione hanno già introdotto questo principio, «mentre la Svizzera vuole andare nel senso opposto – evidenzia Nuzzo –. È ingiustificato anche perché il rapporto di un gremio di esperti internazionali raccomanda a tutti i Paesi di adeguarsi».

Favorevole il Consiglio di Stato

La proposta accoglie i favori anche del Consiglio di Stato ticinese, che alla consultazione federale aveva risposto: "Chiediamo che venga adottata una visione più consapevole della realtà delle violenze sessuali e soprattutto invitiamo la qui presente Commissione a imprimere nei reati contro l’integrità sessuale la nozione di consenso di cui al predetto articolo 36 della Convenzione di Istanbul, discostandosi dalla logica di colpevolizzazione delle vittime". Ora l’intento del Coordinamento è di scrivere alle Camere federali portando l’adesione ticinese al principio del consenso e chiedendo alla deputazione ticinese di farsi interprete di tale posizione.

L’anno scorso in Svizzera c’è stato un numero record di denunce per violenza carnale e coazione sessuale: 1’457. «Ciò che più preoccupa è il fatto che da vari studi, tra cui quello del gfs.bern del 2019 – confermato dai risultati della polizia – emerge che le denunce sono meno del 10% dei casi effettivi. Quindi lo scorso anno si sono verificati circa 15mila reati di stupro in Svizzera», illustra Nuzzo. La parte che resta sommersa è quindi enorme: «Questo vuol dire che chi ha commesso quegli abusi resta libero di perpetrare altra violenza. È una situazione gravissima». Ma perché le vittime non denunciano? Lo studio lo ha chiesto direttamente a loro. «Da una parte c’è chi teme il giudizio di famigliari e opinione pubblica. Dall’altra per paura di non essere credute in assenza di segni visibili. E in effetti per una condanna la legge attuale richiede un grado di violenza fisica e psicologica di una certa intensità». Va poi considerato che in oltre il 90% delle situazioni l’abusante è una persona conosciuta: «Questo rende ancora più difficile denunciare perché implica andare contro tutta una serie di schemi e vincoli familiari, professionali e di dipendenza».

Aumenterebbero le denunce infondate?

La critica principale alla modifica secondo il principio del consenso riguarda il timore di un aumento delle denunce infondate. «Basta guardare agli altri Paesi per capire che non è così. Anche perché resteranno i capisaldi fondamentali di qualsiasi Stato di diritto, cioè la presunzione di innocenza per cui se una Corte non è sicura l’imputato viene assolto, e l’onere della prova che non sarà spostato, dunque starà comunque alla vittima e rispettivamente ai magistrati dimostrare l’avvenuta violenza. Continuerà quindi a essere estremamente difficile per una vittima denunciare, ma perlomeno si parte da una considerazione della società che non incolpa chi non ha opposto resistenza, bensì di chi abusa di una situazione. Uno spostamento del focus è fondamentale», considera Nuzzo.

In Ticino è stato lanciato un appello per firmare una petizione in tal senso – la terza negli ultimi anni – sostenuto dal basso da parte della società civile, dalle organizzazioni che si occupano della difesa e presa a carico delle vittime, dai centri antiviolenza e da vari politici di differenti aeree e livelli istituzionali.

Non è una questione di colore politico

«Il fronte trasversale è necessario perché non è una questione partitica ma di libertà individuale che è un diritto di ogni essere umano – sostiene Roberta Passardi, deputata Plr –. Ritengo gravissimo che ancora oggi si debba discutere di stupro in relazione a come una donna si approccia, si veste o a come reagisce sotto minaccia. Se ci consideriamo una nazione democratica dobbiamo assoggettarci a quello che la Convenzione di Istanbul sancisce». Per la granconsigliera Mps Simona Arigoni Zürcher non si può giudicare la gravità di un’aggressione sessuale sulla capacità delle donne di opporsi in modo chiaro. «È una logica pericolosa intrisa di cultura dello stupro che presuppone che il nostro corpo sia sempre a disposizione, a meno che diciamo di no. La modifica che chiediamo è un primo passo importante, ma bisogna anche lavorare sulla scarsità di risorse a disposizione per l’ascolto e la protezione delle vittime». Dal canto suo Anna Biscossa, deputata socialista, tiene a sottolineare il problema della vittimizzazione terziaria, anch’esso tematizzato nella Convenzione di Istanbul: «La trattazione sui media dei reati sessuali suscita un’attenzione particolare da parte della società, ed è loro responsabilità rispettare i diritti delle vittime e la loro dignità, dando conto della gravità della situazione senza stigmatizzarle. Cosa che non sempre avviene», ad esempio quando si evidenzia il fatto che non è stata opposta resistenza, che si è portata avanti una relazione di abuso, o per la descrizione del modo di vestire. «È assurdo che si voglia che nel nostro Codice penale la donna diventi soggetto solo se dice no – afferma la granconsigliera dei Verdi Samantha Bourgoin –. Questo difetto della legge è l’espressione di un problema molto più ampio della società che non riconosce l’equità dei generi. Dobbiamo intraprendere un percorso che ci porti ad avere meno paura di essere soggetti senza doverci giustificare».

L’invito del Coordinamento è di firmare la petizione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved