alle-medie-ci-sono-opportunita-per-i-docenti-di-francese
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 min

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
8 min

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
18 min

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
24 min

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
37 min

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
42 min

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
1 ora

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
1 ora

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
1 ora

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
1 ora

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
1 ora

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
29.11.2021 - 18:00
Aggiornamento : 30.11.2021 - 13:32

Alle Medie ci sono opportunità per i docenti di francese

L’offerta formativa della Supsi in ambito pedagogico per l’anno 2022/23 terrà conto delle esigenze per questa materia

Ogni anno sono circa 3mila le persone che si candidano per essere ammesse a uno dei 21 corsi Bachelor e 16 corsi Master della Supsi in diversi otto ambiti: architettura e costruzioni, design, tecnica e tecnologia dell’informazione, sanità, economia aziendale, lavoro sociale, musica e teatro, formazione dei docenti. Quest’ultima è quella più gettonata tanto che lo scorso anno si sono candidate 780 persone, mentre le matricole che poi hanno poi iniziato effettivamente l’anno accademico 2021/22 sono state 279. A giugno di quest’anno, invece, sono stati 169 (il numero più alto delle formazioni offerte) i laureati del Dipartimento formazione e apprendimento (Dfa). A seguire i diplomati delle professioni sanitarie (135) e poi tutte le altre. Infine, sono 544 (dato a ottobre 2021) gli studenti del Dfa nelle formazioni di base mentre sono oltre 2’600 coloro che ogni anno frequentano in corsi di formazione continua. «Si tratta di numeri importanti che testimoniano di come la professione docente sia assolutamente attrattiva e con eccellenti prospettive di lavoro», ha ricordato in conferenza stampa il direttore generale della Supsi Franco Gervasoni il quale ha ricordato l’ottima collaborazione con il Decs (Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport. «L’offerta formativa è parametrata rispettando il fabbisogno di docenti previsto dal Cantone», ha precisato da parte sua il direttore del Decs e presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli. Tra le novità per il prossimo anno c’è la figura del docente di appoggio per le classi numerose nelle scuole elementari e nelle scuole dell’infanzia. «Alle elementari questa figura verrà introdotta da classi da 25 allievi, poi si scenderà a 22, 23 e 24 allievi in modo che quando la riforma entrerà a regime ogni classe delle elementari con 21 allievi avrà un docente di appoggio», ha dichiarato Bertoli. Tornando all’offerta formativa per l’anno accademico 2022/2023 – articolata nei Bachelor per l’insegnamento nella scuola dell’infanzia e per l’insegnamento nella scuola elementare e nei Master per l’insegnamento nella scuola media e per l’insegnamento dell’educazione musicale, oltre che il Diploma per l’insegnamento nella scuola media superiore – è stata sottolineata in particolare la possibilità, per chi sia in possesso dei requisiti necessari, di formarsi come insegnante di francese nelle scuole medie, figura professionale particolarmente richiesta nelle scuole del territorio e per la quale Decs e Dfa auspicano di poter incrementare gli effettivi nei prossimi anni. Del resto negli scorsi anni era stata registrata una carenza di docenti di scuola media per le materie di tedesco e matematica.

Durante la conferenza stampa è stato inoltre fatto il punto sui risultati delle modalità di accesso e dei nuovi corsi introdotti nell’anno accademico 2021/2022. Il Master in Pedagogia specializzata e didattica inclusiva – volto a formare figure professionali dedicate all’educazione di allievi con bisogni educativi speciali (Bes) – ha registrato un numero soddisfacente di iscrizioni con 23 matricole. «Un settore, quello dell’educazione speciale, che ha bisogno di docenti», ha spiegato Alberto Piatti, direttore del Dfa. Le modalità di accesso con recupero formativo per il Master di insegnamento nella scuola media per la materia tedesco e matematica hanno a loro volta potuto raccogliere un numero adeguato di adesioni con 16 iscritti per la matematica e 15 per il tedesco.

Nel mese di gennaio 2022 sono previste delle presentazioni online per ogni corso di laurea. Per tutte le persone interessate a formarsi per insegnare nella scuola dell’infanzia o elementare, il Dfa offre la possibilità di frequentare alcune lezioni aperte in presenza tra gennaio e febbraio 2022. Un’altra occasione di orientamento è offerta anche dall’evento “Tutti a Scuola”, previsto il 27 gennaio 2022, passando una giornata in una classe del territorio per scoprire più da vicino la professione di docente in questi livelli scolastici.

Le iscrizioni per i corsi del Dfa si chiudono il 17 febbraio 2022, l’ammissione ai corsi è a numero programmato. Sul portale www.supsi.ch/go/iscrizioni si trovano tutte le informazioni utili.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dfa docenti offerta formativa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved