ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 min

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
18 min

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
7 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
7 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
8 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
10 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
12 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
13 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
13 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
15 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
16 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
21.12.2021 - 18:54

Livelli alle Medie: ‘Sì alla revoca, ma la proposta è carente’

Il Movimento della scuola propone delle modifiche al progetto di riforma del Decs. Chieste condizioni adeguate per docenti e allievi

livelli-alle-medie-si-alla-revoca-ma-la-proposta-e-carente
Ti-Press
Il superamento dei livelli non è ostacolato, ma...

“La fretta con cui si intende realizzare questo progetto lascia irrisolte numerose questioni”, scrive così il Movimento della scuola in merito alla proposta del Dipartimento educazione, cultura e sport (Decs) per il superamento dei livelli in terza media. L’associazione di insegnanti è d’accordo con l’eliminazione dei corsi attitudinali e base nel secondo biennio, ma chiede una “riforma convincente, capace di ponderare tutti gli aspetti della questione”. Pertanto propone alcune modifiche, tra cui elementi per migliorare le condizioni di lavoro per docenti e allievi. Su questo punto si chiede di reperire “le risorse aggiuntive necessarie” e di “definire i contenuti disciplinari e le competenze da raggiungere attraverso le nuove modalità didattiche”. Questo andrebbe fatto “con il contributo dei docenti e degli esperti delle due materie coinvolte”. Il Movimento tematizza anche “la difficoltà nel reperire docenti di materia – principalmente di matematica e tedesco – con le competenze necessarie all’insegnamento” e chiede al Decs di affrontarla.

“La riflessione attorno al futuro dei corsi A e B non può essere scissa da un profondo ripensamento dei criteri di accesso alle scuole post-obbligatorie e dell’offerta di posti di apprendistato”, scrive il Movimento. Infatti per alcuni istituti come il liceo vi sono attualmente dei criteri d’entrata basati sulla partecipazione ai livelli attitudinali. Per l’associazione è necessario “avviare fin da subito una seria riflessione atta a garantire a queste scuole nuove condizioni ideali – in termini di risorse e di mezzi a disposizione – per affrontare, in particolare nel primo biennio, eventuali nuovi scenari”. In caso contrario “i problemi principali che la riforma si propone di risolvere rimarrebbero comunque insoluti, spostando semplicemente la questione alla classe quarta”.

Si sa che ogni allievo ha capacità diverse. Per rispondere ai vari bisogni è necessario proporre ad allievi e docenti “condizioni adeguate”, sostiene il Movimento. Il Decs “si limita a proporre la sostituzione dei corsi A e B con delle ore settimanali di laboratorio a metà classe” e per l’associazione non approfondirebbe in maniera adeguata i benefici che espone. “Il solo inserimento in un gruppo a ranghi ridotti non è condizione sufficiente a garantire una maggiore efficacia nell’apprendimento. Fondamentale è la pertinenza del progetto pedagogico”. Dal punto di vista degli insegnanti “il numero di allievi in un gruppo-classe è solamente uno dei parametri utili a stabilire il carico di lavoro”. In merito a ciò viene ricordato che con la proposta del Dipartimento gli insegnanti “dovranno introdurre da 2 a 3 ore settimanali di attività di laboratorio”. Inoltre “preparare e portare avanti un corso differenziato unificato costerà ai docenti notevoli risorse in più rispetto agli attuali corsi separati”.

“Nessuno mette in dubbio le potenzialità dello strumento laboratoriale, ma ci pare poco sensato prendere posizione sull’idea generale di allargare ulteriormente l’uso del contenitore ‘laboratorio didattico’ senza poter discutere dei ‘contenuti’, cioè delle finalità a cui tale strumento dovrebbe mirare”, scrive ancora il Movimento della scuola.

In ogni caso si ritiene fondamentale che, “nel caso si vada nella direzione di un superamento dei corsi A e B anche in quarta media, si valutino con particolare attenzione le ripercussioni di un più libero passaggio verso percorsi scolasticamente impegnativi come quelli offerti dal settore medio superiore”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved