ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
6 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
6 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
6 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
6 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
6 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
7 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
7 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
7 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
7 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
11.08.2022 - 14:35
Aggiornamento: 18:22

Un successo i corsi estivi di italiano per allievi non italofoni

L’offerta straordinaria è stata attivata dal Decs in seguito al recente arrivo in Ticino di oltre 800 bambini in età scolastica soprattutto dall’Ucraina

un-successo-i-corsi-estivi-di-italiano-per-allievi-non-italofoni
Keystone

È "più che positivo" il bilancio conclusivo dell’offerta dei corsi estivi intensivi facoltativi di italiano dedicati agli allievi non italofoni in età di scuola elementare e scuola media, la cui ultima settimana si concluderà domani (venerdì). Lo comunica il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS).

L’offerta è stata fortemente voluta dal Decs in seguito all’arrivo in Ticino, negli ultimi mesi dello scorso anno scolastico, di oltre 800 bambini e giovani in età scolastica provenienti dall’Ucraina, oltre ad altri bambini e giovani non italofoni provenienti da altri luoghi, considerata anche la probabile permanenza nel nostro cantone di buona parte di questi allievi anche durante il prossimo anno scolastico.

Quest’offerta estiva aveva un duplice obiettivo. Da un lato, promuovere una rapida ed efficace integrazione linguistica e sociale dei bambini e giovani non italofoni presenti sul territorio. Dall’altro, facilitare il lavoro ordinario di integrazione che le scuole continueranno a garantire durante il prossimo anno scolastico. L’organizzazione di quest’offerta straordinaria è stata demandata dal DECS alla Fondazione Lingue e sport, che l’ha gestita in stretta collaborazione con le autorità cantonali, facendo capo alla solida esperienza accumulata negli anni.

Il consigliere di Stato Manuele Bertoli, direttore del DECS, ha visitato oggi due gruppi di allievi alloglotti e incontrato i responsabili della Fondazione Lingue e sport, tra cui il direttore Joël Rossetti, per un bilancio conclusivo di quest’esperienza particolare che si è rivelata un successo. In totale, malgrado il poco tempo a disposizione per i preparativi, è stata approntata un’offerta di 6 settimane consecutive di corsi facoltativi intensivi di italiano (da luglio a metà agosto) distribuiti su tutto il territorio cantonale. I corsi erano composti al mattino da lezioni intensive di italiano dedicate esclusivamente agli allievi non italofoni e, per alcuni corsi, al pomeriggio da attività sportive, culturali e ricreative svolte assieme ad altri bambini e ragazzi iscritti ai corsi ordinari di Lingue e sport.

I corsi per allievi non italofoni sono stati tenuti da 50 docenti professionisti delle scuole ticinesi tra gli oltre 200 che si sono gentilmente messi a disposizione. Vi hanno partecipato complessivamente 17 allievi che finora non erano ancora stati scolarizzati, oltre a 156 allievi di scuola elementare e 101 di scuola media (pari a circa il 60% degli allievi provenienti dall’Ucraina già iscritti in questi due ordini scolastici). In cifre assolute, vi sono state ben 677 partecipazioni a questi corsi, pari a una media di due corsi e mezzo frequentati da ogni allievo iscritto.

È importante sottolineare, precisa il Decs, che questa offerta particolare non ha sostituito, ma si è aggiunta all’offerta ordinaria di Lingue e sport, che è stata garantita normalmente anche quest’anno, registrando ben 3’100 presenze di allievi in età di scuola elementare suddivisi nei corsi offerti in 16 località e 380 presenze di allievi in età di scuola media suddivisi in 6 sedi.

Il DECS "coglie l’occasione per ringraziare pubblicamente la Fondazione Lingue e sport, i collaboratori e le collaboratrici coinvolti in questo progetto particolare, e tutti i docenti e le docenti che si sono messi a disposizione per questo compito straordinario in favore dell’educazione e dell’integrazione dei numerosi bambini e ragazzi alloglotti giunti di recente sul nostro territorio".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved