ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto

L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
1 ora

Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin

Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
1 ora

Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno

L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
Ticino
2 ore

Il primo secolo delle Colonie dei sindacati e un 2023 di eventi

L‘associazione festeggia i 100 anni dalla prima ‘vacanza’ estiva. Nava: ’Tempo fa aiutavamo i giovani per salute e cibo, oggi insegnandogli la comunità’
Bellinzonese
2 ore

Ex direttore Stalvedro, pena ridotta ma carcere confermato

Ricorso in Appello parzialmente accolto. L’uomo è stato condannato a 27 mesi, di cui 3 da espiare e non 6 come deciso in prima istanza
Bellinzonese
3 ore

Capanna Cremorasco pronta per la primavera

I lavori di ammodernamento dello stabile del patriziato di Camorino sono quasi terminati. Inaugurazione prevista il 4 giugno
Mendrisiotto
5 ore

Ricercato, viaggiava su un treno proveniente dalla Svizzera

L’uomo è stato fermato dai finanzieri alla stazione di Como. Su di lui pendeva una condanna per vari reati legati a droga, ricettazione e furto
Ticino
9 ore

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
9 ore

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
15 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
16 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
28.11.2022 - 18:08
Aggiornamento: 29.11.2022 - 09:14

Docenti, ne mancano di tedesco e matematica

Presentata l’offerta formativa per l’anno 2023/24. Bertoli: ‘In Ticino la copertura è comunque sufficiente, non come in altre regioni della Svizzera’

docenti-ne-mancano-di-tedesco-e-matematica
Ti-Press
Una professione che piace sempre ai giovani

Mancano docenti di matematica e di tedesco. È quanto segnalano il Dipartimento formazione e apprendimento (Dfa) della Supsi e il Dipartimento educazione cultura e sport (Decs), che hanno presentato l’offerta formativa 2023/24 per i giovani che aspirano a un futuro nel mondo dell’insegnamento scolastico. «La situazione in Ticino non è comunque così grave come in altre regioni della Svizzera, dove si registra una penuria di docenti che mette in difficoltà le autorità», ha spiegato il direttore del Decs Manuele Bertoli. Una differenza dovuta anche alla barriera linguistica con il resto della Svizzera, che limita la mobilità interna degli insegnanti. «Per alcune materie la mancanza di docenti si fa sentire più che in altre, ma possiamo dire che la copertura è sufficiente», ha affermato Bertoli.

Criteri allargati per le materie dove c’è carenza

Gli interessati per insegnare matematica e tedesco nella scuola media e negli istituti di livello secondario I sono quindi invitati ad annunciarsi alla Supsi (www.supsi.ch/go/iscrizioni). I criteri per accedere a questi due master in insegnamento, come è stato spiegato in conferenza stampa, «permettono di avvicinarsi a queste due materie anche a chi ha una formazione affine», ha puntualizzato il direttore del Dfa Alberto Piatti. Ad esempio: per la matematica potranno candidarsi come aspiranti docenti anche i laureati in scienze naturali o chi ha un bachelor nel campo dell’ingegneria. Per il tedesco è invece richiesto un titolo bachelor – non forzatamente in germanistica – e una conoscenza della lingua di livello B2. «Le possibilità offerte dalla Supsi sono molte. Alla fine però ottengono tutti lo stesso certificato, che è riconosciuto a livello nazionale», ha assicurato Piatti.

Torna dopo anni il concorso per arti visive al Liceo

Per quanto riguarda l’insegnamento al Liceo e alla Scuola cantonale di commercio di Bellinzona, i posti sono più limitati. «Il numero di posti segue il fabbisogno. In questo modo tutti i laureati possono venire assunti in breve tempo», ha affermato il direttore generale della Supsi Franco Gervasoni. Quest’anno verranno aperti solo i concorsi per chimica, matematica e, novità, arti visive. «È un percorso che non viene offerto spesso», ha evidenziato Piatti. L’offerta per l’anno scolastico 2023/24 del Dfa prevede anche il bachelor per l’insegnamento nella scuola dell’infanzia e quello per la scuola elementare. A questi si aggiunge il master in pedagogia specializzata.

‘Capacità formative aumentate negli ultimi anni’

«L’interesse dei giovani per l’insegnamento è sempre buono» ha commentato Gervasoni. A dirlo sono anche i numeri: lo scorso anno sono arrivate al Dfa 529 candidature per i 233 posti disponibili. «Dal 2015 sono in ogni caso state aumentate le capacità formative, che hanno bisogno di posti anche per fare esperienze ‘sul campo’» ha concluso Bertoli.

Diversi eventi d’orientamento

Le iscrizioni, aperte settimana scorsa, chiuderanno il 17 febbraio. Durante questo periodo sono diversi gli appuntamenti informativi organizzati: il 21 gennaio ci sarà l’Open day alla Supsi di Locarno con la presentazione delle varie formazioni. Per gli studenti dei licei ticinesi interessati a formarsi per insegnare nella scuola dell’infanzia o elementare, il Dfa offre inoltre la possibilità di frequentare alcune lezioni aperte in presenza tra gennaio e febbraio. Un’ulteriore occasione di orientamento è offerta dall’evento "Tutti a Scuola", previsto il 26 gennaio, che consentirà di trascorrere una giornata in una classe del territorio per scoprire più da vicino la professione di docente in questi livelli scolastici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved