Ambrì
3
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 1-0)
Lakers
5
Zurigo
4
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-2)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-0)
fra-i-non-vaccinati-i-decorsi-sono-piu-gravi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
3 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
3 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
4 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
4 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
4 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
5 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
7 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
8 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
9 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
9 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
9 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
9 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
10 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
11 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
16 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
25.11.2021 - 10:350
Aggiornamento : 18:55

‘Fra i non vaccinati i decorsi sono più gravi’

I pazienti vaccinati sono 13 su 100’000 abitanti contro i 55 su 100’000 dei pazienti non vaccinati

a cura de laRegione

La campagna di sensibilizzazione ‘Distanti ma vicini’ torna al colore arancione: questo indica una fase di allerta accresciuta, e intende richiamare l’attenzione della popolazione sulle misure di protezione personale (mascherina, igiene delle mani, rispetto della distanza nei luoghi affollati, test al minimo sintomo anche per i vaccinati), e sull’importanza della scelta di vaccinarsi.

«I contagi ora provengono principalmente dal centro–est Europa e non dal nord Italia», dice il medico cantonale Giorgio Merlani. «I casi purtroppo stanno salendo, in Ticino però l’incidenza è circa la metà rispetto alla media svizzera». Attenzione però: «Ciò non vuol dire che la situazione sia buona. È semplicemente una questione di tempistiche. Abbiamo un certo vantaggio che dobbiamo utilizzare. Anche circa le ospedalizzazioni, che mostrano in genere un ritardo rispetto al dato dei contagi, la curva sta iniziando a salire e dovremo essere prudenti». I dati, spiega Merlani, mostrano una correlazione fra incidenza di casi e tasso d’immunizzazione: i cantoni con più vaccinati hanno un’incidenza minore, e viceversa.

Attenzione alle proporzioni

Ci sono due tipi di ospedalizzati, ha spiegato il medico cantonale. I primi sono persone giovani con decorsi classici della malattia, ma comunque più gravi che in precedenza a causa della variante Delta. Questi sono in maggioranza non vaccinati. Ci sono poi altri pazienti, soprattutto anziani, che essendo in grandissima parte vaccinati hanno decorsi meno complicati, ma avendo comunque un’età avanzata sono più fragili e necessitano di cure ospedaliere. «Il vaccino non è fatto per non ammalarsi, ma per ridurre la gravità e impedire i decorsi gravi» ha ribadito ancora una volta il dottor Merlani. Gli ospedalizzati che sono anche immunizzati «sono soprattutto anziani che col tempo stanno perdendo la copertura». In cifre a livello Svizzero: «I pazienti non vaccinati sono 55 ogni 100’000 persone, cifra che scende a 13 su 100’000 nei pazienti immunizzati. In particolare, nella fascia 50–69 anni i ricoverati immunizzati sono 7 ogni 100’000 abitanti contro i 167 pazienti non vaccinati su 100’000 abitanti».

‘Vicini al mezzo milione di dosi somministrate’

«Siamo vicini alla cifra simbolica delle 500mila dosi somministrate: il numero è destinato a crescere nelle prossime settimane, in virtù soprattutto delle dosi di richiamo», indica il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. A domenica sera il 70,6% della popolazione ticinese aveva ricevuto almeno una dose, percentuale che sul totale della popolazione vaccinabile è del 78,5%. Dati che pongono il Ticino «ai primi posti a livello federale».

Il booster per tutti ‘è nell’aria’

«La situazione epidemiologica attuale ci obbliga a evolverci per quanto riguarda il booster – dice Zanini –. Nei pazienti oltre i 65 anni, la protezione dal contagio e dal decorso lieve scende dopo sei mesi dal 90% al 50%: la somministrazione della vaccinazione di richiamo, in base ai dati, riporta ai valori originari. Per quanto riguarda invece i decorsi gravi e i decessi la copertura resta sostanzialmente stabile al 90% a sei mesi dalla seconda dose per le persone con meno di 65 anni. Per quelle con un’età maggiore, invece, tale protezione scende all’80%». Quest’ultimo è però «un dato di rilievo per i ricoveri. In quanto quasi tutta la popolazione di quell’età è vaccinata». La somministrazione della dose di richiamo «porta la protezione al 95%, dunque a livelli ancora superiori». Il farmacista cantonale rende attenti sul fatto che per la somministrazione della dose di richiamo è necessario prenotarsi. Al momento sono 30’000 gli appuntamenti già fissati (18 mila over 75 e 12 mila over 65) e circa 11’000 le dosi somministrate.

«Ci si aspetta – dichiara Zanini – che l’esortazione a somministrare la dose di richiamo venga estesa anche a malati a rischio sotto i 65 anni, a coloro che assistono persone fragili e al personale sanitario». Inoltre la raccomandazione del booster per tutti «sarebbe nell’aria poiché contribuisce ad arginare i contagi». In ogni caso «in Ticino procederemo sempre in maniera graduale e ordinata, secondo chiare priorità sanitarie. Questo è il modo più veloce ed efficace».

Test sierologici: aumento ma niente boom

In Svizzera il certificato Covid con il test sierologico riscuote successo e in alcuni casi si registrano fino a due settimane d’attesa. In Ticino, invece «la richiesta è aumentata, ma la situazione nelle farmacie è largamente gestibile», ci dice Federico Tamò, portavoce dell’Ordine dei farmacisti del cantone Ticino. «Per questi test non è necessario un locale separato e la procedura è veloce: si fa un prelievo al dito e si manda il campione al laboratorio». Per coloro che si vaccineranno il test viene offerto dalla Confederazione.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved