vicenda-eitan-la-procura-ticinese-precisa
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
45 min

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
4 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
4 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
19 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
20 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
1 gior

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
1 gior

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
1 gior

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
1 gior

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
1 gior

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
1 gior

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
10.11.2021 - 13:38
Aggiornamento: 23:18

Vicenda Eitan, la Procura ticinese precisa

‘Non ci risultano i controlli della Polizia cantonale a cui fanno riferimento le autorità italiane’. Proseguono le indagini sui risvolti elvetici del caso

“Al Ministero pubblico non risultano i controlli della Polizia cantonale a cui fanno riferimento le autorità italiane. L’incarto al momento è ancora aperto. Sono già stati eseguiti degli accertamenti per chiarire e ricostruire le circostanze del passaggio sul territorio ticinese del bambino. Trattandosi di approfondimenti che si trovano ancora in una fase esplorativa, è prematuro fornire ulteriori informazioni”. Parole della Procura ticinese, interpellata dalla ‘Regione’, alla luce delle ultime clamorose novità legate alla vicenda del piccolo Eitan, il bambino sopravvissuto alla strage della funivia del Mottarone. Nei confronti del nonno Shmuel Peleg e di G.A.A., un 50enne israeliano legato a un’agenzia di contractor Usa, la Procura di Pavia ha emesso un mandato di cattura internazionale: a riferire del provvedimento è il ‘Corriere della Sera’. Secondo i magistrati lombardi, i due avrebbero orchestrato il “piano strategico premeditato” che ha portato alla sottrazione, in Italia, del bambino dalla casa degli zii a cui era stato affidato e al suo trasferimento in Israele con un volo in partenza dall’aeroporto di Agno. Ed è per fare piena luce su quanto avvenuto in territorio ticinese che si concentrano gli accertamenti avviati nelle scorse settimane dal procuratore pubblico Pablo Fäh.

Secondo le carte dell’indagine diretta dal procuratore facente funzioni di Pavia Mario Venditti, l’azione sarebbe stata portata a termine “con tecniche paramilitari e di intelligence”, ma c’è il forte sospetto di alcune complicità decisive. Shmuel Peleg, stando alla ricostruzione degli inquirenti italiani, ha prelevato il bambino l’11 settembre alle 11.30 dalla casa di Travacò Siccomario in provincia di Pavia, dove Eitan vive con la famiglia della zia Aya a cui è stato affidato dal giudice tutelare Michela Fenucci, in un incontro autorizzato. Sull’auto presa a noleggio si trovava anche l’altro uomo, G.A.A., il quale, riferisce ancora il ‘Corsera’, si era presentato a un’udienza di fronte al giudice Fenucci come “legale israeliano” dello staff di difesa di Peleg e della ex moglie, ma, alla richiesta del tesserino da parte del magistrato, “il balzano avventore traccheggiava per poi definirsi con formula più vaga come il consulente legale di una società di Tel Aviv”, come annotato dal giudice delle indagini preliminari (gip). L’uomo, ha accertato la polizia italiana, è stato più volte nella Penisola negli ultimi mesi con il nonno di Eitan e la sua ex moglie, e, per via dell’indirizzo email utilizzato, risulta collegato ad Academi, compagnia militare privata Usa impiegata in Iraq e Afghanistan.

Sempre secondo la ricostruzione del ‘Corriere della Sera’, basata sulle carte degli investigatori italiani, la Golf con a bordo Eitan e i due uomini non è stata controllata al confine di Chiasso, anche perché un problema tecnico ha fatto sì che nel sistema di allerta Schengen, al quale aderisce anche la Svizzera, non risultasse il divieto di espatrio pronunciato dal giudice italiano. Neanche il fermo per un controllo alle 14.10 da parte della “Polizia cantonale” nei pressi dell’aeroporto di Lugano-Agno ha portato a un qualsiasi approfondimento, tanto che il gip sottolinea come gli agenti abbiano fatto proseguire l’auto “in maniera del tutto inopinata”, nonostante il bimbo viaggiasse in compagnia di due adulti che non risultano suoi parenti ed è pendente una denuncia di smarrimento del suo passaporto israeliano. Nessun controllo neanche allo scalo luganese, da dove i tre, dopo tre ore, raggiungono Tel Aviv a bordo di un Cessna proveniente dalla Germania e noleggiato per 42mila euro. Come scrive il gip, Eitan, rimasto solo, ha tentato di “abbarbicarsi – scrive il gip Villani – a quel che rimaneva del suo mondo: la zia tutrice, lo zio, i cuginetti, i piccoli amici di Travacò. È in questo contesto, che Peleg, col determinante apporto del 50enne, lo rapisce strappandolo alle relazioni più care e prossime e rassicuranti”.

Ma come detto il Ministero pubblico ticinese smentisce la circostanza del controllo effettuato dalla Polizia cantonale. Chi lo avrebbe eseguito allora? Sono state le Guardie di confine svizzere a controllare le persone?

Le indagini da parte del pp Fäh su quanto successo in territorio svizzero continuano. Al momento non sono state inoltrate rogatorie all’estero. Non sono tuttavia da escludere domande di assistenza giudiziaria internazionale e questo a seconda degli sviluppi degli accertamenti disposti dal Ministero pubblico.

Il nonno ricorre al Riesame contro mandato di arresto

I legali del nonno materno di Eitan, Shmuel Peleg, rappresentato sul fronte penale in Italia dall’avvocato Paolo Sevesi, hanno già depositato ricorso al Tribunale del Riesame di Milano contro l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari di Pavia. Lo riferisce l’agenzia di stampa Ats.

Il ricorso contro il mandato d’arresto internazionale e la richiesta di estradizione, a carico dell’uomo accusato del rapimento del nipote, è stato depositato oggi con riserva di motivazioni, anche perché i legali non hanno ancora avuto accesso agli atti e all’ordinanza.

Gli atti che dovrebbero essere messi a disposizione della difesa nei prossimi giorni, quando i giudici fisseranno pure l’udienza per la discussione del ricorso della difesa.

I legali dei nonni, tra l’altro, sul fronte civile ieri hanno chiesto al Tribunale di Pavia che la zia paterna Aya venga rimossa dall’incarico di tutrice con immediata sospensione e che venga nominato come pro-tutore un avvocato ‘terzo’. E ciò nell’ambito del reclamo contro la nomina che ha originato anche un procedimento davanti al Tribunale per i minorenni di Milano (udienza l’1 dicembre). I legali dei nonni hanno pure chiesto ai giudici civili di Pavia che gli atti su quella nomina della zia vengano inviati alla Procura di Torino per presunti profili di falsità.

Leggi anche:

Caso Eitan, mandato di arresto internazionale per il nonno

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ministero pubblico polizia cantonale procura ticinese shmuel peleg
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved