caso-eitan-mandato-di-arresto-internazionale-per-il-nonno
Shmuel Peleg (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
17 min

Scia di violenza a Como, l’accusato non parla

Non risponde alle domande del giudice il 33enne finito in carcere con l’accusa di omicidio, tentato omicidio e lesioni
Cina
5 ore

Troppo caldo in Cina: elettricità razionata

La priorità verrà data alle economie domestiche. Ordinato alle aziende di sospendere la produzione fino a sabato
Kenya
7 ore

Mistero sulla morte di un ufficiale elettorale

L’uomo era scomparso durante la verifica dei registri elettorali. Ritrovato privo di vita alle pendici del Kilimangiaro, a 300 km di distanza
Stati Uniti
7 ore

Abbassamento di quota per American Airlines

Previsti quasi un terzo di voli in meno a novembre, mentre per settembre e ottobre i tagli saranno nell’ordine ‘solo’ del 2%
ucraina
18 ore

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
Estero
19 ore

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’
Kenya
22 ore

Kenya, Ruto proclamato vincitore delle presidenziali

Ma sulle elezioni non si placa la bufera: quattro dei sette membri della commissione elettorale hanno rifiutato di accettare il risultato
Italia
23 ore

Sessantamila infrazioni stradali in quindici giorni

Inizio di agosto ‘caldo’ per la Polizia stradale italiana. Già ritirate 1’055 patenti e decurtati 93’605 punti
Russia
1 gior

Brittney Griner non si arrende: presentato l’appello

I legali della star del basket condannata a nove anni di carcere in Russia per droga fanno ricorso. Slitta il possibile scambio di prigionieri
10.11.2021 - 08:21
Aggiornamento: 22:15

Caso Eitan, mandato di arresto internazionale per il nonno

La Procura di Pavia critica la polizia cantonale per aver fatto proseguire ‘in maniera del tutto inopinata’ l’auto con a bordo il bimbo dopo un controllo

Un mandato di cattura internazionale spiccato dalla Procura di Pavia per Shmuel Peleg, nonno del piccolo Eitan, il bambino sopravvissuto alla strage della funivia del Mottarone, e per G. A. A., un 50enne israeliano legato ad un’agenzia di contractor Usa: lo riferisce il Corriere della Sera. Secondo i magistrati lombardi, i due avrebbero orchestrato il “piano strategico premeditato” che ha portato alla sottrazione del bambino dalla casa degli zii a cui era stato affidato e al suo trasferimento in Israele con un volo in partenza dall’aeroporto di Agno. Il bambino nelle scorse settimane era stato riaffidato alla zia paterna Aya Biran, che risiede in provincia di Pavia.

Secondo le carte dell’indagine diretta dal procuratore facente funzioni di Pavia Mario Venditti, l’azione sarebbe stata portata a termine “con tecniche paramilitari e di intelligence”, ma c’è il forte sospetto di alcune complicità decisive.

Shmuel Peleg, secondo la ricostruzione degli inquirenti, ha prelevato il bambino l’11 settembre scorso alle 11.30 dalla casa di Travacò Siccomario (Pavia) in cui vive con la famiglia della zia Aya a cui è stato affidato dal giudice tutelare Michela Fenucci, in un incontro autorizzato. Sull’auto presa a noleggio si trovava anche l’altro uomo, che, come riferisce il Corsera, si era presentato a un’udienza di fronte al giudice Fenucci come “legale israeliano” nello staff di difesa di Peleg e della ex moglie, ma, alla richiesta del tesserino da parte del magistrato, “il balzano avventore, traccheggiava per poi definirsi con formula più vaga come il “consulente legale di una società di Tel Aviv”, come annotato dal giudice delle indagini preliminari (gip). L’uomo, come accertato dalla polizia, è stato più volte in Italia negli ultimi mesi con il nonno di Eitan e la sua ex moglie, e, per via dell’indirizzo email utilizzato, risulta collegato ad Academi, compagnia militare privata Usa impiegata in Iraq ed Afghanistan.

La Golf con a bordo Eitan e i due uomini non è stata controllata al confine di Chiasso, anche perchè un problema tecnico ha fatto sì che nel sistema di allerta Schengen, a cui aderisce anche la Svizzera, non risultasse il divieto di espatrio pronunciato dal giudice italiano. Anche il fermo per un controllo alle 14.10 da parte della polizia cantonale nei pressi dell’aeroporto di Lugano-Agno ha portato a un qualsiasi approfondimento, tanto che il gip sottolinea come gli agenti abbiano fatto proseguire l’auto “in maniera del tutto inopinata", nonostante il bimbo viaggiasse in compagnia di due adulti che non risultano suoi parenti ed è pendente una denuncia di smarrimento del suo passaporto israeliano. Nessun controllo anche allo scalo luganese, da dove i tre, dopo tre ore, raggiungono Tel Aviv a bordo di un Cessna proveniente dalla Germania e noleggiato per 42mila euro. Come scrive il gip, Eitan, rimasto solo, ha tentato di "abbarbicarsi — scrive il gip Villani — a quel che rimaneva del suo mondo: la zia tutrice, lo zio, i cuginetti, i piccoli amici di Travacò. È in questo contesto, che Peleg, col determinante apporto del 50enne, lo rapisce strappandolo alle relazioni più care e prossime e rassicuranti”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eitan biran polizia cantonale shmuel peleg
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved