caso-eitan-mandato-di-arresto-internazionale-per-il-nonno
Shmuel Peleg (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
13 ore

Strage in Texas, per la polizia rischio di accuse e cause legali

Sotto indagine la reazione inadeguata delle forze di polizia durante la strage nella scuola elementare di Uvalde in cui sono morti 19 bambini e 2 docenti
Estero
15 ore

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.
Estero
18 ore

Si tuffa nel Lago di Como e non riemerge: morto 17enne

Il ragazzo era stato recuperato ieri in condizioni disperate. Si era buttato in acqua mentre era con gli amici. Probabilmente fatale lo choc termico
Estero
20 ore

È morto il cardinale Sodano, ex Segretario di Stato vaticano

Aveva 94 anni. Fu il “numero due” della Santa Sede sotto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
Estero
20 ore

Usa: donna armata uccide un uomo che sparava sulla folla

La donna possedeva l’arma legalmente. L’uomo ha iniziato a far fuoco dall’auto dopo esser stato invitato ad allontanarsi da un party in strada
Estero
21 ore

Trump alla lobby delle armi: ‘Ci riprenderemo la Casa Bianca’

L‘ex presidente è intervenuto alla convention della National Rifle Association (Nra) a Houston. ’Quando sarò ancora presidente combatterò il male’
Speciale Ucraina
21 ore

I russi pensano a una Norimberga per il battaglione Azov

Lo ha dichiarato il leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Segui il live de LaRegione
Video
Estero
1 gior

Bambini armati nel video della convention Nra

A Houston in Texas parla fra le proteste il ceo della potente lobby, che replica a Biden sull’ipotesi di abolire il secondo emendamento
Estero
1 gior

‘Solo un sì è un sì’: violenze sessuali, la Spagna indica la via

Primo via libera del Parlamento alla legge che pone al centro il consenso esplicito. La ministra Irene Montero: frutto di 30 anni di lotta civica.
10.11.2021 - 08:21
Aggiornamento : 22:15

Caso Eitan, mandato di arresto internazionale per il nonno

La Procura di Pavia critica la polizia cantonale per aver fatto proseguire ‘in maniera del tutto inopinata’ l’auto con a bordo il bimbo dopo un controllo

Un mandato di cattura internazionale spiccato dalla Procura di Pavia per Shmuel Peleg, nonno del piccolo Eitan, il bambino sopravvissuto alla strage della funivia del Mottarone, e per G. A. A., un 50enne israeliano legato ad un’agenzia di contractor Usa: lo riferisce il Corriere della Sera. Secondo i magistrati lombardi, i due avrebbero orchestrato il “piano strategico premeditato” che ha portato alla sottrazione del bambino dalla casa degli zii a cui era stato affidato e al suo trasferimento in Israele con un volo in partenza dall’aeroporto di Agno. Il bambino nelle scorse settimane era stato riaffidato alla zia paterna Aya Biran, che risiede in provincia di Pavia.

Secondo le carte dell’indagine diretta dal procuratore facente funzioni di Pavia Mario Venditti, l’azione sarebbe stata portata a termine “con tecniche paramilitari e di intelligence”, ma c’è il forte sospetto di alcune complicità decisive.

Shmuel Peleg, secondo la ricostruzione degli inquirenti, ha prelevato il bambino l’11 settembre scorso alle 11.30 dalla casa di Travacò Siccomario (Pavia) in cui vive con la famiglia della zia Aya a cui è stato affidato dal giudice tutelare Michela Fenucci, in un incontro autorizzato. Sull’auto presa a noleggio si trovava anche l’altro uomo, che, come riferisce il Corsera, si era presentato a un’udienza di fronte al giudice Fenucci come “legale israeliano” nello staff di difesa di Peleg e della ex moglie, ma, alla richiesta del tesserino da parte del magistrato, “il balzano avventore, traccheggiava per poi definirsi con formula più vaga come il “consulente legale di una società di Tel Aviv”, come annotato dal giudice delle indagini preliminari (gip). L’uomo, come accertato dalla polizia, è stato più volte in Italia negli ultimi mesi con il nonno di Eitan e la sua ex moglie, e, per via dell’indirizzo email utilizzato, risulta collegato ad Academi, compagnia militare privata Usa impiegata in Iraq ed Afghanistan.

La Golf con a bordo Eitan e i due uomini non è stata controllata al confine di Chiasso, anche perchè un problema tecnico ha fatto sì che nel sistema di allerta Schengen, a cui aderisce anche la Svizzera, non risultasse il divieto di espatrio pronunciato dal giudice italiano. Anche il fermo per un controllo alle 14.10 da parte della polizia cantonale nei pressi dell’aeroporto di Lugano-Agno ha portato a un qualsiasi approfondimento, tanto che il gip sottolinea come gli agenti abbiano fatto proseguire l’auto “in maniera del tutto inopinata", nonostante il bimbo viaggiasse in compagnia di due adulti che non risultano suoi parenti ed è pendente una denuncia di smarrimento del suo passaporto israeliano. Nessun controllo anche allo scalo luganese, da dove i tre, dopo tre ore, raggiungono Tel Aviv a bordo di un Cessna proveniente dalla Germania e noleggiato per 42mila euro. Come scrive il gip, Eitan, rimasto solo, ha tentato di "abbarbicarsi — scrive il gip Villani — a quel che rimaneva del suo mondo: la zia tutrice, lo zio, i cuginetti, i piccoli amici di Travacò. È in questo contesto, che Peleg, col determinante apporto del 50enne, lo rapisce strappandolo alle relazioni più care e prossime e rassicuranti”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eitan biran polizia cantonale shmuel peleg
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved