luca-sala-deve-essere-assolto-e-risarcito
Archivio Ti-Press
Luca Sala (al centro) e i suoi avvocati difensori
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
32 min

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
51 min

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
1 ora

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
Luganese
1 ora

Aggregazione Malcantone est, Cademario in sala d’attesa

Si è risolto in un nulla di fatto l’incontro con il Dipartimento delle istituzioni: la palla torna ai Comuni di Aranno, Bioggio, Neggio e Vernate
Mendrisiotto
2 ore

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
Bellinzonese
2 ore

Airolo-Lüina, un pomeriggio sugli sci rivolto ai più piccoli

TiSki e la Scuola Svizzera di Sci di Airolo-S. Gottardo hanno confermato per il 2 febbraio il Raiffeisen Kids Ski Day, nonostante lo scarso innevamento
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, sedute commissionali anche a distanza

Il Municipio si dice favorevole. Ma prima di modificare il Regolamento comunale, si attenderanno le indicazioni cantonali
Locarnese
2 ore

Gordola, intervento alla rete causerà interruzione di corrente

Interruzione dell’erogazione energetica mercoledì 26 gennaio, dalle 8 alle 11.15 e dalle 13.15 alle 15
Ticino
2 ore

Cdm ad hoc: eletti Torricelli, Crivelli e Pezzati

Il parlamento ha designato tre dei quattro membri non togati del Consiglio della magistratura straordinario, dopo la ricusazione di quello in carica
Locarnese
2 ore

Brissago premierà i suoi giovani sportivi e artisti

Decisa l’assegnazione, annua, di un riconoscimento ai domiciliati e alle società che si distingueranno nella pratica di attività in questi ambiti
Locarnese
2 ore

Locarno diversifica le tasse per i proprietari di cani

I 100 franchi annui finora richiesti per tutte le razze rimangono solo per quelle soggette a restrizione. Sconti per tutti gli altri
Mendrisiotto
2 ore

Monte Generoso, quando si saprà l’ente gestore del parco?

Il deputato Matteo Quadranti chiede spiegazioni al Consiglio di Stato sulla tempistica di presentazione del messaggio atteso dal 2018
Locarnese
2 ore

Cugnasco-Gerra, lavori stradali e possibili disagi

Domattina, martedì 25 gennaio, il traffico veicolare potrebbe essere perturbato a causa di lavori
Luganese
2 ore

Lugano, legislativo diviso sui tempi delle risposte

Due rapporti contrastanti dalla Commissione delle petizioni sulla mozione intitolata “Anche gli atti parlamentari hanno un costo”
Parmalat Bis
29.10.2021 - 18:320
Aggiornamento : 18:48

‘Luca Sala deve essere assolto e risarcito’

La difesa dell’ex manager di Bank of America ha chiesto il proscioglimento da tutti i capi d’imputazione, tra cui il riciclaggio aggravato

Assoluzione da tutti i capi di imputazione a carico di Luca Sala. È quanto ha chiesto la difesa dell’ex manager di Bank of America, già consulente di Parmalat, al termine di quasi due giornate di arringa. Secondo l’avvocato Daniele Timbal le accuse di riciclaggio non reggono «per l’insussistenza del reato a monte, sia in Italia sia in Svizzera». Chiesto il proscioglimento anche per tutti gli atti definiti ‘vanificatori’ relativi sempre alle ipotesi di riciclaggio, come pure per l’istigazione in falsità in documenti «perché il fatto non sussiste». Per questa imputazione, in subordine, è stata chiesta – nel caso fosse riconosciuta – «l’assenza di pena a causa del lungo tempo trascorso». Infine, è stato chiesto il dissequestro di tutti gli averi sui conti bancari al 30 novembre 2009 oltre a un congruo risarcimento «per ingiustificata carcerazione estradizionale durata 147 giorni» e per le spese di difesa.

Ricordiamo che Sala è accusato in Svizzera di riciclaggio aggravato per avere lucrato su operazioni di finanziamento all’insaputa sia di Bank of America, suo datore di lavoro, sia di Parmalat. Questo lucro avrebbe aggravato la situazione debitoria del gruppo di Collecchio e contribuito a distrarre fondi che erano in realtà di pertinenza di azionisti e obbligazionisti delle società dell’universo Parmalat. L’importo contestato è pari a 52,4 milioni di franchi, di cui solo 36 milioni riferiti ad atti di riciclaggio non prescritti (212 sui 501 iniziali, ndr). Parte di questi proventi (tre milioni), per l’accusa, sono serviti a remunerare terze persone che avevano funto da consulenti e prestanome per conti e società offshore in realtà riconducibili a Sala stesso. L’accusa chiede una pena di tre anni di reclusione oltre a una multa pari a 45mila franchi e la confisca dei saldi attivi dei conti bancari, in Svizzera e nel Liechtenstein, dove sono confluiti i proventi del reato di bancarotta. Tesi respinta da Luca Sala che ha sempre parlato di guadagni frutto della sua attività di consulenza in materia di assicurazioni crediti.

E nel corso dell’arringa l’avvocato Timbal ha ricordato più volte che il Ministero pubblico della Confederazione non ha dimostrato che è stato commesso un reato a monte a quello presunto di riciclaggio, né in Italia, né in Svizzera. Riprendendo la tesi dell’avvocato Andrea Soliani, legale di Sala nei procedimenti italiani, Timbal ha ribadito che «il reato fallimentare non sussiste e quindi il denaro di Sala non è frutto di illeciti». Per questa ragione contesta al Ministero pubblico della Confederazione la richiesta di confisca su tutti i valori patrimoniali sequestrati a Sala, nonostante nel frattempo sia intervenuta la prescrizione. «Quale logica ed equità può essere data alla tesi del Ministero pubblico della Confederazione secondo cui l’intervenuta prescrizione a monte non avrebbe nessun influenza sugli atti di riciclaggio e sul diritto di confisca», ha chiesto Timbal ricordando che il Ministero pubblico ha rinunciato a perseguire il reato a monte (la bancarotta) per dimostrare che i fondi fossero provento di reato. «Inizialmente si è parlato di truffa, poi l’ipotesi di reato è stata abbandonata».

Anche il lungo tempo trascorso dai fatti è stato sottolineato da Timbal. Un tentativo, ha spiegato, di dilatare i tempi da parte del Ministero pubblico violando il principio della celerità del procedimento penale. Perché lo ha fatto? «Perché aspettava una condanna di Sala in Italia che non c’è stata».

Per quanto riguarda l’utilizzo di società offshore da parte di Sala, Timbal ha ricordato che «le ha comprate da chi le vendeva». «Era il clima dell’epoca, dove le banche e i fiduciari invogliavano a utilizzare questi strumenti per trasferire fondi», ha ricordato ancora Timbal relativizzando anche l’aggravante di aver agito in banda. «Non c’era un rapporto di sottomissione tra il ‘capobanda’ Sala e il funzionario della Banca cantonale dei Grigioni, già condannato con rito abbreviato». «Anzi, è quest’ultimo ad aver approfittato in maniera opportunistica di Sala tanto che si è appropriato di soldi suoi», ha sottolineato Timbal.

La sentenza è attesa per lunedì 8 novembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved