BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
4
ARI Coyotes
1
2. tempo
(1-1 : 3-0)
NAS Predators
5
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
parmalat-bis-luca-sala-ribadisce-la-sua-estraneita
Ti-Press
Al centro Luca Sala con i suoi legali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

A Manno è Mercatino di Natale benefico

Bancarelle, giochi e golosità nel nucleo del paese per l’intera giornata del prossimo 8 dicembre
Ticino
8 ore

‘BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
8 ore

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
8 ore

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
9 ore

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
9 ore

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
9 ore

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
9 ore

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Bellinzonese
9 ore

San Nicolao a San Bernardino

Per l’occasione la pista di pattinaggio del Centro sportivo sarà aperta al pubblico
Bellinzonese
9 ore

Mercatino di Natale annullato a Sementina

Doveva tenersi giovedì 2 dicembre ma è stato annullato a causa della situazione di recrudescenza pandemica
Ticino
10 ore

Molestie al Dss, l’audit passerà dal voto in Gran Consiglio

La Sottocommissione della gestione suggerisce di conferire ‘il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare’: serve un decreto legislativo
Locarnese
10 ore

Aurigeno, Brunoni e Mancini: scrittori a colloquio

Il Comune di Maggia ripropone gli incontri con gli scrittori locali che presenteranno le loro produzioni recenti
Luganese
10 ore

Preventivo 2022 a Lugano, la Gestione chiede il rinvio

Partita la richiesta agli Enti locali per prorogare l’esame del messaggio che verrà così votato l’anno prossimo, con alcune spese già effettuate
Mendrisiotto
10 ore

Corsa al Ccl in vista dell’introduzione del salario minimo

A poche ore dall’applicazione della legge un altro drappello di ditte ha seguito TiSin. Contratti firmati in zona Cesarini. I sindacati: ‘Inaccettabile’
Locarnese
11 ore

Locarno, un invito a illuminare la Città Vecchia

La Pro sollecita abitanti e commercianti. Obiettivo: creare un’atmosfera particolare in vista delle feste natalizie
Locarnese
11 ore

Losone, pomeriggio con tombola al Grotto Broggini

L’organizzazione è del gruppo mamme del comune, dopo il bingo ci sarà un momento conviviale con merenda
Ticino
18.10.2021 - 20:440

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala

Prima giornata, quella di oggi, al processo Parmalat bis o meglio all’ex manager di Bank of America Luca Sala ed ex consulente del gruppo agroalimentare italiano comparso sul banco degli imputati nell’aula del Tribunale penale federale a Bellinzona. Il 30 gennaio 2017 era stato assolto dalle imputazioni di riciclaggio di denaro aggravato per intervenuta prescrizione, ma condannato – un solo caso accertato – per istigazione alla falsità in documenti non riferito però al crac Parmalat, ma per una presunta truffa ai danni della sede milanese di Bank of America, istituto per il quale Sala ha lavorato una decina di anni prima di passare, per soli tre mesi e in qualità di consulente esterno, a Parmalat nel luglio del 2003. Per quest’ultima vicenda gli venne inflitta una pena pecuniaria sospesa. Per quanto riguarda i risvolti svizzeri del dissesto Parmalat venne invece prosciolto. L’istanza di ricorso al Tribunale federale di Losanna inoltrata dall’accusa rappresentata dal procuratore pubblico Stefan Herold fu quindi accolta e gli atti rinviati a Bellinzona per un nuovo giudizio. Gli episodi di riciclaggio contestati a Sala sono scesi intanto da 501 a 212. È l’unico cambiamento sostanziale nell’atto d’accusa, essendo immutate rispetto al primo dibattimento le ipotesi di reato che vanno dal riciclaggio di denaro, istigazione alla falsità in documenti ripetuta. Accuse rigettate in toto dal collegio difensivo di Sala composto dagli avvocati Daniele Timbal, Andrea Soliani e Aurelia Schröder. La pubblica accusa è invece sostenuta dai procuratori federali Stefano Herold e Alessandro Bernasconi.

All’inizio del dibattimento condotto dalla presidente della Corte Fiorenza Bergomi (giudici a latere Roy Garré e Monica Galliker) l’avvocato Timbal ha sollevato una serie di pregiudiziali, tra cui la richiesta di estromissione di Parmalat Spa, la newco subentrata alla originaria e fallita Parmalat, in quanto non avrebbe subito un danno diretto. Secondo la difesa, l’accusatrice privata rappresentata dall’avvocato Ivan Paparelli non avrebbe nessun interesse giuridico avendo nel frattempo ceduto il credito. Richiesta respinta dalla Corte. Sono state invece accolte tra gli atti del processo due sentenze di diritto civile di un tribunale del Liechtenstein che danno ragione a Sala in procedimenti di risarcimento avviati da Parmalat nel Principato. «Con quelle somme (tre milioni di dollari, ndr) ho pagato parte degli obblighi alimentari nei confronti di mia moglie e figlio oltre, ovviamente, alle salatissime parcelle dei miei legali nel Liechtenstein», ha poi affermato Sala che nel frattempo vive in Brasile in una località a 80 chilometri da San Paolo dove ha avviato un’attività imprenditoriale nel settore della gestione elettronica dei pagamenti con carte di credito e di debito. «Guadagno l’equivalente di circa 3 mila franchi al mese», ha poi precisato per sottolineare che è lontano dai fasti di quando era in Bank of America dove era arrivato (siamo all’inizio del 2000) a guadagnare fino a 180 mila euro l’anno oltre ai lauti bonus versati dalla stessa banca in un trust a lui riconducibile sull’isola di Jersey.

La corte ha anche deciso di acquisire agli atti del processo un rapporto del professore Marco Ziliotti, consulente tecnico sentito lo scorso luglio in uno dei procedimenti giudiziari a Parma che ruotano attorno al crac Parmalat. Richiesta avanzata dall’avvocato Andrea Soliani.

Esaurita la parte procedurale, il dibattimento è proseguito con l’interrogatorio dell’accusato per chiarire le operazioni che hanno portato il Ministero pubblico della Confederazione a valutare in 52,4 milioni di franchi l’ammontare della somma che Sala avrebbe – secondo le ipotesi accusatorie – riciclato tra il 2000 e il 2004 in istituti di Lugano, Coira e Vaduz. Cifra contestata dall’avvocato Timbal che l’ha definita «una mistificazione» in quanto il nuovo atto di accusa non tiene conto dei reati già oggetto dell’intervenuta prescrizione.

Stando allo stesso Sala, interrogato dalla presidente Fiorenza Bergomi, quelle somme depositate in banche svizzere e del Liechtenstein e intestate a società offshore erano frutto del suo lavoro. In pratica Bank of America – salassata da un’operazione con titoli di Stato russi (400 milioni di dollari di perdite, ndr) – aveva deciso di chiudere, licenziando l’intero team, un suo servizio che offriva alle società multinazionali con sussidiarie in Paesi con elevato rischio politico (il Sud America, ma non solo, ndr) la copertura di questo rischio per crediti concessi alle stesse sussidiarie: una sorta di assicurazione in capo alla casa madre che riusciva a fare in modo che le sue società figlie all’estero si finanziassero a costi più bassi del mercato. Sparito questo team, Sala aveva avuto l’idea di offrire questi servizi a Parmalat in proprio appoggiandosi non più alla sua banca, ma a compagnie assicurative esterne. Dell’incasso dei premi e del pagamento delle varie provvigioni si occupavano – stando a Sala – una serie di società offshore con conti alla Neue Bank di Vaduz e alla Banca cantonale dei Grigioni a Coira. «Nessuno si è mai chiesto se Parmalat pagasse di più o di meno rispetto al mercato. Posso dimostrare che pagava per questo servizio molto meno», ha ricordato l’ex manager che comunque deve chiarire alla Corte come mai nel formulario A di apertura conto in alcune operazioni aveva indicato come avente diritto economico persone residenti in Brasile e che apparentemente non avevano nulla a che fare con gli affari creditizi e assicurativi di Sala.

Il dibattimento proseguirà domani e dovrebbe terminare il 29 ottobre, mentre la sentenza è attesa per l’8 di novembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved