telelavoro-un-po-di-gettito-fiscale-alle-periferie
Archivio Ti-Press
Servono però connessioni a banda larga
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
5 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
6 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
6 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
6 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
6 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
7 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
7 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
7 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
7 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
7 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
10.08.2021 - 16:37
Aggiornamento: 17:14

Telelavoro, un po’ di gettito fiscale alle periferie

Aron Piezzi al governo: ‘Pensare a una sorta di tassazione mista tra Comune di residenza e quello di smartworking’

Introdurre una sorta di ‘tassazione mista’ tra Comune di domicilio urbano e quello ospitante, periferico, a seguito di un possibile uso più ampio delle residenze secondarie dovuto al telelavoro. È quanto chiede al Consiglio di Stato il deputato del Plr Aron Piezzi con un’interrogazione. L’atto parlamentare è firmato anche dai gran consiglieri Giacomo Garzoli e Alessandro Speziali, sempre del Plr.

La proposta nasce dal fatto che l’epidemia di coronavirus ha portato, tra le altre cose che purtroppo conosciamo, anche aspetti positivi come la necessità di vivere in spazi più ampi, preferibilmente a contatto con la natura. Le località discoste e periferiche – solo geograficamente, a dir la verità – sono state molto gettonate in questi ultimi mesi, sia dai turisti sia da molti ticinesi proprietari di una casa di vacanza. Una tendenza, che se confermata nei prossimi anni, potrebbe diventare – fanno notare Piezzi e cofirmatari – un’opportunità di rinascita per le regioni periferiche. “Ma tali effetti positivi dovrebbero andare oltre quelle, comunque importanti, della fruizione del territorio discosto nel tempo libero, intervenendo sulle condizioni quadro che si porrebbero implementare”. Gli interroganti ne individuano almeno tre: aumento delle persone che decidono di domiciliarsi nelle valli; una maggiore vitalità sociale e un impulso all’edilizia locale; e infine, la scelta delle valli come luogo di smartworking o lavoro da casa per brevi periodi dell’anno.

“Se per i primi due effetti positivi, i benefici per i Comuni di valle sarebbero immediati (incremento demografico e di risorse fiscali, oltre a un aumento dell’attività edilizia, per il terzo effetto collaterale positivo, invece, i vantaggi non sarebbero riscontrabili concretamente”, scrivono i tre deputati liberali radicali. Per questa ragione chiedono al governo – su questo ultimo aspetto – di approfondire la questione. “Per le persone che scegliessero di alternare ‘vita e lavoro nei centri’ con ‘vita e (tele) lavoro’ nelle periferie’, si pone il tema del domicilio: perché non pensare a una sorta di ’tassazione mista’, tra il Comune di domicilio e quello ‘ospitante’? Gli autori dell’atto parlamentare propongono un’autocertificazione, magari basata sui giorni tatali in un anno passati in periferia. “Sarebbe una nuova forma di ‘vissuto’ attivo nella periferia, con qualche ricaduta positiva anche fiscalmente per il Comune di Valle”, aggiungono. “È pure vero che i proprietari delle residenze secondarie già ora pagano le tasse d’uso, ma un loro ’utilizzo’ sensibilmente accresciuto, che oltre il tempo libero comprenda il telelavoro, potrebbe comportare un contributo finanziario maggiore al Comune periferico, attraverso per esempio la riversione di una parte dell’imposta comunale che il privato paga nel proprio Comune di domicilio”.

In questo contesto, non va sottovalutato il tema dell’accessibilità delle regioni periferiche trovando le giuste soluzioni per migliorarla preservandone la vivibilità ed evitando di creare afflussi eccessivi e nocivi per l’ambiente. Per questa ragione accanto al concetto di percorrenza longitudinale Nord-Sud, la mobilità applicata alle valli del Ticino dovrebbe abbracciare anche quella di una trasversalità sostenibile. 

Ovviamente, un tassello fondamentale è quello di disporre di una rete di comunicazione digitale efficiente. A tal proposito si chiede al Consiglio di Stato a che punto è il progetto di dotazione della banda larga e del potenziamento, in generale, della rete anche nelle regioni periferiche.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus periferie tassazione mista telelavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved