ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
5 ore

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
7 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
7 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
8 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
8 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
8 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
8 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
8 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
8 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
06.08.2021 - 19:16
Aggiornamento: 19:36

Il lago come posto più indicato per imparare a nuotare

Secondo la Società svizzera di salvataggio permetterebbe anche di allenarsi a prestare più attenzione alla sicurezza

di Bianca Perletti
il-lago-come-posto-piu-indicato-per-imparare-a-nuotare
Ti–Press

Addio ai corsi di nuoto in piscina, il lago potrebbe diventare il posto più indicato per imparare a nuotare, e non solo, perché permetterebbe anche di allenarsi a prestare più attenzione alla sicurezza. La Società svizzera di salvataggio (Sss) non ha dubbi: «Imparare a nuotare nel lago è efficace e aiuta a prevenire gli annegamenti». E continua dicendo che sarebbe necessario insegnare ai giovani anche la sicurezza nel nuoto, perché questo potrebbe tornare utile soprattutto nelle acque aperte, dove l’esposizione ai pericoli è maggiore. La Sss pubblica un caso di studio su un progetto pilota in collaborazione con la scuola di Hochdorf (Lu), che mostra l’importanza di imparare a nuotare in un lago.

Il corso si è svolto nel 2017/2018 con la scuola di Hochdorf e può essere visto come un complemento o addirittura essere proposto come alternativa alle lezioni di nuoto normalmente dispensate nelle piscine da parte delle scuole. L’esito del progetto è stato positivo, motivo per cui si è deciso di renderlo un corso regolare. La Società dichiara: «La consideriamo una buona alternativa per i comuni con scarse superfici d’acqua a disposizione per le scuole nelle piscine».

Non serve solo saper nuotare, però, per prevenire gli incidenti di annegamento. La Sss, a questo proposito, si occupa di sostenere gli insegnanti nell’attuazione degli obiettivi di competenza definiti nel Piano di studi 21 per quanto riguarda la sicurezza in acqua, mettendo a disposizione alcuni documenti di materiale didattico. Il piano, adottato nell’autunno 2014, definisce le competenze di nuoto da raggiungere per il settore dell’attività fisica e dello sport e le competenze per un comportamento corretto attorno all’acqua, in acqua e sull’acqua. La speranza della Sss è che in futuro si possa dare più spazio alla sicurezza acquatica anche in classe. A questo proposito l’agenzia Interface ha pubblicato di recente uno studio che mostra che il coinvolgimento dei nuotatori di salvataggio nei corsi di nuoto e di sicurezza in acqua nel lago è di estrema utilità.

Il progetto di portare gli allievi a nuotare in un vero e proprio lago è nato sotto l’influenza di esempi in altre nazioni, tra cui Australia, Norvegia e Nuova Zelanda, che hanno visto nascere diversi progetti realizzati dalle organizzazioni nazionali dei nuotatori di salvataggio. Imparare a nuotare nelle acque libere contribuirebbe quindi ad una maggiore sicurezza dei bagnanti che, grazie al contatto con un ambiente diverso dalla piscina coperta, potrebbero imparare a tenere conto dei rischi che possono subentrare nelle acque aperte.

Le statistiche svizzere mostrano che in una media di dieci anni annegano 46 persone, soprattutto in acque aperte, ovvero laghi e fiumi. «Per contrastare questo fenomeno, le lezioni di nuoto nel lago sono molto importanti», dice Stéphanie Bügi-Dollet, responsabile del progetto pilota di Hochdorf per la Sss. «Il corso di Hochdorf può essere un’ottima soluzione per combattere la mancanza di superfici acquatiche e dimostra che è possibile imparare a nuotare in sicurezza anche in un lago». Le speranze della Sss sono che il progetto pilota possa servire da esempio per tutta la Svizzera dato che promuove un comportamento sicuro in acque libere. Nel settembre 2021, la Sss offrirà inoltre un corso per permettere agli insegnanti di aggiornare il loro brevetto di nuoto e salvataggio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved