GOLUBIC V. (SUI)
ZHANG S. (CHN)
06:15
 
STL Blues
5
NAS Predators
3
fine
(2-2 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
4
3. tempo
(3-0 : 0-2 : 0-2)
vaccini-test-cartelle-cliniche-online-la-svolta-sanitaria
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Locarnese
31 min

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Ticino
31 min

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Bellinzonese
7 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
9 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
9 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
10 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
10 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
11 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
11 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
11 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
11 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
11 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
12 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
12 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
12 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
12 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
12 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
13 ore

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
13 ore

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
13 ore

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
Locarnese
13 ore

Orselina chiede un ritorno agli orari Fart su carta

Dopo Losone, un secondo Municipio sostiene la richiesta del Guastafeste
Locarnese
13 ore

L’Antenna di sviluppo Acop capta bene i segnali del territorio

Ratificata dai legislativi di Centovalli, Onsernone e Terre di Pedemonte la convenzione che regola la gestione di questo prezioso servizio di appoggio
Ticino
14 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi Cantone-Comuni

Sono sei gli accordi sottoscritti per un totale annuo di 1’559’000 franchi che, grazie al Fondo Swisslos, il DECS eroga agli operatori culturali
 
24.07.2021 - 05:100

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza

La sanità digitale è già una realtà in Israele, dove tutto ha potuto funzionare molto velocemente col vaccino Covid, perché i dati sanitari della popolazione erano informatizzati, tutto a disposizione in un clic, dalle vaccinazioni alle allergie, dalla terapia per il diabete all’operazione al menisco di dieci anni fa. Addirittura in Estonia c’è la cartella informatizzata del paziente, così in Danimarca e in alcune regioni dell’Austria.

Doveva partire dal 2020 

In Svizzera se ne parla da quattro anni, la legge impone a ospedali, cliniche e case per anziani di aderire al sistema di cartella informatizzata. Doveva essere disponibile dal 2020, siamo nel 2021 e solo un centinaio di pazienti svizzeri ha avuto accesso al sistema e non tutti i cantoni hanno trovato una soluzione. Non è un sistema gestito centralmente da Berna (che sembrerebbe più semplice!) ma organizzato da singoli cantoni o regioni, che si appoggiano a chi (i provider sono di regola Posta o Swisscom) crea le piattaforme informatiche. Una volta fatte, serve una certificazione che ne attesti sicurezza e validità. Un iter insomma piuttosto complesso e nuove competenze tutte da costruire.

‘Non c'era il know how in Svizzera’

Perché la Svizzera è così in ritardo e a che punto è il Ticino, ce lo spiega Carlos Garcia, presidente dell’associazione e-Health Ticino che, costituita nel luglio 2016, raggruppa tutti i partner pubblici e privati e gestisce la realizzazione della cartella informatizzata del paziente. «Il passaggio dalla teoria (legge federale LCIP) alla pratica è risultato piuttosto difficile soprattutto per implementare le soluzioni a livello cantonale e intercantonale. I tempi tecnici sono stati lunghi sia per creare le entità che gestiscono il progetto (alcuni cantoni hanno scelto l’associazione, altri la SA, altri ancora formule miste pubblico-privato) sia per ottenere la certificazione. Non c’era il know how, che è stato costruito in questi anni». 


Carlos Garcia, presidente dell’associazione e-Health Ticino

Otto gruppi già certificati

Attualmente in Svizzera ci sono 8 comunità di riferimento, di cui quattro hanno ottenuto la certificazione: Emedo per il canton Argovia, Dossier Santé per Neuchâtel, Cara per 5 cantoni romandi (Friburgo, Ginevra, Giura, Vaud e Vallese) ed eSanità per Grigioni, San Gallo, Glarona, Appenzello esterno e interno. «In Ticino il processo di certificazione è in corso ed è atteso per l’autunno, poi la macchina sarà autorizzata a essere usata. Dovremo promuovere la cartella informatizzata del paziente e convincere i cittadini a usarla».

Certo vien da chiedersi se non era meglio avere una comunità unica a livello nazionale. Una sola soluzione tecnica per tutti non era più semplice? «Effettivamente sì, penso che 8 milioni di cartelle cliniche andavano gestite da un sistema centrale, come in altre nazioni», precisa.

I medici tiepidi sulla rivoluzione digitale

Come sarà accolta la novità in Ticino è tutto da scoprire, soprattutto da parte dei medici. «Loro non sono obbligati ad affiliarsi alla rete, comunque sarebbe un progetto monco senza i medici di famiglia, che hanno tutta la storia clinica dei pazienti». L’associazione di categoria FMH è tiepida. «Alcuni medici lavorano ancora con cartelle cartacee, implementare un sistema informatico ha dei costi, altri forse non credono in una rete sanitaria; dove tutto diventa più trasparente».

Per chi sarà obbligatoria 

Per ospedali, cliniche, case anziani e case per partorienti la cartella informatizzata sarà obbligatoria. «Stiamo fotografando la situazione delle case anziani con l’associazione ADiCasi, alcune sono già informatizzate altre no. I grossi ospedali e le cliniche private hanno già tutti un sistema informatizzato». Alla fine a decidere sarà il paziente, sarà lui a dover fare il passo, a richiedere la nuova cartella sanitaria digitale. «Stiamo definendo con l’autorità cantonale come e dove organizzare il tutto», precisa. Alcuni cantoni lo fanno nelle farmacie, altri negli ospedali, altri ancora alla Posta.

La mia salute a portata di mano

L’obiettivo della cartella informatizzata è quello di raccogliere tutti i dati che raccontano la storia clinica del paziente – ossia malattie attuali e passate, esami clinici, terapie farmacologiche, lista delle allergie, vaccinazioni e test vari… – in un fascicolo personale in rete, a disposizione immediata di quegli operatori sanitari, che sono autorizzati ad accedervi. A decidere chi entra, chi può visionare quali documenti sanitari, è solo il paziente. Infatti saranno disponibili tre gradi di confidenzialità per i dati. Il titolare della cartella informatizzata può anche delegarne la gestione a una persona di fiducia (ad esempio un familiare, un amico o un medico di fiducia).

La cartella del medico, quella del farmacista con i dati dei pazienti continueranno a essere fatte come ora. Si tratta del cosiddetto ‘sistema primario’. Quello che cambierà, sarà il ‘sistema secondario’: tutte le informazioni sanitarie del paziente saranno caricate su una sorta di ‘nuvola digitale’, che connetterà tutte le cartelle, sarà così possibile condividere tutte le informazioni per le cure. Ad esempio, l’infermiere che cura un anziano a domicilio, potrà leggere i referti caricati dal medico, che l’ha operato qualche giorno prima. Oppure chi ha un malore in vacanza può permettere al medico del Pronto soccorso di avere una panoramica sulla sua situazione sanitaria, sapere quali terapie prende ecc. «I vantaggi sono numerosi, prima di tutto il paziente può appropriarsi dei suoi dati sanitari, gestirli in modo consapevole», precisa Garcia.

Ci saranno cosi meno errori medici

Dunque sarà più facile per il paziente avere le sue informazioni sanitarie sotto mano e saranno sempre disponibili anche quando è in viaggio. «Grazie alla condivisione delle informazioni che saranno accessibili velocemente e scambiate facilmente tra i vari operatori sanitari ci saranno anche meno errori medici». Infatti l’innovazione digitale della sanità permette di migliorare la qualità delle cure mediche, ospedaliere, con processi più efficienti e interazioni più immediate tra paziente, medici, farmacisti, terapeuti, strutture ospedaliere e laboratori. «La gestione del paziente sarà più efficace. Oltre al miglioramento della qualità delle cure ci aspettiamo anche una migliore efficienza del sistema sanitario, infatti sarà possibile contenere i costi sanitari evitando ad esempio di ripetere esami già eseguiti e fare cure inefficaci», commenta.

Quanto è sicuro avere i dati sanitari online

Ma allora perché fatica a decollare? Si temono hacker? «Gli standard di sicurezza sono molto elevati, il sistema in Ticino è implementato dalla Posta», dice. Più precisamente, aggiunge il nostro interlocutore, «la protezione delle informazioni sanitarie è garantita attraverso costanti verifiche e l’implementazione di misure che ne attestano sicurezza e protezione dei dati, ad esempio audit di certificazione, la cifratura dei dati, la tracciabilità e la verbalizzazione del trattamento», conclude.

Che cosa dice la legge

La legge federale sulla cartella informatizzata del paziente (LCIP), entrata in vigore il 15 aprile 2017, disciplina le condizioni quadro per l’introduzione e la diffusione della cartella informatizzata in Svizzera. L’adesione è obbligatoria per ospedali e cliniche (entro aprile 2020), per case di cura, istituti per invalidi e case per partorienti (entro aprile 2022), mentre l’adesione è facoltativa ma fortemente raccomandata per il settore ambulatoriale (studi medici, farmacie).

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved