pandemia-il-prezzo-della-scuola-in-presenza
Archivio Ti-Press
Le quarantene di classe sono state circa 200
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
9 min

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
1 ora

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
1 ora

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
2 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
2 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
2 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
3 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
4 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
4 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
15.06.2021 - 16:40
Aggiornamento : 18:02

Pandemia, il prezzo della scuola ‘in presenza’

I docenti sottolineano le difficoltà incontrate in un anno per nulla ‘normale’ e chiedono un sostegno per gli allievi lasciati indietro

Per ricordare simbolicamente la fine di un anno scolastico svolto quasi integralmente in presenza – un unicum a livello europeo – ma condizionato comunque dalla pandemia di coronavirus, il corpo docente delle scuole ticinesi, di ogni ordine e grado, è invitato giovedì a sospendere le lezioni per due minuti. Avverrà, ricorda Fabio Camponovo, presidente del Movimento della scuola che raggruppa varie organizzazioni magistrali, «per ricordare l’impegno profuso da tutte le componenti scolastiche nella gestione di un anno particolarmente impegnativo». L’invito è rivolto oltre che agli insegnanti e a tutto il personale della scuola, anche agli allievi e alle loro famiglie.

Giovedì 17 giugno, nel corso della mattinata, negli istituti scolastici ticinesi ci si fermerà per un paio di minuti: “due minuti di riflessione, due minuti per la scuola”, si legge in una nota. 

«È un modo per sottolineare l’obiettivo raggiunto di un anno scolastico comunque molto particolare e anche come spunto rivendicativo nei confronti delle istituzioni e del dipartimento responsabile della scuola», ha affermato ancora Fabio Camponovo. «Il mondo della scuola è giustamente orgoglioso di essere riusciti a rimanere ‘in presenza’. In altri Paesi non si è riusciti, quindi ci fa piacere che in Ticino e in Svizzera, in generale, si sia sottolineata l’importanza educativa e sociale oltre che civile della scuola in presenza», ha continuato Camponovo nelle cui parole c’è un enorme ‘tuttavia’, neanche troppo sottinteso. «Non è stato però un anno ‘normale’ come si vuole fare intendere, né per gli allievi, né per le famiglie, né per gli insegnanti e tutto il personale scolastico», ha precisato. A proposito delle quarantene di classe Camponovo ha fatto notare come ce ne siano stato quasi duecento, coinvolgendo oltre 4mila allievi e famiglie e quattro quarantene di istituto. «Ciò ha significato un doppio lavoro per centinaia di docenti e difficoltà didattiche per tanti allievi. A queste si sono aggiunte le quarantene individuali. Celare allievi e insegnanti dietro una mascherina non ha, infine, agevolato la didattica». Tutto questo è stato possibile grazie a «imposizioni che hanno limitato l’autonomia dei docenti; a forme didattiche digitali che hanno inibito il rapporto con gli allievi, soprattutto quelli più fragili». Da qui la richiesta - sottoscritta anche da altre associazioni della scuola (Vpod-Docenti, Ocst-Docenti; i docenti di educazione fisica, i docenti delle scuole medie superiori, Sisa - valorizzare ancora di più l’educazione intesa come «risorsa per affrontare consapevolmente le incognite che ci aspettano nel prossimo futuro». 

Uno degli aspetti che è emerso nel corso di questa emergenza sanitaria è la fragilità psicologica e pedagogica dei giovani. «Pure nel lodevolissimo intento di portare avanti un insegnamento di qualità il più possibile attento all’equità e all’inclusione, gli allievi più fragili pagano un prezzo di deficit di apprendimento e di difficoltà scolastiche», ha spiegato Camponovo chiedendo al Dipartimento dell’educazione di varare un ‘piano pandemico’ che tenga conto dello stato psicofisico degli allievi. Magari prevedendo corsi di recupero. Infine, l’appello a un maggior coinvolgimento dei Collegi docenti e degli insegnanti nella progettazione della scuola di domani, superando «l’eccezionalità pandemica».

Leggi anche:

‘Due minuti per la scuola’, protesta simbolica

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pandemia prezzo scuola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved