ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
10 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
11 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
11 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
12 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
12 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
12 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
12 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
12 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
13 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
15.06.2021 - 16:40
Aggiornamento: 18:02

Pandemia, il prezzo della scuola ‘in presenza’

I docenti sottolineano le difficoltà incontrate in un anno per nulla ‘normale’ e chiedono un sostegno per gli allievi lasciati indietro

di Generoso Chiaradonna
pandemia-il-prezzo-della-scuola-in-presenza
Archivio Ti-Press
Le quarantene di classe sono state circa 200

Per ricordare simbolicamente la fine di un anno scolastico svolto quasi integralmente in presenza – un unicum a livello europeo – ma condizionato comunque dalla pandemia di coronavirus, il corpo docente delle scuole ticinesi, di ogni ordine e grado, è invitato giovedì a sospendere le lezioni per due minuti. Avverrà, ricorda Fabio Camponovo, presidente del Movimento della scuola che raggruppa varie organizzazioni magistrali, «per ricordare l’impegno profuso da tutte le componenti scolastiche nella gestione di un anno particolarmente impegnativo». L’invito è rivolto oltre che agli insegnanti e a tutto il personale della scuola, anche agli allievi e alle loro famiglie.

Giovedì 17 giugno, nel corso della mattinata, negli istituti scolastici ticinesi ci si fermerà per un paio di minuti: “due minuti di riflessione, due minuti per la scuola”, si legge in una nota. 

«È un modo per sottolineare l’obiettivo raggiunto di un anno scolastico comunque molto particolare e anche come spunto rivendicativo nei confronti delle istituzioni e del dipartimento responsabile della scuola», ha affermato ancora Fabio Camponovo. «Il mondo della scuola è giustamente orgoglioso di essere riusciti a rimanere ‘in presenza’. In altri Paesi non si è riusciti, quindi ci fa piacere che in Ticino e in Svizzera, in generale, si sia sottolineata l’importanza educativa e sociale oltre che civile della scuola in presenza», ha continuato Camponovo nelle cui parole c’è un enorme ‘tuttavia’, neanche troppo sottinteso. «Non è stato però un anno ‘normale’ come si vuole fare intendere, né per gli allievi, né per le famiglie, né per gli insegnanti e tutto il personale scolastico», ha precisato. A proposito delle quarantene di classe Camponovo ha fatto notare come ce ne siano stato quasi duecento, coinvolgendo oltre 4mila allievi e famiglie e quattro quarantene di istituto. «Ciò ha significato un doppio lavoro per centinaia di docenti e difficoltà didattiche per tanti allievi. A queste si sono aggiunte le quarantene individuali. Celare allievi e insegnanti dietro una mascherina non ha, infine, agevolato la didattica». Tutto questo è stato possibile grazie a «imposizioni che hanno limitato l’autonomia dei docenti; a forme didattiche digitali che hanno inibito il rapporto con gli allievi, soprattutto quelli più fragili». Da qui la richiesta - sottoscritta anche da altre associazioni della scuola (Vpod-Docenti, Ocst-Docenti; i docenti di educazione fisica, i docenti delle scuole medie superiori, Sisa - valorizzare ancora di più l’educazione intesa come «risorsa per affrontare consapevolmente le incognite che ci aspettano nel prossimo futuro». 

Uno degli aspetti che è emerso nel corso di questa emergenza sanitaria è la fragilità psicologica e pedagogica dei giovani. «Pure nel lodevolissimo intento di portare avanti un insegnamento di qualità il più possibile attento all’equità e all’inclusione, gli allievi più fragili pagano un prezzo di deficit di apprendimento e di difficoltà scolastiche», ha spiegato Camponovo chiedendo al Dipartimento dell’educazione di varare un ‘piano pandemico’ che tenga conto dello stato psicofisico degli allievi. Magari prevedendo corsi di recupero. Infine, l’appello a un maggior coinvolgimento dei Collegi docenti e degli insegnanti nella progettazione della scuola di domani, superando «l’eccezionalità pandemica».

Leggi anche:

‘Due minuti per la scuola’, protesta simbolica

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved