autismo-un-sostegno-anche-in-estate-per-i-bambini
Fondazione Ares
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Mozione Mps: ‘Parificare i contratti per il Monte Verità’

La richiesta al governo per i dipendenti della Fondazione, presieduta dal direttore del Decs
Luganese
14 min

Sportelli chiusi al pubblico a Massagno per il Covid-19

Si potrà accedere ai servizi del Comune su appuntamento o online. Questione di ‘prevenzione’
Locarnese
16 min

Locarnese e Valli, il Salva acquisterà una nuova ambulanza

L’assemblea ha approvato il credito per l’acquisto di una nuova ambulanza, nonché ha approvato all’unanimità il preventivo 2022
Luganese
25 min

Tesserete ancora senza ‘Or Penagin’

Municipio e Associazione Carnevale rinunciano a causa dei timori legati all’andamento della pandemia. Questione in sospeso a Bellinzona
Locarnese
27 min

‘Azioni Kursaal, si proceda’. Ma occhio alla questione Casinò

Rischi minori dei benefici: la Gestione di Locarno favorevole all’acquisto delle quote dell’Otlmv da parte della Città, per diventare maggiore azionista
Grigioni
1 ora

Ricordando il poeta di Mesocco Remo Fasani

Tra un anno la Pgi organizzerà una giornata di studio all’Università di Zurigo. Per partecipare sarà necessario l’invio e l’approvazione di un contributo
Mendrisiotto
1 ora

Corsie autostradali, anche Plr e Ps fanno muro contro l’Ustra

Dopo il Ppd altre forze politiche del Distretto si sollevano per dire ‘no’ all’area di sosta riservata ai Tir
Bellinzonese
1 ora

Una mostra per i cinquant’anni di Comunità familiare

L’esposizione è allestita nella sede di Bellinzona di Antenna Icaro ed è costituita da un ciclo di 12 opere
Ticino
2 ore

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
3 ore

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
4 ore

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Ticino
4 ore

Studi medici e farmacie a disposizione per la dose di richiamo

Il Cantone potenzia il dispositivo per la somministrazione della dose di richiamo agli over 65 e si prepara per l’apertura a tutta la popolazione
Bellinzonese
4 ore

Patriziato di Carasso, via libera al preventivo 2022

L’assemblea ordinaria ha approvato i conti che prevedono un avanzo di esercizio di 271mila franchi
Ticino
 
08.06.2021 - 19:010
Aggiornamento : 19:21

Autismo, un sostegno anche in estate per i bambini

Quest'anno la seconda edizione dell'Educational Camp della Fondazione Ares. Un intervento intensivo per consolidare le competenze e dare supporto alle famiglie.

Non perdere le competenze acquisite durante l’anno e assimilarne di nuove. È questo lo spirito dell’Educational Camp, organizzato dalla Fondazione Ares, la quale si occupa di dare supporto a chi è affetto da disturbo dello spettro autistico e alle loro famiglie. Il Covid non ha fermato gli organizzatori e quest’anno sarà la seconda edizione. Si tratta di un campo estivo gratuito strutturato in due fasi: due settimane in giugno per bambini in età prescolare e una settimana in agosto per bambini e ragazzi più grandi definiti ‘ad alto funzionamento’. «È un intervento intensivo e specialistico in una cornice ludica e adatta all'età del bambino», spiega Chiara Lombardoni, pedagogista della Fondazione Ares.

Periodo estivo che con la chiusura delle scuole e la diminuzione di vari servizi di supporto può essere molto difficoltoso per le famiglie che hanno un bambino dello spettro autistico. Essi hanno capacità di autointrattenimento limitate e necessitano di continue stimolazioni per mantenere e migliorare le varie competenze sociali e motorie. «Sono felicissima di questa opportunità», ci racconta la mamma di un bambino autistico di sei anni. «Oltre a dare un attimo di respiro a noi genitori, so che mio figlio è in buonissime mani, va volentieri e viene stimolato a raggiungere determinati obiettivi». Proprio per le esigenze particolari di questi bambini l’offerta sul territorio non è molto ampia: «Ci sono tante attività estive per i bambini normodotati, ma non per quelli che presentano dei disturbi – continua la mamma –. Devo pianificare tutta la giornata come se fosse a scuola, creando delle attività come fanno i maestri». Anche Maria Elena Di Fazio, responsabile della Mission bambini Switzerland foundation, che finanzia il progetto, vorrebbe maggiori possibilità di attività estive: «L’Educational Camp è un modello virtuoso, che auspichiamo possa essere replicato anche a livello istituzionale ed essere offerto a tutti i bambini che ne hanno bisogno». L'edizione di quest'anno accoglierà 27 bambini, 7 in più dell'anno scorso. L'obiettivo per le prossime edizioni è quello di «allargare l'opportunità anche a bambini ‘più gravi’», afferma Di Fazio. 

Un punto centrale del trattamento del disturbo dello spettro autistico è l’intervento precoce: «Le linee guida internazionali dicono che è fondamentale agire il prima possibile», conferma Francesca Gerosa, responsabile educativa della Fondazione Ares. «L’autismo è una sorta di deviazione da quelle che sono le competenze sociali e comunicative e prima si interviene meglio si riesce a migliorare le qualità d’espressione». Queste ultime sono necessarie per essere indipendenti e far parte della società come ricorda Di Fazio: «Lavorare in maniera precoce è il migliore degli investimenti, sia per il futuro dei bambini all’interno della società, sia da un punto di vista economico. L’alternativa è una condanna a una vita senza autonomia e al ricorso a una struttura quando i genitori non sono più in grado di occuparsene».

Infatti il ruolo dei genitori è fondamentale: «Non devono diventare dei terapisti, ma un genitore competente fa la differenza», spiega Francesca Gerosa. «Con competente si intende che è a conoscenza del progetto riabilitativo del proprio figlio e che usa le stesse strategie nella sua quotidianità. Questo aumenta in modo esponenziale la quantità di esposizione agli stimoli che il bambino riceve per migliorare le proprie abilità». Un lavoro che Ares propone col ‘parent training’: «Veniamo coinvolti in tutto il processo. Ci spiegano come approcciarci al bambino e stimolarlo a casa. Inoltre ci viene chiesto quali sono le difficoltà e i desideri che abbiamo», spiega la mamma, che ha trovato un grande supporto anche negli altri genitori: «Quando è stata fatta la diagnosi a mio figlio ero molto disorientata, è stato un duro colpo. Poi ho conosciuto altre persone nella mia stessa situazione ed è nata un’amicizia spontanea e sincera, senza pregiudizi», racconta.

Pregiudizi che possono essere presenti nella società e per questo motivo sia la Fondazione Ares che la Mission bambini fanno un lavoro di sensibilizzazione: «Più siamo informati, più riusciamo a essere una comunità inclusiva e accogliente», spiega Francesca Gerosa. «Tutti i bambini hanno diritto a frequentare gli istituti ‘normali’ – dice la mamma –. Mandarli alle scuole speciali non gli permette di entrare in contatto con i coetanei a sviluppo regolare, perdendo l’occasione di poterli imitare e interagire con loro. Ci sono già degli asili e delle scuole inclusive, frequentate da bambini con particolari disturbi e non, ma la possibilità è raramente a tempo pieno». 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved