autismo-un-sostegno-anche-in-estate-per-i-bambini
Fondazione Ares
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
3 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
3 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
3 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
3 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
3 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
4 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
5 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
5 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
6 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
6 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
6 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
6 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
laR
 
08.06.2021 - 19:01
Aggiornamento : 26.03.2022 - 15:02

Autismo, un sostegno anche in estate per i bambini

Seconda edizione dell’Educational Camp della Fondazione Ares. Un intervento intensivo per consolidare le competenze e dare supporto alle famiglie.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Non perdere le competenze acquisite durante l’anno e assimilarne di nuove. È questo lo spirito dell’Educational Camp, organizzato dalla Fondazione Ares, la quale si occupa di dare supporto a chi è affetto da disturbo dello spettro autistico e alle loro famiglie. Il Covid non ha fermato gli organizzatori e quest’anno sarà la seconda edizione. Si tratta di un campo estivo gratuito strutturato in due fasi: due settimane in giugno per bambini in età prescolare e una settimana in agosto per bambini e ragazzi più grandi definiti ‘ad alto funzionamento’. «È un intervento intensivo e specialistico in una cornice ludica e adatta all’età del bambino», spiega Chiara Lombardoni, pedagogista della Fondazione Ares.

Periodo estivo che con la chiusura delle scuole e la diminuzione di vari servizi di supporto può essere molto difficoltoso per le famiglie che hanno un bambino dello spettro autistico. Essi hanno capacità di autointrattenimento limitate e necessitano di continue stimolazioni per mantenere e migliorare le varie competenze sociali e motorie. «Sono felicissima di questa opportunità», ci racconta la mamma di un bambino autistico di sei anni. «Oltre a dare un attimo di respiro a noi genitori, so che mio figlio è in buonissime mani, va volentieri e viene stimolato a raggiungere determinati obiettivi». Proprio per le esigenze particolari di questi bambini l’offerta sul territorio non è molto ampia: «Ci sono tante attività estive per i bambini normodotati, ma non per quelli che presentano dei disturbi – continua la mamma –. Devo pianificare tutta la giornata come se fosse a scuola, creando delle attività come fanno i maestri». Anche Maria Elena Di Fazio, responsabile della Mission bambini Switzerland foundation, che finanzia il progetto, vorrebbe maggiori possibilità di attività estive: «L’Educational Camp è un modello virtuoso, che auspichiamo possa essere replicato anche a livello istituzionale ed essere offerto a tutti i bambini che ne hanno bisogno». L’edizione di quest’anno accoglierà 27 bambini, 7 in più dell’anno scorso. L’obiettivo per le prossime edizioni è quello di «allargare l’opportunità anche a bambini ‘più gravi’», afferma Di Fazio.

Un punto centrale del trattamento del disturbo dello spettro autistico è l’intervento precoce: «Le linee guida internazionali dicono che è fondamentale agire il prima possibile», conferma Francesca Gerosa, responsabile educativa della Fondazione Ares. «L’autismo è una sorta di deviazione da quelle che sono le competenze sociali e comunicative e prima si interviene meglio si riesce a migliorare le qualità d’espressione». Queste ultime sono necessarie per essere indipendenti e far parte della società come ricorda Di Fazio: «Lavorare in maniera precoce è il migliore degli investimenti, sia per il futuro dei bambini all’interno della società, sia da un punto di vista economico. L’alternativa è una condanna a una vita senza autonomia e al ricorso a una struttura quando i genitori non sono più in grado di occuparsene».

Infatti il ruolo dei genitori è fondamentale: «Non devono diventare dei terapisti, ma un genitore competente fa la differenza», spiega Francesca Gerosa. «Con competente si intende che è a conoscenza del progetto riabilitativo del proprio figlio e che usa le stesse strategie nella sua quotidianità. Questo aumenta in modo esponenziale la quantità di esposizione agli stimoli che il bambino riceve per migliorare le proprie abilità». Un lavoro che Ares propone col ‘parent training’: «Veniamo coinvolti in tutto il processo. Ci spiegano come approcciarci al bambino e stimolarlo a casa. Inoltre ci viene chiesto quali sono le difficoltà e i desideri che abbiamo», spiega la mamma, che ha trovato un grande supporto anche negli altri genitori: «Quando è stata fatta la diagnosi a mio figlio ero molto disorientata, è stato un duro colpo. Poi ho conosciuto altre persone nella mia stessa situazione ed è nata un’amicizia spontanea e sincera, senza pregiudizi», racconta.

Pregiudizi che possono essere presenti nella società e per questo motivo sia la Fondazione Ares che la Mission bambini fanno un lavoro di sensibilizzazione: «Più siamo informati, più riusciamo a essere una comunità inclusiva e accogliente», spiega Francesca Gerosa. «Tutti i bambini hanno diritto a frequentare gli istituti ‘normali’ – dice la mamma –. Mandarli alle scuole speciali non gli permette di entrare in contatto con i coetanei a sviluppo regolare, perdendo l’occasione di poterli imitare e interagire con loro. Ci sono già degli asili e delle scuole inclusive, frequentate da bambini con particolari disturbi e non, ma la possibilità è raramente a tempo pieno».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ares autismo campo campo estivo educational camp fondazione ares
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved