DJOKOVIC N. (SRB)
2
DELLIEN H. (BOL)
0
fine
(6-2 : 6-2)
BENCIC B. (SUI)
0
PEGULA J. (USA)
0
1 set
(1-1)
cosa-si-fa-in-ticino-per-aiutare-i-malati-di-alzheimer
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
4 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
14 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
14 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
14 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
15 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
15 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
16 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
16 ore

Per il Cantone Ticino confermato il rating Aa2

La valutazione di Moody's allestita sulla base delle analisi dei dati del consuntivo 2020 e sulle prime informazioni circa la gestione 2021. La soddisfazione del Dfe
Bellinzonese
16 ore

Patriziato di Carasso, ok ai 1,67 milioni per la sua casa

L'assemblea ha dato il via libera al credito per effettuare lavori di manutenzione, risanamento energetico e messa in sicurezza del palazzo patriziale
Ticino
16 ore

Ecco i radar di fine luglio

Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
17 ore

Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie

Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Locarnese
17 ore

Minusio Mappo, la miniferrovia apre al pubblico

Quattro gli appuntamenti, domenica 25 e giovedì 29 luglio; domenica 5 e giovedì 8 agosto. I convogli circoleranno solo se non piove.
Locarnese
17 ore

Tegna-Verscio, Festa di Sant'Anna

La celebrazione si tiene domenica 25 luglio
Mendrisiotto
17 ore

Arzo, sostituzione e potenziamento delle strutture tecniche

Il cantiere inizierà il 23 agosto e durerà un anno. I lavori interesseranno via Aglio, via Rossi e via Patrizi Arzesi
Locarnese
17 ore

Onsernone, la Società di pesca compie cent'anni

Pomeriggio ricreativo con maccheronata, sabato 24 luglio
Ticino
 
09.06.2021 - 19:380
Aggiornamento : 20:01

Cosa si fa in Ticino per aiutare i malati di Alzheimer

E le loro famiglie, ora che si parla di nuove cure, ma la strada sarà lunga. Intervista sulle demenze a Ombretta Moccetti (Alzheimer Svizzera)

«Voglio andare da mia madre. Dov’è mia madre? Portami da mia madre». Che però è morta da anni. È uno degli esempi che Ombretta Moccetti utilizza per spiegarci cosa capita a un malato di Alzheimer o altre demenze in uno stadio avanzato, e di conseguenza quel che devono affrontare i suoi familiari. «Si tratta di malattie che distruggono progressivamente l’identità, tanto che l’accompagnamento negli anni del proprio caro che cambia viene anche denominato ‘lutto bianco’», spiega la responsabile del Centro competenze Alzheimer e altre demenze, patologie che colpiscono oltre 144mila anziani in Svizzera, oltre 7'600 in Ticino. Erano 6'300 nel 2019, il che fa intuire quanto sia significativo l’aumento dei casi correlato a quello della speranza di vita. Speranza che determina anche l’incidenza di genere, col 67% di casi tra le donne. Una cura non c’è, anche se proprio l’altro giorno sono giunte notizie incoraggianti circa una nuova terapia anti-Alzheimer (vedi sotto). Ma negli ultimi vent’anni la medicina ha fatto pochissimi passi avanti dal punto di vista terapeutico, «anche se si sono compresi meglio la natura delle demenze, i loro meccanismi e la probabilità che i fattori scatenanti siano molteplici».

‘Approccio multiforme’

In attesa di qualche cura almeno parziale, a correre in soccorso fin dal 1992 è la rete di servizi sul territorio sviluppata dal Centro, grazie agli sforzi congiunti di Alzheimer Svizzera e Pro Senectute. «Si comincia con lo sportello telefonico per identificare i bisogni di famiglie e specialisti (091 912 17 07, ndr), poi li si indirizza verso vari tipi di supporto», spiega Moccetti: «Ci sono anzitutto i gruppi di attivazione cognitiva, che tramite neuropsicologi e animatori aiutano a tenere in esercizio la memoria e il contatto sociale, due aspetti spesso correlati nel contrastare il decorso delle demenze». Poi ci sono i centri diurni, che permettono una presa in carico dalle 9 alle 17, e gli atelier ‘Tincontro’, per chi ha ancora un certo livello di coscienza e necessita di consulenza psicoterapeutica. Non si dimentica la famiglia, «alla quale offriamo gruppi di autoaiuto nei quali scambiarsi consigli e confrontarsi con degli esperti». Un approccio simile ai Caffè Alzheimer sul territorio, che seguendo un’idea olandese riuniscono attorno a un tavolo gli interessati e dei relatori specializzati. Ma c’è anche la consulenza ad hoc, perché ogni caso è diverso dall’altro. Lo dimostra proprio l’esempio della mamma: «In alcuni casi, quando l’orientamento nella realtà è ancora indicato, si consiglia alla famiglia di ricordare con tatto al malato che la madre non c’è più, in altri più gravi questo diventa inutile, anzi, rischia di mandare in ansia una persona per la quale quella è ridiventata una presenza reale e che non si sente più creduta dai suoi cari. Ecco allora che bisogna dare valore alle emozioni, ricordare insieme, magari fare due passi per distrarsi… Naturalmente non è per niente facile per chi è coinvolto», ovvero da uno a tre parenti per malato, «anche perché spesso può capitare di dover ricominciare da zero dopo poche ore. Per questo il nostro è un supporto che unisce l’intervento di volontari qualificati, anche a domicilio, con la consulenza pratica e psicologica. Siamo convinti che la miglior risposta sia un approccio integrato e multiforme». 

Ci si mette anche il Covid

Nell’ultimo anno ci si è messo anche il Covid, che ha costretto alla chiusura iniziale dei centri diurni e a grandi problemi nel seguire le attività in istituti e case anziani, ha cancellato i Caffè e fatto saltare le Vacanze Alzheimer, «un progetto speciale che permette a un malato e a un suo parente di viaggiare insieme a un assistente dedicato. Ciò consente ai familiari di ritagliarsi momenti di svago e allo stesso tempo ha un effetto incredibilmente positivo sulla ‘presenza’ dei malati, dunque anche sul morale dei parenti che vedono ‘tornare’ almeno in parte il loro caro come lo hanno sempre amato e conosciuto». Durante pandemia e lockdown «abbiamo cercato di ovviare ai problemi rafforzando l’assistenza domiciliare, ma l’effetto della mancata socializzazione e dello stravolgimento delle routine è stato tremendo, soprattutto su chi era ancora parzialmente autonomo: in molti di questi casi abbiamo visto peggioramenti drastici. Ora per fortuna stiamo ripartendo».

IL FARMACO

Per una cura bisogna attendere

“Una luce all’orizzonte”. L’associazione Alzheimer Svizzera (Alz) saluta così l’approvazione di un nuovo farmaco anti-Alzheimer da parte della Food and Drug Administration statunitense. Ma è la stessa Alz a mettere in guardia contro facili entusiasmi: il farmaco chiamato Aducanumab ha bisogno ancora di molte sperimentazioni e la sua efficacia, se dimostrata, appare comunque limitata agli stadi precoci della malattia. Due studi preliminari sono giunti a risultati contrastanti. Il farmaco potrebbe dimostrarsi efficace nel combattere almeno parzialmente la formazione di placche proteiche che distruggono le cellule cerebrali, il meccanismo alla base della propagazione del morbo.

L’Aducanumab “non è un rimedio miracoloso”, ricorda Alz, e la sua approvazione in Svizzera richiederà ancora tempo: la domanda presentata all’istituto svizzero per gli agenti terapeutici Swissmedic è di pochi mesi fa, e alla questione dell’efficacia si aggiunge quella della copertura da parte delle casse malati. L’approvazione americana infonde comunque fiducia a un ambito della ricerca medica che negli ultimi decenni ha visto investimenti milionari seguiti da scarsi risultati, col conseguente abbandono dei lavori da parte di alcune grandi aziende farmaceutiche.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved