telelavoro-poco-sensato-ristoranti-voglia-di-incontrarsi
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Lidi, riaprono Carona, San Domenico e Riva Caccia

Le strutture balneari all’aperto pronte per la nuova stagione a Lugano
Luganese
8 ore

Le Pleiadi, assemblea in vetta al Monte Lema

Dopo i lavori possibilità di assistere a una visita guidata dell’osservatorio
Luganese
8 ore

‘Benvenuti in Paradiso’, il Comune accoglie i suoi residenti

I nuovi arrivi salutati alla manifestazione ‘Incontriamoci’ indetta dal Municipio
Luganese
8 ore

Banca Notenstein, in aula buco da 15 milioni

Tre rinvii a giudizio per truffa e malversazioni compiute da un ex alto funzionario dell’istituto di credito. In aula pure due persone del ramo dei cambi
Luganese
9 ore

Al Palacongressi i primi 90 anni dei Canterini di Lugano

Concerto e ospiti per il prestigioso traguardo del complesso musicale
Locarnese
10 ore

È morto uno dei promotori della chiesa di Mogno

L’architetto Giovan Luigi Dazio è stato un maestro nella riattazione di rustici in pietra
Mendrisiotto
10 ore

Riva San Vitale, festa e torneo al campo di calcio

L’appuntamento è per il fine settimana dell’8-11 giugno. Oltre alle partite in programma festa e musica per la popolazione
Ticino
11 ore

Atte, nuovo Comitato e bilanci prudenti

L’assemblea dell’Associazione ticinese terza età ha saputo affrontare il colpo della pandemia sulle attività. Preoccupa il calo di iscritti
Mendrisiotto
11 ore

Una Giornata ai mulini della regione

Porte aperte sabato agli impianti storici di Bruzella in Valle di Muggio, del Ghitello a Morbio e de La Tana a Rancate
26.05.2021 - 18:23
Aggiornamento : 26.03.2022 - 14:57

Telelavoro ‘poco sensato’. Ristoranti: ‘voglia di incontrarsi’

Le discoteche, ancora obbligate a restare chiuse, sono pronte a riprendere le attività non appena sarà possibile

Per passare dall’obbligo alla raccomandazione di telelavoro è necessario che l’azienda in questione effettui test ripetuti e che sia integrata in un programma cantonale in materia. Secondo Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio del canton Ticino, è una decisione «poco sensata». «Da una parte si apre, giustamente, e dall’altra si mantiene, un po’ artificialmente, questa misura del telelavoro. Inoltre il fatto di evitare le quarantene a chi è vaccinato o ha fatto la malattia stride con il mantenimento della direttiva sul lavoro da casa. Anche perché, ipoteticamente, un’azienda potrebbe avere anche tutti i dipendenti vaccinati, ma se non fa i test deve mantenerli in telelavoro».

Le aziende aderiranno? «È possibile, anche se attualmente l’attenzione di tutti è rivolta verso i vaccini», prosegue Albertoni che dice: «Non voglio demonizzare il telelavoro, può essere molto utile, ma credo che sia un’alternativa complementare, non un sostituto al lavoro in presenza. Abbiamo notato che prima della pandemia c’era forte richiesta di telelavoro, ora le persone chiedono invece di tornare in sede».

Discoteche in attesa e pronte a riaprire

Un settore ancora fermo, e che non può affidarsi al telelavoro, è quello delle discoteche. «È una situazione abbastanza problematica. L’unica cosa che c’è da fare, mentre aspettiamo di poter riaprire, è di pensare agli eventi pilota. Per poter fare dei test e capire come ripartire al più presto», ci spiega Daniel Perri, responsabile di alcuni locali notturni del Locarnese. «Una delle difficoltà è quella di non poter programmare gli eventi a medio e lungo temine. Adesso possiamo solo muoverci giorno per giorno. Non appena si potrà ripartire lo faremo, anche se per alcuni locali non è usuale aprire in estate non ci tireremo indietro. Attualmente non è possibile seguire le logiche di programmazione precedenti al Covid».

Allentamenti per la ristorazione: ‘tappe necessarie’

Perri, responsabile anche di un bar, prende posizione riguardo alle riaperture della ristorazione: «Non è ancora una situazione pienamente soddisfacente, ma sono dei piccoli passi necessari per arrivare a un’apertura totale». E per quanto riguarda il personale? «I dipendenti fissi sono rimasti, poi a seconda della situazione è possibile ricorrere ad aiuti in modalità a ore». Nessun dubbio rispetto al desiderio delle persone di tornare a incontrarsi: «La voglia di uscire è grandissima. Si vede sui social, ma anche in strada, non appena c’è un po’ di bel tempo sono tutti fuori. Speriamo in una risposta immediata a seguito dei nuovi allentamenti, anche se magari qualcuno può essere ancora un po’ titubante a incontrare altre persone per paura di contrarre il virus».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus discoteche lavoro telelavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved