calcio-regionale-la-ftc-passa-la-palla-ai-club
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Tennis
50 min

Australian Open, in finale Nadal contro Medvedev

Il maiorchino ha sconfitto Matteo Berrettini in quattro set (6-6 6-2 3-6 6-3), il russo ha fatto lo stesso contro il greco Tsitsipas (7-6 4-6 6-4 6-1)
Freestyle
4 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
13 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
13 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
15 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
18 ore

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
18 ore

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
20 ore

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
26.05.2021 - 18:330

Calcio regionale, la Ftc passa la palla ai club

La data limite indicata dall'Asf è stata rispettata, gli allentamenti previsti da lunedì permettono di tornare a giocare anche in ambito amatoriale

I campionati amatoriali possono riprendere, perlomeno per gli sport come il calcio in cui a scendere in campo (all'aperto) sono non più di cinquanta persone (prima il limite era di 15). È la conseguenza degli ulteriori allentamenti decisi da Berna che verranno messi in atto da lunedì, ossia la data limite precedentemente indicata dall’Associazione svizzera di calcio (Asf) per riprendere appunto i campionati minori, nel tentativo di far terminare il girone d’andata di almeno la metà di tutti i gruppi di ogni categoria (quindi dalla Promotion League alla Quinta Lega) in tutte le associazioni regionali a livello svizzero, in modo da poterne omologare i risultati (in caso di una differenza di partite giocate all’interno dello stesso gruppo, verrà considerato il coefficiente di punti).

«Nell’ordinanza si parla di un massimo di 50 persone, ma considerando che già le due squadre hanno almeno 18 giocatori a testa, lo staff, gli accompagnatori e contando poi anche gli arbitri, direi che siamo al limite. E chi effettuerà i controlli?», fa notare Fulvio Biancardi, presidente di una Federazione ticinese di calcio che nelle scorse settimane aveva espresso perplessità su un’eventuale ripartenza dei campionati in Ticino, cantone in cui per varie situazioni (in particolare il maltempo e la fine della scuola anticipata rispetto alla Svizzera tedesca) risulterebbe più difficile riuscire a completare l’andata in tutti i gruppi (mancano fino a 7 partite).

«Effettivamente in Ticino abbiamo davvero poco spazio, ma visto che come già sottolineato in altre occasioni secondo statuti dobbiamo sottostare alle decisioni dell’Asf (dalla quale si attendono ancora indicazioni ufficiali, ndr), un calendario è già stato stilato e inviato alle società. Si dovrebbe riprendere a giocare già nel corso della prossima settimana con i primi recuperi (lo stesso lunedì 31 giugno, ndr), per poi passare ai turni completi dal weekend successivo. A questo punto la palla passa ai club, che devono decidere se vogliono e se sono in grado di scendere in campo. C’è chi si è preparato meglio e chi ha fatto meno, è una situazione complessa, anche per i motivi già citati. In ogni caso c’è la possibilità, se entrambe le società sono d’accordo e previa comunicazione anticipata alla Federazione, di archiviare la partita con zero punti e zero reti. Nel caso invece in cui dovesse essere una sola squadra a non voler giocare, a quel punto una sconfitta a tavolino sarebbe inevitabile. La cosa che cercheremo di evitare, laddove sono dati i presupposti, è di infliggere delle multe. Ci vuole buonsenso ed è anche quello che chiediamo alle società».

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved