DJOKOVIC N. (SRB)
2
DELLIEN H. (BOL)
0
fine
(6-2 : 6-2)
BENCIC B. (SUI)
0
PEGULA J. (USA)
0
1 set
(3-3)
diamanti-soldi-e-camorra-in-mezzo-c-e-lugano
L'avvocato Marcellini (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
5 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
14 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
14 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
15 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
16 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
16 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
16 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
16 ore

Per il Cantone Ticino confermato il rating Aa2

La valutazione di Moody's allestita sulla base delle analisi dei dati del consuntivo 2020 e sulle prime informazioni circa la gestione 2021. La soddisfazione del Dfe
Bellinzonese
17 ore

Patriziato di Carasso, ok ai 1,67 milioni per la sua casa

L'assemblea ha dato il via libera al credito per effettuare lavori di manutenzione, risanamento energetico e messa in sicurezza del palazzo patriziale
Ticino
17 ore

Ecco i radar di fine luglio

Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
21.05.2021 - 19:250
Aggiornamento : 19:57

Diamanti, soldi e camorra: in mezzo c’è Lugano

Accusa e difesa si confrontano sul caso del gioielliere accusato di riciclaggio e sulla sua presunta complicità col crimine organizzato

Un demi-monde fatto di società con nomi di film e fuoriserie, pietre preziose, personaggi in odore di camorra. Tipi che quando li vedi, sul lungolago di Lugano, ti chiedi come fanno a permettersi un’Aston Martin o una Lamborghini. E tutt’attorno le consuete valigie di soldi dall’Italia, i bonifici da Nassau, il tocco esotico di una partita di diamanti israeliani. Questa l’ambientazione del caso discusso questa settimana al Tribunale penale federale di Bellinzona e risalente al 2015. Unico imputato un 39enne italiano incensurato residente in Ticino, gioielliere accusato di riciclaggio, carente diligenza e attività finanziarie non autorizzate.

«Insieme… insieme… insieme…» a lui – l’anafora è del procuratore federale Sergio Mastroianni – c’era Filippo Magnone, già condannato per riciclaggio in Italia e in Svizzera, considerato insieme al padre e al fratello una sorta di ‘banchiere’ luganese al servizio della camorra: avrebbe aiutato il braccio finanziario dell’organizzazione, radicato a Milano e attivo nell’usura, a fare del Ticino la rampa di lancio verso le lavatrici di mezzo mondo.

Secondo l’accusa non c’è dubbio: l’imputato è legato a costoro da «un’amicizia consolidata». Sarebbe stato lui ad acquistare diamanti a Tel Aviv con soldi dei quali conosceva la provenienza criminale, pietre poi finite nelle tasche dei Magnone e di altri pluripregiudicati della mala campana. Sempre lui avrebbe aiutato Filippo Magnone a occultare contanti nelle cassette della sua società-paravento, non prima di avere ceduto alla tentazione di alcuni selfie celebrativi con una montagna di banconote. Sempre lui avrebbe venduto oro e aperto conti in Ungheria senza le necessarie autorizzazioni, offrendo a una pletora di malintenzionati una sorta di pacchetto completo del riciclaggio. Un modo per staccare una bella commissione sui preziosi e altri servizi.

Ma è davvero tutto così ovvio ed evidente? L’avvocato difensore Luca Marcellini invita a non affrettare conclusioni e sottopone a stress test i legami logici e causali dell’inchiesta. Certo, i Magnone non profumano di lavanda; ma questo non significherebbe che l’imputato abbia davvero compiuto tutti gli atti dei quali lo si accusa, né che potesse conoscere la provenienza del denaro. Non tutte le attività con le quali si arricchisce un criminale sono necessariamente criminali, magari non lo sono in Svizzera o potrebbero essere già prescritte. L’avvocato ha contestato anche la pertinenza elvetica di acquisti e pagamenti effettuati tra i Caraibi e il Medio Oriente. Il tutto in un periodo nel quale la stretta sul riciclaggio in Italia, combinata coi molti capitali italiani ancora in Ticino, aveva generato una corsa a trasferimenti e investimenti in beni-rifugio: un fuggi fuggi che rendeva difficile anche per il più onesto dei commercianti individuare elementi criminali.

Marcellini ha anche contestato quella che il procuratore ha presentato come una prova principe: i tre selfie di Magnone e dell’imputato dietro a una montagna di soldi e mazzette. Per Mastroianni una dimostrazione della sicumera di due sciagurati all’apice del successo, giustificata con una scusa «ridicola»: il gioielliere avrebbe creduto che fossero perlopiù banconote false, fogli bianchi pitturati solo alle estremità. Secondo l’avvocato difensore «un inno al cattivo gusto», certo, ma nulla proverebbe che l’uomo conoscesse l’origine criminale di quei soldi: altrimenti perché avrebbe corso il pericolo di metterci la faccia?

L’accusa ha chiesto nove mesi di detenzione sospesi per tre anni, tremila franchi di multa e la confisca dei beni – ormai esigui – sui conti di una società coinvolta. La difesa ha perorato il pieno proscioglimento. Ora sta alla giudice federale 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved