DJOKOVIC N. (SRB)
2
DELLIEN H. (BOL)
0
fine
(6-2 : 6-2)
BENCIC B. (SUI)
0
PEGULA J. (USA)
0
1 set
(2-2)
101-misure-25-anni-e-due-diverse-interpretazioni
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
5 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
14 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
14 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
15 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
15 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
16 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
16 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
16 ore

Per il Cantone Ticino confermato il rating Aa2

La valutazione di Moody's allestita sulla base delle analisi dei dati del consuntivo 2020 e sulle prime informazioni circa la gestione 2021. La soddisfazione del Dfe
Bellinzonese
17 ore

Patriziato di Carasso, ok ai 1,67 milioni per la sua casa

L'assemblea ha dato il via libera al credito per effettuare lavori di manutenzione, risanamento energetico e messa in sicurezza del palazzo patriziale
Ticino
17 ore

Ecco i radar di fine luglio

Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
17 ore

Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie

Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Locarnese
17 ore

Minusio Mappo, la miniferrovia apre al pubblico

Quattro gli appuntamenti, domenica 25 e giovedì 29 luglio; domenica 5 e giovedì 8 agosto. I convogli circoleranno solo se non piove.
Locarnese
17 ore

Tegna-Verscio, Festa di Sant'Anna

La celebrazione si tiene domenica 25 luglio
Mendrisiotto
18 ore

Arzo, sostituzione e potenziamento delle strutture tecniche

Il cantiere inizierà il 23 agosto e durerà un anno. I lavori interesseranno via Aglio, via Rossi e via Patrizi Arzesi
Locarnese
18 ore

Onsernone, la Società di pesca compie cent'anni

Pomeriggio ricreativo con maccheronata, sabato 24 luglio
Locarnese
18 ore

Quartino, arma alla mano per il tiro obbligatorio

In agenda sabato 24 luglio. Ai partecipanti sarà data la possibilità di eseguire il tiro federale in campagna
Bellinzonese
18 ore

Parcheggi sulla strada per il ponte Tibetano, l'Mps chiede lumi

Interpellata la Città di Bellinzona: 'È vero che sono stati soppressi i posteggi sulla strada El Runchetign e la prassi di tollerare le auto nelle aree di sosta?'
Gallery
Mezzovico
18 ore

San Mamete torna a risplendere a Mezzovico

Completato dopo nove anni dall'inizio dell'iter il restauro della chiesa monumento storico e d'importanza cantonale e federale
Locarnese
18 ore

Orselina, un turista e mezzo (al giorno) per ogni abitante

Il dato statistico emerge dall'assemblea della Pro locale. Fra gli altri temi, la presunta invisibilità del Comune collinare negli orari delle Fart
Luganese
18 ore

Nel lago Ceresio finiscono anche carta e rifiuti solidi?

Interrogazione leghista al Municipio di Lugano sul recente inquinamento da idrocarburi all'altezza del Lac
Luganese
19 ore

Il primo cittadino ticinese ospite a Melano il 1° agosto

In occasione del natale della patria oltre all'allocuzione di Nicola Pini momento conviviale con festa al lago
Mendrisiotto
23 ore

Riva San Vitale ha scelto la sua segretaria comunale

Il Municipio ha assunto Lorenza Capponi Degliesposti. La sua attività inizierà il 1° dicembre
Mendrisiotto
23 ore

Una pedalata culturale tra i colli del Mendrisiotto

Domani andrà in scena la ‘Belvedere culturale’, in attesa dell'evento principale in programma per il 21 e 22 agosto.
Ticino
1 gior

Sono 32 i nuovi casi di coronavirus in Ticino nelle ultime 24 ore

Si contano inoltre 11 persone ricoverate, due nei reparti di terapia intensiva
Luganese
1 gior

Salvataggio Lugano prima al mondo a ottenere la certificazione Hira3

‘Un'eccellenza per quanto riguarda i diving center’. La Sezione celebra inoltre il 70esimo anniversario della sua fondazione
Ticino
1 gior

Custodia di polizia, indagini preventive: ok del Tf alla legge ticinese

Mon Repos respinge il ricorso contro la revisione voluta dal Consiglio di Stato e approvata dal parlamento nel 2018: le nuove disposizioni non ledono la Costituzione
Ticino
1 gior

‘In futuro sempre più eventi meteorologici estremi’

Marco Gaia di MeteoSvizzera: ‘Senza provvedimenti mirati per proteggere il clima l’incremento della temperatura media estiva sarà di 2,5 – 4,5 °C’
Locarnese
1 gior

Percorso ciclopedonale sulla strada ferrata di Losone

Il progetto pronto forse già in autunno. Per l'ultimo tratto verso il fiume si è resa necessaria una modifica di Piano regolatore
Luganese
1 gior

Polveri fini, limite superato sistematicamente

Studio di scienza partecipativa mostra che in quattro aree la media delle PM 2.5 è stata oltre la soglia dell’organizzazione mondiale della sanità
Grigioni
1 gior

Prosegue tra i vigneti vallesani il viaggio di 'Temperature in sella'

Il gruppo partecipante al progetto climatico-sportivo è giunto oggi a Martigny dopo essere partito da Visp. Domani si riparte alla volta di Losanna.
Mendrisiotto
1 gior

Salvati dalle ruspe, cimeli delle Ptt danno vita a un museo

La Galleria Baumgartner ha inaugurato un'esposizione permanente dedicata agli oggetti che hanno segnato l'epopea del ‘Gigante giallo’.
Luganese
1 gior

Villa Luganese, la fontana nel bosco non doveva essere costruita

Il Tribunale federale respinge il ricorso dell'ex presidente del Patriziato. ‘I fondi situati nell'area forestale devono essere liberi da costruzioni’
Ticino
 
04.05.2021 - 05:300

101 misure, 25 anni e due diverse interpretazioni

In occasione dell’anniversario masoniano mettiamo a confronto il suo ’capocantiere’ Sergio Morisoli e l’economista Sergio Rossi

Sono passati 25 anni tondi dalla presentazione delle 101 misure per il rilancio economico del Ticino di Marina Masoni. A molti di noi sembra ieri: a destra tra chi ritiene l’indirizzo del ‘meno Stato’ come ancora valido e vitale, ma ancora irrealizzato; a sinistra perché quei provvedimenti sono visti come l’inizio di un ‘discorso neoliberista’ che sarebbe ancora dominante dentro e fuori il Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe). Segno che è utile tornare a riflettere su quell’epoca per capire dove potremmo andare. Lo facciamo con Sergio Morisoli, all’epoca segretario generale del Dfe e secondo molti eminenza grigia del progetto (ma lui preferisce «capocantiere»), e Sergio Rossi, professore di macroeconomia ed economia monetaria all’Università di Friburgo.

Anzitutto, di cosa stiamo parlando?

Morisoli: Di una serie di provvedimenti nati dalla necessità di affrontare la dura crisi economica che in quegli anni colpiva un po’ tutti i settori: immobiliare, finanziario, industriale, turistico. Si trattò di affrontare molti punti in sospeso sia all’interno dell’amministrazione che della società ticinese, realtà con le quali ci confrontammo apertamente per capire cosa potesse fare lo Stato. Optammo per misure che potessero rilanciare la competitività del cantone e risolvere l’enorme problema di una disoccupazione che sfiorava l’8%: ne realizzammo 81 (mentre 12 rimasero in corso d’opera e 8 furono scartate), dalle nuove leggi su occupazione e innovazione a quella per il rilancio del turismo, passando per la promozione del territorio come terreno di insediamento aziendale (Copernico), per farne una realtà variegata e non una monocoltura di industrie decotte. Queste misure compresero anche sgravi e competitività fiscale e certamente erano influenzate dalla volontà di rilanciare l’economia agendo sull’offerta, la cosiddetta ‘supply-side economics’, ma è sbrigativo liquidarle come neoliberiste. Coincisero peraltro con un netto miglioramento delle condizioni economiche del cantone, dal Pil all’occupazione, dalle esportazioni al gettito fiscale, dai nuovi posti di lavoro al salario mediano.

Rossi: Va però notato che causalità e correlazione sono cose diverse: dopo la crisi immobiliare scoppiata alla fine degli anni Ottanta, l’economia ticinese impiegò un decennio per riprendersi e lo fece soprattutto grazie agli accordi bilaterali tra la Svizzera e l’Unione europea. E sebbene alcune delle 101 misure – come quelle sull’innovazione e sulla promozione economica – siano effettivamente interessanti, occorre notare che cosa abbia significato puntare così tanto sugli sgravi e sugli aiuti alle imprese: l’arrivo di realtà imprenditoriali che cercavano solo terreno fertile per operazioni fiscali corsare, poco sostenibili e tali da lasciare scarso valore aggiunto sul territorio. Troppo spesso poco più che capannoni, come abbiamo visto con certe realtà della moda. Nel frattempo, il settore bancario è stato poco stimolato ad agevolare investimenti in imprese innovative. Resta poi il fatto che prima dell’offerta occorre preoccuparsi della domanda nel mercato dei prodotti: se questa langue, anche le imprese hanno pochi incentivi a investire per il rilancio; un problema che vediamo bene anche oggi.

A quel periodo la sinistra imputa anche lo smantellamento del welfare. Su questo giornale, la granconsigliera socialista Anna Biscossa ha parlato martedì scorso di passaggio “dal diritto sociale implicito all’esercizio facoltativo di quel diritto”. Come dire che l’accesso ai sussidi è diventato una corsa a ostacoli.

Morisoli: Se ciò è accaduto non è certo stato durante quel periodo né a causa delle nostre misure. A parte il fatto che anche recuperare i 25mila posti di lavoro persi fu per così dire una forma di welfare, noi nello Stato sociale abbiamo investito ben più di prima: da 700 milioni l’anno siamo passati a 1'250. L’idea era – e nel mio caso resta – quella di rendere questi investimenti più proficui, non di ridurli. Per questo a suo tempo potenziammo il supporto alla riqualifica e al reinserimento professionale e coinvolgemmo realtà parastatali e private, capaci di fare quello che lo Stato non sapeva fare. Si trattava anche di maggiore equità: prima c’era chi collezionava sussidi e chi, magari più bisognoso, si trovava chiuso fuori. Nelle linee direttive di Governo inserimmo testuali parole – “crescita economica e lotta all’esclusione” – come uno dei capitoli portanti di legislatura.

Rossi: Il problema è che certe scelte di politica economica, prima o poi, portano giocoforza alla necessità di ridimensionare lo Stato sociale. Se si punta sugli sgravi fiscali si va infatti a incidere negativamente sul gettito, riducendo di fatto le risorse fiscali a disposizione per gli aiuti. A maggior ragione se nel frattempo si incoraggia un modo di fare impresa che ha portato dumping e un generale deterioramento delle condizioni di lavoro, e che spesso si è concluso con partenze d’imprese tanto repentine quanto il loro arrivo. Il risultato è stato non solo l’impoverimento delle casse pubbliche con scarse ricadute positive sul territorio, ma anche la progressiva stigmatizzazione di chi davvero non ce la fa e ha bisogno di un aiuto dallo Stato.

Uno dei concetti trainanti della politica economica di Marina Masoni pare essere stato quello della ‘distruzione creativa’ di cui parlava l’economista austriaco Joseph Schumpeter: permettere alle imprese innovative di sparigliare il mercato, tagliando fuori quelle obsolete ma creando così un’innovazione che attrae a sua volta – per via dei profitti – nuovi progetti imprenditoriali e dunque un maggiore benessere collettivo.

Morisoli: Si è trattato certamente di una delle idee ispiratrici. Però il nostro era uno Schumpeter con gli airbag: sapevamo che la distruzione ha i suoi pericoli nonostante la creazione che ne segue. Per questo volevamo creare un tessuto d’impresa a maglie molto fitte, tali che se saltava un nodo non si squarciasse l’intera rete. Ci sembrava comunque che fosse necessario cambiare dopo anni di pianificazione economica quasi sovietica, basata su settori obsoleti: non si poteva più vivere cucendo pantaloni per l’esercito o fondendo acciaio, mentre nelle aree industriali del cantone pianificate a tavolino crescevano le ortiche più alte di tutte. Anche perché vedevamo già che la globalizzazione portava a una fuoriuscita delle imprese che puntavano sulla manodopera a basso costo. Per questo abbiamo cercato di attrarre altre realtà, come quelle della meccanica di precisione e dell’elettronica, dei poli della logistica e di ricerca che effettivamente sono poi cresciute sul territorio: con 360 milioni di aiuti diretti – attraverso nuove leggi settoriali – abbiamo attratto investimenti privati per 2,6 miliardi.

Rossi: Tuttavia il rinnovamento del tessuto economico è rimasto superficiale e poco sostenibile. E si dimentica il ruolo che Schumpeter assegnava alle banche, che nella sua idea dovrebbero finanziare e sostenere quell’innovazione. Non mi pare che ciò sia davvero successo. Oggi come allora la piazza finanziaria ticinese continua a sostenere pochissimo, ad esempio, i giovani che escono da un’università con un’idea in testa e vorrebbero realizzarla. Si predilige l’investimento finanziario, che piace tanto alle banche quanto alle imprese quando certi sgravi ne massimizzano i profitti e reinvestirli non avrebbe più senso, data la domanda ridotta di beni e servizi.

Già, le banche. Una delle poche misure a loro dedicate riguardava la difesa del segreto bancario, finito com’è finito. Da sempre dipendente dall’evasione fiscale in arrivo dall’Italia ma povera di competenze avanzate, la piazza finanziaria ticinese stenta ancora a trovare un ruolo innovativo.

Morisoli: In realtà, abbiamo lavorato molto con BancaStato e altri istituti proprio per agevolare le fideiussioni a imprese innovative e i crediti al turismo. Bisogna poi ricordare il contesto di quegli anni, con le grandi banche che facevano fusioni e acquisizioni a più non posso, tagliando moltissimi posti di lavoro. Rispetto a questo e ad altri problemi urgenti le 101 misure erano un intervento di pronto soccorso, non una terapia di riabilitazione. Il fatto che poi la direzione suggerita da quelle misure – ed elaborata con maggior respiro in un lavoro mai digerito né dibattuto dalla politica ticinese come il ‘Libro bianco’ – non sia stata seguita, corretta e aggiornata negli anni successivi, dipende molto da chi è arrivato dopo di noi. Nel frattempo sono trascorsi 14 anni… 

Saltiamo all’oggi. Tra debolezze strutturali e spallate pandemiche, il Ticino si trova ancora una volta in una congiuntura difficilissima. Stavolta però si direbbe che il paradigma neoliberista mostri la corda, e che per salvare il salvabile si punti anzitutto, almeno a parole, sull’investimento pubblico e su un rinnovato ruolo dello Stato nell’economia. Com’ebbero a sbuffare Milton Friedman e Richard Nixon, ora siamo tutti keynesiani?

Rossi: Ora si direbbe che anche i neoliberisti si siano convertiti alla difesa dell’intervento pubblico. Di Keynes però ci si dimentica troppo spesso una cosa: all’intervento anticiclico dello Stato, ovvero alla necessità di investimenti pubblici per combattere le recessioni, accostava la necessità nel lungo periodo di rientrare da quell’indebitamento fornendo una prospettiva di crescita sostenibile. Paradossalmente sono proprio gli ‘austeristi’ che rischiano di ignorare questo aspetto, invocando già dopo i salvataggi delle imprese un immediato passaggio a una politica di sgravi fiscali, combinata col rientro a passi forzati delle casse pubbliche nelle cifre nere. Col prevedibile risultato di colpevolizzare poi lo Stato stesso per i suoi debiti, e tornare a ridurne le funzioni. Mentre basterebbe vedere la storia di internet o delle energie rinnovabili per capire che occorre sempre più quello che la collega Mariana Mazzucato chiama “Stato imprenditore”, capace di dare una direzione chiara e sostenibile all’economia anche attraverso interventi diretti e non solo lavorando sulle condizioni quadro.

Morisoli: Si tratta di capire di che Stato parliamo. Già nel Libro bianco suggerivamo un suo ruolo fondamentale, ma di carattere “intensivo” invece che “estensivo”. In modo cioè che gli investimenti non siano fatti a pioggia ma con criteri di crescita e di irrobustimento strutturale dell’economia, assegnando all’autorità pubblica il ruolo di garante del patto di comunità che implicava “scommesse forti”, ma con solidarietà e collegialità, per passare dallo Stato sociale per pochi allo Stato della crescita per tutti. Durante gli anni di Marina Masoni il Piano di investimenti quadriennali dello Stato passò da 800 milioni netti a 1'200, eppure i dipartimenti non riuscivano neppure a spendere tutti quei soldi. E poi per gestirli in modo lungimirante occorre prima ridefinire il concetto stesso di investimenti (hard e soft) e serve anche un consenso politico che non vedo, se non come forma di accordi a brevissimo termine ancorati all’edilizia.

Rossi: Su questo siamo d’accordo, come sul fatto che in passato abbiamo assistito a molti esempi di abusi e clientelismo in Ticino, mentre i cervelli continuano a fuggire e il tessuto economico appare sempre più fragile. Questo dipende però anche da uno Stato che ha rinunciato alla sua progettualità ‘appaltandola’ ai privati, illudendosi che bastino gli sgravi e il fatto di accontentare i loro interessi, erroneamente confusi col bene comune. Intanto la ricerca del consenso politico per una vera direzione programmatica è effettivamente venuta meno, tanto che oggi non ci sono in cantiere molti progetti che possano trarre il massimo dall’investimento pubblico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved