servizi-dello-stato-alla-cassa-anche-coi-bitcoin
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
19 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
12.04.2021 - 17:26

Servizi dello Stato, alla cassa anche coi bitcoin

Il Gran Consiglio dà via libera alla proposta di Pamini (Udc). Sì a un progetto pilota per pagare con la criptovaluta alcuni certificati

I bitcoin e il concetto di criptovaluta fanno un passo avanti non indifferente in Canton Ticino. Dopo due ore di discussione a tratti accesa, il Gran Consiglio con 48 sì (Lega, Plr, Udc e alcuni Ppd) e 36 no (la maggior parte dei popolari democratici e compatti Ps, Verdi, Mps, Pc e Più Donne) ha dato luce verde a un progetto pilota che permetterà di pagare alcuni servizi dell'Amministrazione cantonale, appunto, in bitcoin. Dando così seguito a una mozione interpartitica presentata nel 2017 con primo firmatario il democentrista Paolo Pamini. Il quale, in aula, ribadisce che «il succo della proposta è lanciare un segnale di fiducia sulla tecnologia blockchain e sulla criptovaluta all'imprenditoria e la piazza economica. Se il Cantone accettasse questi pagamenti sarebbe un segnale per dire che, almeno, non c’è avversione verso queste tecnologie ma che anzi sono viste di buon occhio». 

Ferrara (Plr): ‘Decidiamo come affrontare la globalizzazione’

Ferma e sicura la relatrice del rapporto di maggioranza Natalia Ferrara (Plr): «La digitalizzazione è un fenomeno ormai globale, dobbiamo decidere come affrontarla. Vogliamo o no guardare avanti?». E prova a smontare una per una le criticità emerse nel rapporto di minoranza e di chi è scettico nei confronti di questa possibilità. «Lo Stato davvero deve essere promotore dell'ambiente e non della finanza? Il progresso deve essere declinato solo sui parametri di ecologia e ambiente?» si chiede retoricamente, ma fino a un certo punto, Ferrara in risposta alla questione dell'ingente consumo energetico per sostenere la tecnologia blockchain. E sul pericolo di aumento della criminalità, che potrebbe sfruttare le zone d'ombra che ci sono nell'utilizzo dei bitcoin, ricorda come «la Finma, l'autorità di vigilanza sui mercati finanziari, nel 2019 ha autorizzato due istituti ad aprire conti dove i clienti possono depositare bitcoin. È prudente, non contraria». Insomma, a chi si preoccupa Ferrara chiede «di dare una chance a un progetto pilota, per capire quanto il tutto si tradurrà anche in termini di posti di lavoro».

Il Ps sulle barricate, Durisch: ‘Lo Stato non veicoli immagini di falsa sicurezza’

Tutto semplice? Neanche per idea, perché contro l'utilizzo dei bitcoin il Partito socialista sale sulle barricate. Il relatore del rapporto di minoranza e capogruppo del Ps Ivo Durisch alza da subito la voce: «Non cambiamo le carte in tavola, l'intenzione è promuovere il bitcoin e basta perché la Fintech non è rappresentata solo da questa criptovaluta». Di più: «Lo Stato non dovrebbe veicolare una falsa immagine di sicurezza. Noi siamo a favore delle tecnologie e del progresso, e con i pagamenti in bitcoin non si va in questa direzione». E Durisch snocciola i motivi per cui è contrario alla «operazione di marketing», parole di Pamini, in votazione: «C'è un consumo energetico spropositato, il bitcoin è una moneta deflazionaria in mano a pochi. La blockchain è una rete scalabile, e ci sono alti rischi di evasione fiscale, attività illecite, riciclaggio e di immagine per la piazza finanziaria ticinese».

Secco è il capogruppo della Lega Boris Bignasca, che appoggia il progetto pilota: «Dobbiamo fare un’analisi di costi e benefici. I costi sono irrisori, di benefici sicuri non ce ne sono ma di potenziali sì, e ne abbiamo bisogno. Noi abbiamo bisogno come il pane di dare segnali positivi ad aziende innovative per venire in Ticino». 

Per un Ppd che ad ogni modo si è spaccato tra favorevoli e contrari Luca Pagani afferma come il pagamento in bitcoin di alcuni servizi dell'Amministrazione sarebbe «un segnale preoccupante per la popolazione, ci sono rischi gestionali e giuridici importanti, e il rischio è che ci sia una falsa sicurezza data da una possibile equivalenza con il franco. Per questo motivo il Consiglio di Stato ha previsto una immediata conversione della criptovaluta in franchi, tramite un'agenzia terza. Ma se passa il Messaggio che lo Stato accetta criptovalute e quindi non ci sono rischi, sarà molto piu difficile far capire che si richiede molta prudenza». Contraria per i Verdi Samantha Bourgoin: «È uno spreco energetico sconsiderato, in un momento dove l'emergenza climatica è sempre più grave. Perché sdoganare questa tecnologia energivora a beneficio di pochi?». Pollice verso anche da Tamara Merlo (Più donne) e Massimiliano Ay (Pc). Dissensi comunque insufficienti.

Vitta (Dfe): ‘Il perimetro è ben definito’

Il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta ricorda che «c'è un perimetro ben definito per questo progetto pilota, delimitato ad alcuni settori amministrazione e con tutte le precauzioni del caso. L'accettazione di criptovaluta porta rischi che non possono essere azzerati e bisognerà approfondire ogni aspetto. Ma c'è il vantaggio di accettare questi pagamenti solo online, ciò permetterebbe di intervenire tempestivamente per disattivare questa possibilità in caso di problemi». Da qui la richiesta di avviare «questa fase sperimentale in maniera mirata, circoscritta, tenendo sotto controllo i rischi per avere a disposizione dei dati per valutare bene il tutto alla fine del progetto pilota».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
amministrazione cantonale bitcoin criptovaluta ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved