ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Brusino Arsizio si prepara all’avvento

Arte, musica, fiaccolata dei bambini e falò augurale caratterizzeranno l’avvicinarsi al Natale
Ticino
1 ora

E per la fine dell’anno c’è anche Nez Rouge

Ritorna il servizio che riaccompagna a casa in sicurezza chi non se la sente di mettersi alla guida
Luganese
2 ore

Fiamme in un appartamento di Caslano, danni ingenti

Non si registrano feriti: quando l’incendio è scoppiato i locali erano vuoti. Sul posto pompieri di Caslano e Polizia
Luganese
3 ore

La Croce Rossa del Sottoceneri cerca volontari

La sezione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato, ringrazia anche le centinaia di persone che già danno una mano
Luganese
4 ore

I Cantori delle Cime tornano al Lac con il Concerto Corale

Domenica 11 dicembre alle 17 nella sala teatro del Lac sul palco anche Giovanni Storti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, Rosy Nervi e Flavio Sala
Luganese
5 ore

Protezione civile Lugano Città, un altro anno in prima linea

Anche nel 2022 i giorni di servizio sono stati largamente di più di quelli del triennio 2018-20, seppur un po’ meno rispetto al 2021
Mendrisiotto
5 ore

A Chiasso la quarta edizione del torneo cantonale di burraco

La competizione è stata vinta dalla coppia formata da Lina Pizzi e Silvana Polonara. L’evento ha visto la partecipazione di 24 coppie di giocatori.
Grigioni
6 ore

Frana in Val Calanca: ‘Non si può continuare a sfidare la sorte’

Per la vicesindaca di Buseno Rosanna Spagnolatti è necessario individuare una soluzione per una zona già toccata in passato da scoscendimenti
Mendrisiotto
6 ore

Breggia cambia il progetto per l’ex Osteria del sole

Il Municipio ha presentato una nuova domanda di costruzione, che al contrario della precedente, prevede la demolizione integrale della struttura
24.03.2021 - 18:12

Violenze e giovani, il Cantone cerca il dialogo costruttivo

Il Dipartimento delle istituzioni, tramite la polizia cantonale e le polcom, intende incentrare la strategia sulla prevenzione più che sulla repressione

violenze-e-giovani-il-cantone-cerca-il-dialogo-costruttivo
(Ti-Press)

Dopo i fatti delle ultime settimane, con i disordini di sabato sera alla Foce di Lugano con relativo lancio di bottiglie verso la polizia, e, nei giorni precedenti, le situazioni critiche sul lungolago di Muralto e in altre località, che hanno visto coinvolte bande di giovani e giovanissimi impegnati in risse e disordini vari, il Dipartimento delle istituzioni di concerto con la Polizia cantonale e le polizie comunali, "intende farsi promotore di un’iniziativa che affronti la situazione da angolazioni diverse e con una visione più ampia". Questo il contenuto del comunicato a margine della riunione, questo pomeriggio in videoconferenza, della Conferenza cantonale consultiva sulla sicurezza, che ha visto la consueta partecipazione, oltre che del Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, anche del Comandante della Polizia cantonale e dei Capi dicastero dei Comuni polo. Riunione nella quale si è discusso della strategia da mettere in campo nelle prossime settimane, soprattutto su giovani, assembramenti e mascherine. Il Dipartimento istituzioni, che ci tiene a sottolineare che i responsabili dei fatti in questione sono "sempre però in numero esiguo rispetto alla maggioranza dei giovani che condanna simili atteggiamenti", spinge per trasformare il contrasto fra le parti (i giovani da un lato, la polizia dall'altro) in un "dialogo costruttivo". "Non bisogna infatti dimenticare che tra i principali compiti che la legge affida alle autorità di polizia vi è quello della prevenzione", recita il comunicato. 

Prevenzione, non repressione

Durante l’incontro è stata dunque presentata una strategia su più livelli che sappia rispondere alle situazioni più immediate, ma che abbia pure "una visione a medio termine per approntare una politica di interazione solida e allargata, coinvolgendo i diversi attori presenti sul territorio".

"Per quanto riguarda le necessità immediate la strategia comporta un coordinamento delle forze in servizio, con la possibilità di mobilitare in breve tempo risorse che possano sostenere il servizio ordinario di base". Prevenzione, dunque, e non repressione, riguardo la quale il Dipartimento cita "le esperienze positive già messe in atto proprio a Lugano nella zona della Pensilina o a Muralto sul lungolago. Anche altre figure professionali potranno essere coinvolte per facilitare il dialogo con i giovani".

Il principio chiave, che costituisce uno dei tre obiettivi della strategia, è quello della "community policing", che prevede delle misure non solo di polizia, "affinché il giovane diventi un partner della sua stessa sicurezza e presenza sulla scena cantonale". Giovani le cui "energie di dissenso", ed è questo il secondo obiettivo, dovrebbero essere incanalate verso forme non violente, attraverso "operazioni mirate e coordinate regionalmente", ciò che è compreso nel terzo obiettivo, ovvero l'"uniformare i principi di intervento per necessità immediate tra le varie forze di Polizia ed enti di primo intervento".

Leggi anche:

Lugano: sabato sera di tensioni alla Foce, due fermi

Alcol, vandalismi e schiamazzi. ‘A Muralto si degenera’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved