violenze-e-giovani-il-cantone-cerca-il-dialogo-costruttivo
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
40 min

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
1 ora

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
2 ore

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Ticino
2 ore

Studi medici e farmacie a disposizione per la dose di richiamo

Il Cantone potenzia il dispositivo per la somministrazione della dose di richiamo agli over 65 e si prepara per l’apertura a tutta la popolazione
Bellinzonese
2 ore

Patriziato di Carasso, via libera al preventivo 2022

L’assemblea ordinaria ha approvato i conti che prevedono un avanzo di esercizio di 271mila franchi
Bellinzonese
2 ore

Due serate sulla musica sul grande schermo

Organizza Abcd video Bellinzona. Due appuntamenti previsti il 2 e il 9 dicembre al centro civico di Gorduno
Bellinzonese
3 ore

Pranzo Atte a Faido

L’appuntamento è venerdì 10 dicembre alle 12
Mendrisiotto
3 ore

In vista del Natale a Mendrisio si avrà il posteggio gratuito

La concessione è valida per i due autosili nel centro del Borgo. L’intento? Favorire la clientela dei commerci locali
Ticino
24.03.2021 - 18:120

Violenze e giovani, il Cantone cerca il dialogo costruttivo

Il Dipartimento delle istituzioni, tramite la polizia cantonale e le polcom, intende incentrare la strategia sulla prevenzione più che sulla repressione

a cura de laRegione

Dopo i fatti delle ultime settimane, con i disordini di sabato sera alla Foce di Lugano con relativo lancio di bottiglie verso la polizia, e, nei giorni precedenti, le situazioni critiche sul lungolago di Muralto e in altre località, che hanno visto coinvolte bande di giovani e giovanissimi impegnati in risse e disordini vari, il Dipartimento delle istituzioni di concerto con la Polizia cantonale e le polizie comunali, "intende farsi promotore di un’iniziativa che affronti la situazione da angolazioni diverse e con una visione più ampia". Questo il contenuto del comunicato a margine della riunione, questo pomeriggio in videoconferenza, della Conferenza cantonale consultiva sulla sicurezza, che ha visto la consueta partecipazione, oltre che del Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, anche del Comandante della Polizia cantonale e dei Capi dicastero dei Comuni polo. Riunione nella quale si è discusso della strategia da mettere in campo nelle prossime settimane, soprattutto su giovani, assembramenti e mascherine. Il Dipartimento istituzioni, che ci tiene a sottolineare che i responsabili dei fatti in questione sono "sempre però in numero esiguo rispetto alla maggioranza dei giovani che condanna simili atteggiamenti", spinge per trasformare il contrasto fra le parti (i giovani da un lato, la polizia dall'altro) in un "dialogo costruttivo". "Non bisogna infatti dimenticare che tra i principali compiti che la legge affida alle autorità di polizia vi è quello della prevenzione", recita il comunicato. 

Prevenzione, non repressione

Durante l’incontro è stata dunque presentata una strategia su più livelli che sappia rispondere alle situazioni più immediate, ma che abbia pure "una visione a medio termine per approntare una politica di interazione solida e allargata, coinvolgendo i diversi attori presenti sul territorio".

"Per quanto riguarda le necessità immediate la strategia comporta un coordinamento delle forze in servizio, con la possibilità di mobilitare in breve tempo risorse che possano sostenere il servizio ordinario di base". Prevenzione, dunque, e non repressione, riguardo la quale il Dipartimento cita "le esperienze positive già messe in atto proprio a Lugano nella zona della Pensilina o a Muralto sul lungolago. Anche altre figure professionali potranno essere coinvolte per facilitare il dialogo con i giovani".

Il principio chiave, che costituisce uno dei tre obiettivi della strategia, è quello della "community policing", che prevede delle misure non solo di polizia, "affinché il giovane diventi un partner della sua stessa sicurezza e presenza sulla scena cantonale". Giovani le cui "energie di dissenso", ed è questo il secondo obiettivo, dovrebbero essere incanalate verso forme non violente, attraverso "operazioni mirate e coordinate regionalmente", ciò che è compreso nel terzo obiettivo, ovvero l'"uniformare i principi di intervento per necessità immediate tra le varie forze di Polizia ed enti di primo intervento".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved