ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Sedicenni in discoteca, ‘Ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
4 min

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
9 min

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
36 min

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
53 min

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
2 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
Ticino
2 ore

In discoteca a 16 anni, più flessibilità su orari e capacità

Al via la consultazione sulla proposta di revisione totale della Legge su esercizi alberghieri e ristorazione. Stop all’obbligo di presenza per il gerente
Mendrisiotto
3 ore

‘Il benessere alimentare’, se ne parla a Chiasso

Nell’incontro promosso da Acd a Villa Olimpia si affronteranno vari temi legati all’alimentazione
Luganese
3 ore

Massagno festeggia con i tifosi la sua prima Coppa della Lega

Al termine della partita contro il Monthey, domenica 5 febbraio ci sarà una maccheronata conviviale. Prima della contesa iniziale parola alle autorità
Ticino
4 ore

In Ticino la Legge sul salario minimo è rispettata al 97%

Solo il 2,9% delle aziende controllate, in tutto 122 su oltre 4’000, ha commesso infrazioni, in buona parte per errori di calcolo o di valutazione
Mendrisiotto
4 ore

Il ‘Giardino di Albert’ trova casa a Vacallo

Il progetto dello studio Montemurro Aguiar Architetti si è aggiudicato il concorso di progettazione per la riqualifica del comparto ex scuola ed ex asilo
Locarnese
5 ore

Riazzino, la metafisica dopo Kant

Prosegue il ciclo di conferenze che ‘Orizzonti filosofici’ dedica quest’anno alle filosofie dell’Illuminismo
Locarnese
5 ore

Locarno, lo spettacolo ‘Carnage’ annullato

Previsto sabato sera al Teatro Paravento non potrà essere portato in scena a causa di forza maggiore
07.03.2021 - 15:40
Aggiornamento: 18:57

Alcol, vandalismi e schiamazzi. ‘A Muralto si degenera’

Ancora disordini e degrado sul “quai”. Polizia e ambulanza al lavoro causa assembramenti e danneggiamenti in un nuovo week-end di passione

alcol-vandalismi-e-schiamazzi-a-muralto-si-degenera
Lo scenario sul lungolago nella notte fra venerdì e sabato

Se una persona come Fernando Brunner conclude una breve lettera con le parole “vi supplico, intervenite!”, c'è con ogni evidenza qualcosa di grave che non funziona. La lettera in questione è stata spedita per email sabato mattina dopo la terza notte di bagordi sul lungolago di Muralto nel giro di 8 giorni. Le prime due si erano consumate nello scorso week-end, quando l'aumento delle temperature aveva favorito assembramenti notturni sul “quai”, fra il debarcadero e il Burbaglio. E come assembramenti intendiamo centinaia di ragazzi riuniti per far festa, con annessi e connessi: schiamazzi, musica ad alto volume fino all'alba, consumo di alcool a fiumi e di droghe leggere, ronde di auto, vandalismi alla cosa pubblica e privata, con tanto di orinatoi improvvisati in caso di impellenti necessità. Il tutto, a poche decine di metri dagli alberghi e dalle case private del lungolago.

Già allora Brunner aveva levato il suo grido d'allarme rilevando l'assenza della polizia comunale e di qualsivoglia strumento di contenimento. Poi, nella notte su domenica, lo stesso Brunner aveva assoldato agenti di sicurezza privati che erano riusciti a limitare il disturbo fin verso le 2. A bocce ferme il capodicastero Sicurezza di Muralto Renato Canziani aveva riconosciuto il problema e promesso maggiori misure di controllo.

“Il Blick ci sguazzerà”

Ora, una settimana dopo, ci risiamo. Con, se possibile, un salto di qualità (verso il basso). La missiva di Brunner è indirizzata a polizia di Muralto e di Locarno, Municipio di Muralto, Fabio Bonetti per l'Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli e Norman Gobbi, direttore del Dipartimento delle istituzioni. A tutti questi attori l'albergatori scrive che “la situazione sta degenerando; bisogna far pressione al fine di riaprire al più presto bar e ristoranti. Le immagini di stanotte faranno il giro della Svizzera causa nostri clienti esasperati; il Blick ci sguazzerà e l’immagine di Locarno prima di Pasqua sarà compromessa. Possibile che non si riesca a prendere le dovute precauzioni e chiudere il lungolago di notte? Altre città sono corse ai ripari. Non si può aspettare la mezzanotte quando si sono già assemblati centinaia di malintenzionati prima d’intervenire!”.

Nella notte su sabato, considera Brunner, “per fortuna la polizia di tutto il Locarnese (almeno 8 pattuglie) è intervenuta”, con agenti della Prosegur e l'ausilio di un'ambulanza “e hanno avuto un bel da fare da mezzanotte alle 2!”. Quello che si è verificato, considera l'albergatore muraltese, “è stato un attacco alla proprietà privata e alle istituzioni e non è più tollerabile!”. Infine, la supplica di intervenire. 

Le immagini sono chiare: lungolago in pratica lastricato di rifiuti, con lo scibile di bottiglie di alcolici vuote e abbandonate lungo il marciapiede; polizia impegnata negli accertamenti; giovani che si arrampicano sui tettucci delle auto, e altri intenti a svuotare la vescica negli angoli retrostanti l'albergo Lago Maggiore, ma sotto l'occhio delle videocamere di sorveglianza. Lo stesso scenario si è ripetuto nella seconda nottata del week-end: altri assembramenti, «centinaia di ragazzi nuovamente assiepati sul lungolago», per dirla con Brunner, «e nuovi atti di vandalismo, anche nei confronti di privati, a partire dall'Osteria Chiara», situata a pochi passi dal lago. Osteria il cui proprietario, in mattinata, ha scritto anch'esso a polizie comunali e cantonale: “Cosa aspettiamo a reagire a queste scorribande notturne, con schiamazzi, feste con musica, alcool a fiumi, muri che vengono bagnati da pipì e vomito? Scandaloso! Bisogna agire al più presto, prima che venga distrutto il nostro splendido lungolago".

Canziani: “Situazione fuori controllo”

Non può e non vuole nascondersi Renato Canziani, capodicastero Sicurezza di Muralto. Raggiunto domenica mattina, il municipale conferma «una situazione particolarmente problematica. Abbiamo rinforzato i pattugliamenti di polizia, la collaborazione fra i Corpi c'è e funziona, ma non possiamo mica mandare la Guardia nazionale. Nonostante tutti i tentativi di controllo c'è una maleducazione imperante che mi sconcerta. Il lungolago, di notte, diventa territorio di festa alcolica. In barba a ogni normativa anti-Covid. Parliamo di disobbedienza civile. E le parole non servono a nulla. Come Municipio stiamo riflettendo sulle possibili misure aggiuntive, che ovviamente non potranno andare contro la legge, ma dovranno essere oltremodo decise».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved