la-pandemia-e-il-boom-dei-giocattoli-erotici
(Depositphotos)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
4 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
5 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
6 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
6 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
7 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
7 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
7 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
Locarnese
7 ore

‘Vento di vita vera’, la Bavona va sul grande schermo

Sabato sera in piazza a Moghegno la prima del film di Kurt Koller, realizzato in collaborazione con la Fondazione Valle Bavona
Luganese
7 ore

Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne

Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
7 ore

Casa Andreina alla scoperta dei fiori di Bach

Conferenza informativa il 16 agosto con la naturopata e floriterapeuta, Laura Neri
Luganese
7 ore

Lugano: figli maltrattati, condannati i genitori

Tredici mesi, interamente sospesi per lei e parzialmente da espiare per lui e divieto di contattare i bimbi per due anni. Madre espulsa dalla Svizzera.
Locarnese
8 ore

Locarno, stop alla musica a mezzanotte

In risposta a un’interrogazione il Municipio concede un’ora in più alle manifestazioni sonore negli esercizi pubblici tra aprile e ottobre
Mendrisiotto
8 ore

‘Ho perso la testa’, atelier fotografico al Museo Vela

Dal 22 al 26 agosto ragazze e ragazzi dai 10 anni lavoreranno con il fotografo e artista Matteo Fieni
Locarnese
8 ore

‘Anche dopo la variante il club continuerà (eccome) a vivere’

Terrre di Pedemonte, il Municipio tranquillizza l’Associazione sportiva Tegna, preoccupata per la nuova pianificazione ai Saleggi
Bellinzonese
9 ore

Letture animate in ucraino e italiano a Bellinzona

L’evento, organizzato dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab, si terrà mercoledì 17 agosto alle 10 in piazza Buffi
Mendrisiotto
9 ore

Monte in festa per celebrare San Rocco

Giornata di festa, domenica 14 agosto, con uno spettacolo per bambini, la cena e il concerto dei The Guinnass
laR
 
06.03.2021 - 06:00

La pandemia e il boom dei giocattoli erotici

La vendita di questi articoli è cresciuta enormemente, specie durante i lockdown. Ma si tratta di un cambiamento socioculturale iniziato prima.

Come molti altri articoli venduti online, anche i ‘giocattoli’ erotici – dal classico vibratore a ogni sorta di accessorio – hanno visto le loro vendite esplodere nel corso di quest’anno pandemico. Soprattutto durante i lockdown, la domanda per questo tipo di prodotti in Svizzera è raddoppiata perfino presso un sito di e-commerce generalista come Galaxus, e una fortissima crescita è stata registrata anche da sexy shop online come KissKiss. Si tratta di numeri ben superiori a quelli spiegabili con la semplice ‘migrazione’ di clienti dai negozi fisici. Qualche osservatore coglie l’occasione per rispolverare gli ‘o tempora, o mores’ sulla presunta desertificazione delle relazioni interpersonali, ma forse è vero il contrario. Ne parliamo con la sessuologa Isabel Londono Pellegrinelli, attiva da tempo sul territorio ticinese anche nell’ambito della sensibilizzazione e dell’educazione sessuale.

Leggendo i dati risulta evidente quanto il confinamento abbia aiutato il mercato dei sex toy. Ci siamo accorti della loro esistenza all’improvviso?

No, si tratta di una tendenza che va avanti da anni. Sempre più persone – penso anzitutto alle donne – hanno imparato a vivere la sessualità in modo più libero, comprendendo che si tratta di una parte fondamentale della conoscenza di sé e della salute psicofisica. Il superamento dei pregiudizi ha permesso alle coppie di superare vecchi schemi, quelli che tengono ad esempio separate relazioni col partner e masturbazione. Il fatto di trovarsi confinati in casa ha certamente incoraggiato ulteriormente questo tipo di scelte, ma parliamo di un cambiamento socioculturale già in atto.

La domanda è aumentata in modo enorme non solo per vibratori e masturbatori, ma anche per i giochi di ruolo erotici.

Anche questo mostra come certi strumenti non siano limitati a un uso solitario, ma aiutino la coppia a coltivare l’aspetto dell’appagamento reciproco, che molti studi mostrano essere positivamente correlato alla sperimentazione dei sex toy. Naturalmente questo si è rivelato tanto più importante quando la coppia si è trovata a vivere a lungo chiusa nelle stesse quattro mura, specie dopo una relazione che va avanti già da tanto tempo e nella quale l’aspetto della scoperta era finito in secondo piano. D’altronde è vero anche l’opposto: coppie che si trovavano separate, magari bloccate in città e nazioni diverse, hanno fatto ricorso a questi strumenti ormai telecomandabili tramite app per cercare di ricostruire un po’ di intimità anche a distanza.

Però ci sono anche i single. Insieme agli strumenti per l’autoerotismo si è visto un boom di visite ai maggiori siti pornografici. Può diventare un comportamento ossessivo?

In realtà, anche per i single la masturbazione vissuta in modo sano è una preziosa forma di conoscenza di sé, migliora l’autostima e riduce lo stress. A ciò si aggiunga che durante la pandemia era particolarmente importante evitare incontri occasionali, tanto che alcune autorità sanitarie come quelle canadesi hanno diffuso il messaggio: “Il partner sessuale più sicuro per te sei tu stesso”.

Però c’è anche chi esagera. O no?

Il problema si pone nei casi di dipendenza da pornografia, questa sì probabilmente esacerbata dal fatto di essere bloccati in casa. È fondamentale fare attenzione al proprio vissuto: quando la pornografia diventa l’unico modo attraverso il quale si riesce a provare piacere sessuale è importante allontanarsene gradualmente, ad esempio stabilendo una routine che ci tenga il più possibile lontano da PornHub e simili. Si possono usare anche siti e app che permettono scambi erotici con dei partner in remoto, in modo tale da avere dall’altra parte una persona reale, consapevole della relazione.

Proprio PornHub, come altri siti, è stato accusato di favorire una visione oggettificante del partner, in particolare della donna. Per rispondere a queste critiche – ma anche per scelte di marketing – molti portali si sono impegnati a divulgare materiale informativo volto a promuovere una sessualità sana e rispettosa.

In questo senso c’è ancora molto da fare, ma è vero che si tratta di informazioni fondamentali, specie in quei paesi dove il dibattito pubblico e la formazione scolastica concernenti la sessualità sono repressi o rimossi. È importante capire la differenza tra fantasia e realtà ed evitare di introiettare una concezione dominante e potenzialmente violenta del rapporto di coppia.

Sui siti che vendono giocattoli erotici la fascia di acquirenti preponderante è quella tra i 25 e i 34 anni. Se i più giovani sono verosimilmente limitati dalle scarse risorse economiche più che dai tabù, non sembra così per chi è più in là con gli anni. Segno che questi cambiamenti di mentalità sono limitati a certe fasce anagrafiche?

Naturalmente non possiamo generalizzare, ma in effetti è vero che chi è più in là con gli anni tende ancora ad avere una visione colpevolizzante dei giochi erotici e della masturbazione. Anche se certi limiti culturali permangono anche tra i più giovani: penso ad esempio alla tendenza di certi maschi adulti a vivere la masturbazione come una cosa da perdenti, da nascondere alla coppia e disgiunta dalla cura di sé. Ma oggi sempre più uomini capiscono ad esempio che la proposta di utilizzare un sex toy da parte della compagna non è una critica implicita alla propria virilità, così come accettano una condivisione più ‘democratica’ con la partner dei modi di relazionarsi sessualmente. In ogni caso si assiste all’evoluzione verso rapporti più liberi e rispettosi dell’altro, anche se sì, resta un notevole divario generazionale, molto più forte ad esempio di quello legato al livello d’istruzione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus giocattoli erotici pandemia sex toy sex toys
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved