Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
21:00
 
la-camera-di-commercio-ticinese-riaprire-dal-1-marzo
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
2 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
2 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
2 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
2 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
3 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
3 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
3 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
3 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Locarnese
3 ore

Al via il mese della castagna in Verzasca

Eventi legati all’albero e al frutto che nel passato garantivano il sostentamento della popolazione
Locarnese
4 ore

Tiratori veterani, campionato ticinese a Quartino

Gare in due poligoni per aggiudicarsi i titoli. Non ci sarà il tradizionale pranzo
Locarnese
4 ore

Magadino e Locarno, per Haiti

Dalla polenta per raccogliere fondi alla consegna, da parte del vescovo, del mandato ai nuovi missionari
Locarnese
4 ore

Colazione donne sul tema ‘Io ci sono’

Tornano le occasioni d’incontro e scambio nel Locarnese
Ticino
09.02.2021 - 14:410
Aggiornamento : 17:24

La Camera di commercio ticinese: ‘Riaprire dal 1° marzo’

L'associazione mantello delle aziende ticinesi chiede che il Governo decida e comunichi con sufficiente anticipo le riaperture delle attività economiche

“È indispensabile che il Consiglio federale dichiari già sin d’ora la riapertura per il prossimo 1° marzo delle attività che garantiscono il rispetto delle norme di sicurezza vigenti”. È quanto afferma la Camera di Commercio del Canton Ticino in un comunicato odierno in cui si richiama la presa di posizione dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) che viene sostenuta "senza riserve".  In sostanza, per la CC-Ti, il rispetto delle misure di protezione (distanze, mascherina, igiene delle mani), sommato al contact tracing, ai test a tappeto e alle vaccinazioni, dovrebbe permettere di porre fine alle limitazioni attuali. Di segno contrario la posizione del sindacato Unia.

L'associazione mantello dell'economia ticinese rivendica l'alto senso di responsabilità dimostrato dalle aziende in questo anno, il loro rispetto delle istruzioni delle autorità e gli investimenti, anche ingenti, sostenuti per predisporre le misure di sicurezza necessarie. "Malgrado questo vi sono state chiusure inspiegabili e contraddittorie" lamenta tuttavia la Camera di Commercio.  "È evidente che le misure di gestione della crisi sanitaria vanno decise sulla base di fatti, non di tentativi" prosegue il comunicato, ricordando come da una parte i fatti indicano un calo della curva dei contagi e una disponibilità delle riserve necessarie nelle strutture sanitarie, dall'altra, a suo dire, una chiusura prolungata ha creato, e sta creando, gravissimi danni economici. Questo, precisa il comunicato, non significa non tenere conto delle mutazioni del virus che attualmente preoccupano tutti noi, ma la chiusura ad oltranza non può più essere l’unica strategia. "Proprio per evitare di dover sopportare ulteriori conseguenze negative per i nostri posti di lavoro, per il nostro benessere, e, non in ultima analisi, per le nostre vite, a partire dallo scadere previsto il 1° marzo delle misure di chiusura attualmente in vigore, l’economia deve poter ripartire."
Non si intravvedono valide ragioni, a dire della Camera di Commercio ticinese, per non farlo, soprattutto laddove il rispetto dell misure di protezione è garantito, pur nella ovvia consapevolezza che la tutela della salute di tutti, compresi le lavoratrici e i lavoratori continua a rappresentare un obiettivo primario ed indiscusso. Secondo i rappresentanti dell'economia, le limitazioni attuali, inoltre, tengono "in ostaggio" le giovani generazioni, che non possono "appropriarsi del proprio futuro".

'Le aziende ticinesi sono pronte'

La Camera di commercio, riguardo le cause di contagio, punta piuttosto il dito sugli assembramenti incontrollati e i comportamenti individuali non conformi alle regole, quelli che vengono ritenuti "problematici", mentre si osserva che nel settore lavorativo sono state da tempo introdotte efficaci regole comportamentali atte a evitare i contagi. "Laddove esistono chiare ed efficaci istruzioni, non è pertanto opportuno mantenere divieti di attività". "In un momento in cui non è possibile dare certezze assolute, le aziende ticinesi hanno bisogno perlomeno di una prospettiva" dichiara la Camera di Commercio, chiedendo che la riapertura il 1° marzo delle attività che garantiscono il rispetto delle norme di sicurezza vigenti venga annunciata sin da ora, un sufficiente anticipo che possa permettere alle aziende di organizzarsi al meglio, dato che "l’attività economica necessita di una chiara visione". 

Le aziende ticinesi si dicono in grado, da tempo, di farsi trovare pronte con le opportune misure di protezione aggiornate, dove è il caso e disponibili per avere un ruolo attivo in termini di vaccinazione e di test a tappeto, qualora l’autorità cantonale ritenesse opportuno il loro coinvolgimento come già avviene in parte in altri cantoni. Tuttavia, a un anno di distanza dall'inizio della pandemia, si chiede al Consiglio federale  "una chiara visione per la ripartenza, nella quale l’attività economica non sia relegata in secondo piano, ma sia una componente essenziale, parallelamente alle puntuali valutazioni sanitarie, anche per le implicazioni sociali delle unità lavorative". Ulteriori chiusure non suffragate da fatti chiari non sono, per le aziende ticinesi, né accettabili né sostenibili.
"Attenzione a voler allungare la strada delle limitazioni, stiamo marciando con scarpe che già evidenziano segni di usura".

© Regiopress, All rights reserved