laRegione
i-ristoratori-e-il-telelavoro-a-preoccuparci
Massimo Suter (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 ore

Capanna Gorda verso l'ampliamento

Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
23 ore

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
1 gior

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
1 gior

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
1 gior

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
1 gior

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
1 gior

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
1 gior

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Ticino
18.10.2020 - 19:590

I ristoratori: 'È il telelavoro a preoccuparci'

Massimo Suter, presidente di GastroTicino: 'Le mascherine cambiano poco, ma quel consiglio sul lavorare da casa può farci male'

Non tanto le mascherine, ma il telelavoro. A preoccupare i ristoratori ticinesi non è l'obbligo di indossare le protezioni anche da parte dei clienti sancito venerdì dal Cantone e confermato oggi a livello nazionale da parte del Consiglio federale. Il maggior timore deriva invece dal suggerimento di tornare a utilizzare il più possibile il telelavoro. «Si tratta ovviamente di una preoccupazione imprenditoriale» commenta il presidente di GastroSuisse Ticino Massimo Suter. Se la misura è comprensibile e condivisibile dal punto di vista sanitario, dovesse essere applicata in massa i ristoranti si troveranno privati «di una buona fetta del loro incasso», spiega il presidente di GastroSuisse Ticino. «È evidente – prosegue – che chi lavora da casa non pranza al ristorate e non si reca al bar per la pausa caffè», mettendo così in difficoltà quegli esercizi pubblici che «lavorano soprattutto sul mezzogiorno con clienti degli uffici». Ovvero soprattutto quelli che si trovano nei centri cittadini: gli stessi che, precisa il presidente di GastroSuisse Ticino, «dati alla mano, non hanno ancora ripreso a pieno ritmo dopo li lockdown. Prevedo situazioni difficili, e a volte drammatiche, per loro». Inoltre quello dello 'smart working' potrebbe diventare un'abitudine, con «conseguenze a medio e lungo termine».

Mascherine

Decisamente meno problematico l'obbligo per tutti, camerieri e avventori, di indossare le mascherine: «Cambia poco per noi: l'obbligo vige già per tanti altri posti e la gente si sta abituando. Se questa misura permette di lavorare in maniera ottimale, ben venga. Se tutti seguiamo le regole, si potrà tornare il più in fretta possibile a una situazione quasi normale». 

È previsto di mettere a disposizione delle mascherine? Chiediamo. «Ognuno è imprenditore di sé stesso – replica Suter – e sa cosa fare per risolvere le questioni che si pongono giornalmente. Quindi immagino che ognuno abbia delle mascherine di riserva, qualora qualche cliente non le avesse».

A dare un po' di fiato alla ristorazione ticinese, per ora, ci sta pensando il sole: «In generale in questo periodo sta andando tutto sommato bene. La meteo e le vacanze autunnali nel resto della Svizzera ci stanno aiutando, così come la difficoltà di uscire dai confini nazionali».

 

© Regiopress, All rights reserved