ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
5 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
7 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
1 ora

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
2 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
2 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
3 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
3 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
4 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
4 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
4 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
4 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
4 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
29.07.2020 - 17:07
Aggiornamento: 20:10

'Più federali in Ticino contro la mafia'

Fonio (Ppd) e Bignasca (Lega) chiedono al governo di intervenire presso il Ministero pubblico della Confederazione per rafforzare la sua presenza

piu-federali-in-ticino-contro-la-mafia
Ti-Press

«Quando l’Ufficio federale di polizia parla di venti cellule mafiose presenti in Svizzera alle quali farebbero capo addirittura circa quattrocento persone e quando dai media apprendi di casi come quello al centro della recente operazione ’Imponimento’ condotta dalla Procura di Catanzaro in collaborazione con gli inquirenti federali contro una cosca della ’ndrangheta che, stando agli investigatori, avrebbe avuto dei referenti anche nel nostro Paese, come cittadini e come politici non si può davvero rimanere indifferenti», dice alla ’Regione’ il granconsigliere popolare democratico Giorgio Fonio. Per il sindacalista dell' Ocst, l’azione di contrasto alla criminalità organizzata operativa in Svizzera «deve essere più incisiva, con un rafforzamento dell’attività investigativa sul territorio, tanto sul piano preventivo, quanto su quello repressivo: e questa va considerata una priorità in Ticino, cantone che confina con regioni italiane dove la mafia è radicata da anni e i cui traffici illeciti non conoscono confini». Con un’interrogazione inoltrata oggi Fonio e il deputato leghista Boris Bignasca chiedono quindi al Consiglio di Stato “se alla luce degli ultimi avvenimenti non intenda intervenire nei confronti del Ministero pubblico della Confederazione per sollecitare maggiori risorse decentralizzate e un rafforzamento del coordinamento delle inchieste con un focus sulla criminalità internazionale organizzata”. Le indagini, dichiara ancora il parlamentare Ppd da noi interpellato, «andrebbero coordinate nel luogo dove i reati vengono commessi, dove si osservano comportamenti oppure fenomeni sospetti, non credo proprio che il coordinamento centralizzato a Berna sia una gran soluzione, quantomeno non capisco a quale logica risponda».

Non è la prima volta che i due granconsiglieri sollevano il tema delle infiltrazioni mafiose nel cantone, ponendo al governo quesiti sulla cooperazione fra organi investigativi ticinesi e autorità inquirenti federali, alle quali spetta, a determinate condizioni, il perseguimento del reato di organizzazione criminale. «Servono infatti pure dei riscontri giudiziari, quindi procedimenti penali e decisioni, anche per far capire all'esterno che in Svizzera si lotta seriamente ed efficacemente contro il crimine organizzato: è che al Tribunale penale federale - osserva Fonio - di processi per fatti in odor di mafia non ne sono stati celebrati tanti... ». Che fare? «Penso fra l'altro che vada potenziato l'apparato investigativo per un efficace lavoro sul terreno e rivista l'organizzazione del Ministero pubblico della Confederazione». Intervistato nei giorni scorsi dalla 'Regione', il deputato Plr al Gran Consiglio ed ex ufficiale della Cantonale Giorgio Galusero ha auspicato più controlli e raccolta di informazioni sul territorio. Ma anche il rafforzamento in tempi brevi del Nucleo compiti speciali della Polizia cantonale, del nucleo cioè preposto al lavoro di intelligence ("Come possono oggi due soli agenti di polizia giudiziaria, per quanto capaci, controllare in Ticino in maniera sistematica quei settori maggiormente esposti al rischio di infiltrazione mafiosa, ovvero la ristorazione e l'edilizia, come ricorda da tempo la Fedpol, la Polizia federale?")   

Romano: 'Speriamo nel dopo Lauber'

«Ben venga questo atto parlamentare», commenta, riferendosi all'interrogazione Fonio/Bignasca, il consigliere nazionale del Ppd Marco Romano, molto attivo a Berna sul tema delle infiltrazioni mafiose. E spiega come «la recente operazione ‘Imponimento’ è la dimostrazione che quando si lavora in maniera coordinata a livello nazionale e internazionale, e quando nelle inchieste si considerano subito anche i reati minori focalizzandosi pure su persone tendenzialmente passive, alla fine la rete emerge». Ragion per cui «tornerò sicuramente alla carica anche a livello federale sul tema decentralizzazione: innanzitutto perché le benvenute dimissioni del procuratore generale della Confederazione Michael Lauber genereranno sicuramente una riforma del Ministero pubblico, in questo ambito è importante che qualsiasi sia la riforma venga garantita la decentralizzazione e se possibile sia rafforzata». L’approccio, per Romano, «deve essere decentrale, orientato come dicevo al piccolo crimine locale che va messo sempre in relazione a dinamiche nazionali e internazionali. Questo non può essere solo responsabilità di Berna o del Ticino, ma comune». Occorre, insomma, «uscire dalla dinamica che vede una contrapposizione tra Cantoni e Confederazione. Bisogna capire che o c’è una volontà da parte di entrambi o si continua a marciare sul posto. La speranza è che il post Lauber ci metta a disposizione una persona che voglia lavorare su questi temi». E tra le cose da migliorare, Romano ne suggerisce - o meglio, ripete - una: «Da anni chiedo maggiori basi legali per sequestrare subito i beni, l’unica maniera di contrastare queste organizzazioni criminali».

Chiesa: ’La risposta al mio postulato è urgente’

Autore, nel giugno del 2019, di un postulato che chiedeva al Consiglio federale un’analisi sull’efficienza del Ministero pubblico della Confederazione, il consigliere agli Stati dell’Udc Marco Chiesa rileva come «visto che l’Autorità di vigilanza si è espressa in maniera favorevole, secondo me questo rapporto dal governo è diventato davvero urgente. I risultati di questa analisi servono». Per Chiesa «ora che la situazione di Lauber è diventata estremamente precaria, necessitiamo di stabilizzare le istituzioni. Speriamo in una maggior decentralizzazione delle risorse in ottica futura, ma anche in ottica federalista».

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved