laRegione
Nuovo abbonamento
si-torna-al-divieto-di-assembramenti-per-piu-di-30-persone
Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
9 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
9 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
10 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
10 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
10 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
10 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
11 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
11 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
12 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
12 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
13 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Bellinzonese
13 ore

A 160 km/h sull'A2, pirata della strada denunciato

In territorio di Quinto è stato intercettato un 54enne svizzero, domiciliato nel Locarnese, che viaggiava a 160 chilometri orari dove il limite è di 80
Ticino
03.07.2020 - 13:290
Aggiornamento : 16:51

Si torna al divieto di assembramenti per più di 30 persone

Dopo la lieve ripresa dei contagi, il Consiglio di Stato ha adottato nuove misure in vigore da subito. Merlani: 323 persone in quarantena

Sono cinque le misure decise oggi dal Consiglio di Stato per cercare di contenere la diffusione del coronavirus, dopo il caso della recluta positiva al locale 'Woodstock' di Bellinzona, che ha costretto alla quarantena un elevato numero di persone. Le disposizioni adottate dal governo, che entrano in vigore immediatamente e saranno valide fino al 19 luglio, sono le seguenti:

  • Si torna al divieto di assembramenti per più di 30 persone nei luoghi pubblici
  • Gli ospiti di ristoranti, bar e locale notturni potranno essere al massimo cento
  • Le strutture dovranno raccogliere i dati degli avventori, e dovranno inoltre verificare la veracità dei dati richiedendo la presentazione di un documento d'identità ed effettuando una chiamata telefonica di controllo ai numeri di cellulare forniti dagli avventori.
  • Negli esercizi pubblici è fortemente raccomandato l’uso della mascherina
  • Le persone che rientrano dall’estero con l’obbligo di quarantena, così come stabilito ieri dalle autorità federali, dovranno annunciarsi entro due giorni alla hotline cantonale 0800 144 144

Quarantena per 323 persone

Come noto, i nuovi casi d'infezione riguardano prevalentemente dei giovani. «È probabile che la combinazione della riapertura delle frontiere e le riaperture del 6 giugno abbiano portato alla trasmissione del virus – afferma il medico cantonale Giorgio Merlani –. Attualmente sono 323 le persone in quarantena, due le persone che hanno mostrato sintomi sospetti. Mentre ci sono ancora altre 35 che finora non hanno risposto al cellulare». Tra le persone poste in quarantena dalle autorità vi sono anche una studentessa e un bambino (che a sua volta ha determinato altre cinque quarantene).

Locali, cento persone dall'apertura alla chiusura

Il divieto per più di 30 persone riguarda gli assembramenti «non le manifestazioni – spiega il capitano Elia Arrigoni –. Queste potranno continuare a svolgersi nel rispetto di quanto previsto dalle ordinanze federali». Arrigoni poi chiarisce come funzionerà il limite di cento presenze all'interno dei ristoranti e locali notturni: «Dal momento dell'apertura i gestori potranno accogliere fino a cento ospiti e soltanto cento. Ciò vuol dire che una volta raggiunto il numero massimo, anche se qualche cliente lascia il locale, non potranno essere accolti altri».

Per il Consigliere di Stato Raffaele De Rosa è chiaro che in questi giorni vi è in corso un cambiamento delle tendenze: «Avevamo già espresso qualche settimane fa le nostre perplessità in merito alla velocità con la quale il Consiglio federale ha proceduto all’allentamento delle misure sanitarie – osserva De Rosa –. Oggi queste perplessità si traducono nella necessità di agire a livello cantonale». «Si tratta – interviene Merlani – di porre dei correttivi per quelle situazioni che hanno dato prova di aver bisogno di certe misure, affinché si possa convivere con le riaperture senza dover affrontare una seconda ondata epidemica».

Il Woodstock al momento non è un focolaio

Al momento in Ticino, indica il medico cantonale, ci sono due focolai «piuttosto sotto controllo». Tali focolai non riguardano il caso della recluta positiva al Woodstock di Bellinzona, bensì «due feste private, collegate tra di loro, di studenti rientrati da Oltralpe». Il medico cantonale aggiunge che le conseguenze, dal punto di vista dei contagi, di tutto quanto avvenuto in questi giorni «lo scopriremo fra dieci giorni». 

 

 

 

Allegati
© Regiopress, All rights reserved