laRegione
Nuovo abbonamento
La storia di Nicolò e Andrea, divisi dal Covid-19, ha commosso la Sardegna che li ha riuniti (foto Nicolò Mariani)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
13 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
13 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
20 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
23 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
1 gior
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
1 gior
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
1 gior
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
1 gior
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
1 gior
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
1 gior
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Luganese
1 gior
'Per un polo di creazione culturale a Besso-Massagno'
In una mozione Raoul Ghisletta e confirmatari la richiesta di acquistare dalle Ail il sedime della centrale di Gemmo
Bellinzonese
1 gior
Massimo Gabuzzi nuovo presidente del Rotary Club Bellinzona
Succede a Paolo Colombo. Il passaggio delle cariche è avvenuto lo scorso 25 giugno.
Ticino
1 gior
Sventata strage: pena sospesa, ma dovrà curarsi
7 anni e mezzo per il 21enne che pianificò l'assalto alla Commercio di Bellinzona. Ma il giudice concede le misure alternative per curarsi in un foyer
Locarnese
1 gior
Losone e Accademia Dimitri rilanciano il polo culturale
I due enti tramite un comunicato congiunto spiegano perché il comparto dell'ex Caserma rappresenta la soluzione più adeguata e con grande potenziale
Luganese
1 gior
Lugano spinge l'acceleratore sulla digitalizzazione
Vasto programma di eventi incentrati sulle opportunità dell'online organizzato quest'autunno dalla Città e da vari partner: accademici, scientifici, economici
Mendrisiotto
1 gior
Riva, avvicendamento alla direzione delle scuole
Isabella Medici Arrigoni subentra a Fulvio Vassalli alla testa dell'istituto scolastico
Bellinzonese
1 gior
Lite al bunker di Camorino, ospite ferito da un coltello
Diverbio tra un 25enne marocchino e un 38enne iraniano, il quale ha avuto la peggio rimediando una leggera ferita da taglio a una gamba. Il 25enne è stato arrestato
Ticino
25.05.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:07

Divisi dal Covid-19, la loro storia ha intenerito la Sardegna

L'avventura del luganese Nicolò Mariani che in piena emergenza ha raggiunto la compagna Andrea incinta sull'isola. Amori transfrontalieri a prova di pazienza

La pandemia ha colto Nicolò e Andrea di sorpresa, mandando all’aria tutti i loro piani, lui a Cadro, lei sola in Sardegna e un figlio in arrivo. Una coppia non sposata che ha mosso mari e monti per potersi riunire, vivere insieme gli ultimi mesi di gravidanza, sfidando frontiere chiuse e quarantene. Alla fine ha vinto la tenacia del loro amore. “La mia compagna è partita dal Ticino a fine febbraio, l’avrei raggiunta poco dopo, ma poi è arrivato il Codiv-19, i contagi salivano e hanno chiuso le frontiere”, racconta Nicolò Mariani (28 anni), in arte Nic Gyalson. Il musicista ticinese, preoccupato per la compagna, contatta le autorità elvetiche in Ticino e a Berna per trovare una soluzione: “Ho trovato solo porte chiuse, mi dicevano che la situazione era complicata e non c’era un motivo valido per far venire la futura madre di mio figlio in Svizzera, eppure ogni giorno entravano molti frontalieri”, precisa. Il ticinese si mette il cuore in pace: Andrea non può entrare in Svizzera. Ma c’è un’altra strada: Nicolò cambia strategia e prova ad andare in Sardegna, pur sapendo che l’isola è totalmente isolata. “Ho acquistato il biglietto per il traghetto e ho riempito un modulo online delle autorità sarde spiegando che volevo raggiungere la mia compagna incinta che necessitava di aiuto. Non mi aspettavo una risposta. Ero frustrato, mi sentivo impotente e in ansia per lei”, dice. Poi arriva la svolta: “Due giorni prima di partire mi è arrivato il permesso speciale dalla regione Sardegna, ci considerava una situazione eccezionale”. Il 5 maggio, Nicolò si mette in viaggio. “Al confine a Chiasso mi hanno lasciato entrare in Italia, attraversando la Lombardia, mi sembrava di viaggiare nella terra di nessuno. Genova così non l’avevo mai vista: sembrava una città militarizzata. Ho superato i controlli sanitari e mi sono imbarcato, eravamo in pochi sul traghetto, ma tutti erano tranquilli”. Controlli sanitari anche allo sbarco e poi la quarantena. Il ticinese da qualche giorno può muoversi liberamente. “In Svizzera le istituzioni non ci hanno aiutato mentre le autorità della Sardegna hanno dimostrato una grande umanità. Hanno permesso l’unione familiare per una coppia che non esiste formalmente, ma c’è nei nostri cuori. Ora posso sostenere Andrea, presto saremo una famiglia”.

L'obbligo di quarantena divide genitori dai figli 

La storia a lieto fine di Nicolò e Andrea è l’eccezione in una marea di separazioni imposte dalla pandemia a centinaia di amori transfrontalieri, coppie che stanno insieme, ma non sotto lo stesso tetto. Dalla sera alla mattina, tutto è cambiato: pochi chilometri di distanza, se in mezzo c’è una frontiera chiusa, sono diventati migliaia di chilometri. A centinaia dal Ticino aspettano di riabbracciare un partner, un genitore, un figlio, un parente che è dall’altra parte della frontiera. L’attesa forse finirà il 3 giugno quando l’Italia dovrebbe riaprire le frontiere. Michela Godenzi è italiana, vive e lavora come terapista nel Locarnese e non vede i suoi genitori da mesi, suo padre sta a Parma ed è ammalato. “Se vado in Italia devo fare la quarantena, anche se mi sposto dal mio domicilio a quello di mio padre, senza mai scendere dall’auto”, spiega Michela, che con Marcella Gusmaroli, ha fondato il gruppo FB ‘Coppie Italia-Svizzera... e non solo’, che conta oggi oltre mille persone (soprattutto coppie) separate dalla pandemia. Le frontiere elvetiche sono aperte per coppie sposate, per chi ha permesso di residenza e di lavoro. Per le coppie transfrontaliere, anche con figli, l’ostacolo è la quarantena imposta. “Si lavora per mantenere i figli, ma ti impongono una quarantena per vederli, se sono oltre la frontiera. Fino a fine aprile non ci siamo mossi, c’era l’emergenza sanitaria e le autorità erano impegnate a gestirla. Ora è importante capire come si comporterà la Svizzera dal 3 giugno e come vengono considerate le coppie non sposate divise da una frontiera. Ci basta poter abbracciare i nostri cari e partner, non siamo turisti della spesa e non ci interessa andare in spiaggia o a fare shopping”, conclude.


Sophie e Thomas, una prova per la nostra coppia

Ma il problema non riguarda solo l’Italia, ci sono pendolari dell’amore anche tra Svizzera e Germania come Sophie (48 anni) e Thomas. Lei è svizzera, maestra alle scuole elementari e risiede del canton Vallese, lui è tedesco e vive tra Germania e Svizzera. Una coppia consolidata, che dura da tanti anni. La pandemia li ha colti di sorpresa, non si vedono dall’inizio di marzo, da quando le frontiere si sono chiuse. “Quando ho saputo che chiudevano i confini, erano le 19 di sera, sarebbe successo la mattina successiva. Abbiamo deciso che avremmo affrontato la pandemia separati. Thomas non ha la copertura assicurativa sanitaria in Svizzera e soffre d’asma. È più a rischio di altri, per lui è stato meglio rimanere in Germania”. La coppia aveva appena traslocato in uno chalet nel canton Vallese. “Ho vissuto il Covid-19 da sola, in una casa nuova, ma con tante video chiamate ad amici de ogni sera c’era il rituale della buona notte con Thomas via Face Time. Si impara a vivere giorno per giorno. Penso che la separazione è una buona palestra per una coppia, ci siamo confrontati a distanza, abbiamo imparato a gestire la situazione, siamo cresciuti”, commenta Sophie. La scuola ha ripreso e Sophie è molto impegnata. “Si impara a vivere giorno per giorno. Aspettiamo che le frontiere riaprano del tutto, presto ci rivedremo e sono contenta”, conclude. 

© Regiopress, All rights reserved