coronavirus-il-governo-vieta-agli-anziani-di-andare-a-fare-spesa
Il governo decide e comunica (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
6 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
6 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
6 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
6 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
6 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
7 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
7 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
7 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
8 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
8 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
8 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
8 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
9 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
9 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Bellinzonese
9 ore

Fuori strada alla ‘S’ di Gudo: ferite serie per un giovane

L'auto ha sbandato finendo nella scarpata sottostante dopo un volo di alcuni metri. Forti disagi al traffico
Locarnese
9 ore

‘E una rotonda al bivio per la Valle Verzasca?’

Il problema del traffico nei mesi caldi in un'interpellanza al Municipio di Gordola presentata da Stefania Perico e Cosimo Lupi
Mendrisiotto
9 ore

Un sito presenta il nuovo centro paese di Castel San Pietro

Il portale è stato voluto da autorità comunali e gruppo di lavoro per informare costantemente la popolazione sull'avanzamento dello studio
Locarnese
9 ore

‘Tennis per tutti, indipendentemente dal reddito’

Locarno, Elena Zaccheo è la prima donna ad assumere la presidenza del Tcl. Fra gli obiettivi: l'accessibilità della disciplina
Luganese
9 ore

L'Associazione Traffico Ambiente boccia il polo sportivo

Il sodalizio della Svizzera italiana sostiene i referendisti e dice no a un 'progetto estremamente caro, sovradimensionato e per niente ecologico'
Luganese
9 ore

Lugano, 'Il Molino lasci l'ex Macello entro dieci giorni'

Recapitata stamattina al centro sociale la diffida con il nuovo termine per abbandonare gli spazi occupati del sedime lungo il fiume Cassarate
Grigioni
10 ore

La Ferrovia retica ha perso 6,9 milioni nel 2020

Senza gli aiuti pubblici volti ad attenuare le conseguenze della pandemia, deficit avrebbe sfiorato i 20 milioni
Luganese
10 ore

Pestaggio di Cadempino, indagati a turno dalla procuratrice

Si conferma il movente finanziario nella brutale aggressione ai danni di un 18enne compiuta da sei uomini del Luganese accusati di tentato omicidio
Luganese
10 ore

Lugano, Nibali cade e si frattura un braccio

Partecipazione al Giro d'Italia a rischio per il corridore siciliano domiciliato in città. Dovrà essere operato domani
Locarnese
10 ore

Via Luini a Locarno, 46 nuovi appartamenti e benzinaio

In pubblicazione un progetto per la costruzione di uno stabile di sei piani.
Locarnese
10 ore

Da ora la Rega dispone di nuovi visori notturni

Appositamente sviluppati per la Guardia aerea svizzera, permettono di muoversi meglio durante gli interventi nell'oscurità
Ticino
12 ore

Consuntivo 2020, si chiude con 165,1 milioni di disavanzo

La pandemia influenza i conti del Cantone, per i quali era previsto un avanzo, nel preventivo, di 4,1 milioni di franchi. Spesi 13,1 milioni più del previsto
Bellinzonese
12 ore

Società Tiratori del Lucomagno prima al Concorso cantonale

Con quattro vittorie (2012, 2017, 2018 e 2020) si aggiudica definitivamente la Challange Guggisberg, messa in palio ogni dieci anni.
Ticino
21.03.2020 - 18:390
Aggiornamento : 22.03.2020 - 19:51

Coronavirus, il governo vieta agli anziani di andare a fare spesa

A partire da oggi a tutta la popolazione è richiesto di ridurre al minimo i propri spostamenti. Divieto per gli over 65 di andare a fare la spesa

Si aggrava ulteriormente il bilancio dei decessi per coronavirus in Ticino. Gli ultimi dati aggiornati stamane alle 8 resi noti dal governo parlano di 9 nuovi morti, portando così il totale de decessi complessivi a 37. I contagi ammontano ammontano a 939.

Sono numerose le disposizioni comunicate dal governo per affrontare l'emergenza coronavirus in Ticino: la premessa è che a partire da oggi e fino a domenica prossima 29 marzo, a tutta la popolazione è richiesto di ridurre al minimo necessario gli spostamenti. Richiesto ma non imposto. Il Consiglio di Stato precisa che è ancora possibile stare all'aria aperta, ma rispettando sempre le norme igieniche accresciute e di distanza sociale.

Per quanto riguarda i cittadini che hanno avuto stretto contatto con persone che hanno contratto la malattia, essi dovranno attenersi alle indicazioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica e del medico cantonale. È cioè di auto isolarsi per dieci giorni. Ed è lo stesso medico cantonale che chiarisce perché la durata della quarantena cambia di fase in fase: ora dieci, prima cinque e ancora prima quattordici giorni il termine indicato: «Nella prima fase dicevamo 14 giorni perché si cercava il contenimento a tutti i costi. Preso atto che non era più possibile, l’Ufficio federale della salute pubblica è passato alla strategia della mitigazione. Ora nell’ottica di dare una frenata all’impennata dei casi chiediamo ai contatti stretti di restare in auto quarantena per 10 giorni».

Al momento in Ticino i casi positivi sono 918: di questi, 184 persone sono ricoverate con 40 pazienti in terapia intensiva (37 intubati)

Le misure nel dettaglio

Ci sono in particolare ulteriori indicazione per le persone che hanno compiuto 65 anni e per i gruppi definiti vulnerabili e quindi particolarmente esposti al rischio di complicazioni gravi che possono metterne in pericolo la vita. Per loro è disposto quanto segue:

  • sono esortati a restare a casa;
  • devono evitare di accudire minorenni;
  • per gli acquisti sono invitati a farsi aiutare da parenti o a usufruire dei servizi comunali appositamente organizzati per la consegna a domicilio della spesa; è di conseguenza fatto loro esplicito divieto di recarsi personalmente a effettuare acquisti;
  • possono uscire per motivi medici, per improrogabili motivi di lavoro nell’ambito di un'attività autorizzata e per svolgere attività motoria rispettando le norme igieniche accresciute e di distanza sociale;
  • possono utilizzare il trasporto pubblico solo per necessità mediche o professionali.

Sul divieto imposto agli over 65 di recarsi a fare la spesa, è il capo dello Stato Maggiore Cantonale di Condotta (Smcc) Matteo Cocchi a precisare: «Questo divieto emanato in Canton Ticino è compatibile con il diritto federale, diversamente da quanto accaduto in Canton Uri che ha dovuto ritirare il coprifuoco per le persone anziane per ordine della Confederazione». La chiave per regolarsi in questo contesto di emergenza, secondo Cocchi, è il buon senso visto che «non c’è un coprifuoco totale. Ma se abito a Mendrisio e voglio fare una passeggiata la devo fare a Mendrisio e non in Val Lavizzara». E poi l'appello: «La popolazione non deve perdere le staffe». 

Divieto per gli assembramenti con più di cinque persone, rischio multa

Come già annunciato ieri dal Consiglio federale, vale anche in Ticino il divieto per gli assembramenti organizzati o spontanei con più di cinque persone. E il presidente del governo ribadisce (con toni più paccati rispetto a quelli impiegati dal Comandante Matteo Cocchi nell'ultima conferenza stampa): «Le violazioni dei divieti possono essere punite con una multa disciplinare di fr.100.-», e più esplicitamene: «Lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, tramite la Polizia cantonale con le polizie comunali, vigila sul rispetto delle presenti disposizioni. In caso di mancato ossequio delle presenti disposizioni le autorità di perseguimento penale avvieranno immediatamente i procedimenti per accertare le potenziali violazioni del codice penale e/o di altre leggi speciali applicabili ai singoli casi».

Amministrazione cantonale chiusa fino al 27 marzo, attività commerciali e produttive private fino al 29

L’Amministrazione cantonale rimarrà chiusa fino al 27 marzo, tranne le attività urgenti definite dal Consiglio di Stato, il quale annuncia anche la chiusura di tutte le attività commerciali e produttive private, compresi tutti gli esercizi della ristorazione, strutture che offrono servizi alle persone con contatto corporeo anche a domicilio e le strutture ricreative e per il tempo libero.  

Le eccezioni, chiarisce il governo, sono le seguenti: 

  • servizi di distribuzione di cibo (compresa la consegna a domicilio), per i quali è però esclusa la possibilità di ingresso dei clienti nei locali;
  • mense sociali senza scopo di lucro, mense negli ospedali e nelle case di cura, case anziani e scolastiche non aperte al pubblico;
  • mense aziendali non aperte al pubblico;
  • punti vendita di generi alimentari e di prima necessità;
  • punti vendita di articoli medici e sanitari;
  • farmacie e drogherie;
  • chioschi;
  • stazioni di servizio per l'approvvigionamento dei veicoli con carburante;
  • banche; uffici e agenzie postali;
  • funerali nella stretta cerchia familiare.  

Le disposizioni per gli alberghi e campeggi

Gli alberghi che dispongono di un'autorizzazione alla gerenza per un numero superiore a 50 persone, nonché i campeggi, possono continuare a esercitare solo per accogliere personale legato alle attività permesse e alla gestione dell'emergenza a patto di non accogliere contemporaneamente più di 50 persone (personale incluso), limitare l'eventuale servizio ristorazione all’interno della propria struttura ed esclusivamente per i propri ospiti e non aprire il bar e altri servizi quali aree fitness, spa, ecc.  

Cantieri chiusi, uffici con presenza limitata e senza pubblico

La risoluzione governativa stabilisce che le attività nei cantieri devono cessare immediatamente, fatti salvo i lavori necessari per la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro. Lo Stato maggiore cantonale di condotta (Smcc) può concedere deroghe nel caso in cui esista un’evidente urgenza o preminente interesse pubblico.

«La chiusura dell’edilizia e dell’artigianato in pratica è già in vigore da mercoledì 18 marzo con il ponte deciso dal governo – afferma Vitta –. Questo vuol dire tra l'altro che in Ticino potranno entrare soltanto i frontalieri che vengono a svolgere un’attività lavorativa tra quelle definite essenziali».

L'accesso agli uffici non è ammesso per il pubblico. Un'eventuale presenza in ufficio deve essere limitata. 

Le altre attività permesse

Le altre attività permesse, consentite e che possono rimanere aperte, in ogni caso rispettando le norme igieniche accresciute e di distanza sociale, sono:

  • le strutture sanitarie, sociosanitarie, studi e strutture di professionisti della salute, servizi Sacd che erogano prestazioni urgenti e necessarie come definito dal Medico cantonale e non procrastinabili a data successiva rispetto al divieto;
  • asili nido e servizi simili necessari;
  • servizi a sostegno della popolazione anziana o bisognosa, incluse le badanti;
  • attività del settore agricolo, di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi;
  • attività del settore chimico-farmaceutico, medicale, alimentare o indispensabili per il settore sociosanitario;
  • attività necessarie all’informazione e alla diffusione di contenuti, compresa la stampa dei giornali;
  • attività industriali che non possono interrompere immediatamente tutte le attività, autorizzate a svolgere i lavori necessari ad arrestare le linee di produzione;
  • tutte le attività che possono essere svolte a domicilio in modalità remota;
  • disbrigo delle pratiche doganali, dei trasporti internazionali e dei trasporti indispensabili da parte delle case di spedizioni;
  • fornitura di beni e servizi a favore delle attività autorizzate;
  • trasporti connessi con le attività autorizzate e la consegna di pacchi;
  • interventi puntuali volti a risolvere guasti, rotture, interruzione di servizi, situazioni di pericolo o altre urgenze (possono essere svolti tramite un servizio di picchetto);
  • interventi volti a garantire l'igiene e la pulizia di luoghi pubblici o di spazi comuni;
  • attività private volte a garantire la sicurezza e l’ordine pubblico;


Allo Smcc, spiega infine il governo nella risoluzione, "è comunque delegata la facoltà di autorizzare l'apertura di singole aziende o di settori di attività a fronte di evidenti urgenze o indispensabilità tecnica o preminente interesse pubblico".

.  

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved