scuola-il-futuro-di-dimat-e-a-rischio
Circa la metà degli allievi di scuola elementare imparano la matematica con questo metodo (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
8 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
9 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
9 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
9 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
9 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Ticino
9 ore

'L'Ufficio di statistica rimanga nel Dfe'. Ma il Ps non ci sta

La maggioranza della commissione respinge la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps-Pop-Indipendenti). I socialisti annunciano un rapporto di minoranza
Mendrisiotto
9 ore

Palazzo Turconi ha fatto spazio alla biblioteca

Il servizio ha traslocato nell'edificio. A disposizione di un patrimonio di libri e documenti ci sono 1'800 metri quadri
Bellinzonese
10 ore

Bellinzona e progetto Chiè d’Lena: ‘Sia abbandonato’

Dal Consiglio comunale la voce critica di Luigi Calanca, che chiede lumi sul previsto investimento milionario e sull'utilizzo come scuola montana
Ticino
10 ore

Covid, ‘In Ticino scuola in presenza finché sarà possibile’

Nel frattempo alcune zone italiane confinanti con la Svizzera hanno reintrodotto la didattica a distanza a causa dell'aumento dei contagi
Luganese
10 ore

Caslano, nuova perizia psichiatrica sull'omicida

Secondo un nuovo referto il giovane che uccise sua nonna può beneficiare di una scemata imputabilità di grado medio. Il caso torna in Appello
Ticino
11 ore

‘Annunci su Airbnb solo con un numero identificativo’

Cambia la procedura per affittare online gli alloggi ad uso turistico. La commissione ‘Economia’ firma il rapporto di Pini (Plr): ‘Snella e digitale’
Luganese
11 ore

Campione d'Italia da domani zona arancione rafforzata

Le scuole saranno chiuse almeno fino al 10 marzo. Intanto nell'enclave è anche iniziata la vaccinazione
Luganese
11 ore

Monteceneri, la lista rossoverde è compatta

Obiettivo: confermare il seggio in Municipio e rafforzarsi a livello di Consiglio comunale in modo da proporsi come forza di cambiamento
Locarnese
11 ore

Giallo di Muralto, il processo dal 1° luglio

Previsti tre giorni di dibattimento a carico del germanico accusato dell'assassinio delle 22enne inglese all'albergo La Palma
Mendrisiotto
12 ore

A Monte migliorerà la qualità di vita degli anziani

Il Consiglio comunale di Castel San Pietro accoglie, ma con alcuni emendamenti, il progetto modello proposto dal Municipio
Luganese
12 ore

Restauro Cattedrale di Lugano, sorpasso di mezzo milione

La Commissione gestione e finanze del Gran Consiglio approva il sussidio supplementare. Rincaro per il nuovo museo, l'organo e indagini archeologiche
Ticino
01.10.2019 - 06:100
Aggiornamento : 09:53

Scuola, il futuro di DiMat è a rischio

Dopo 25 anni l’approccio ‘Differenziare in matematica’ potrebbe estinguersi a causa del mancato sostegno del Decs che ribatte: ‘Il metodo non è più attuale’

In matematica gli allievi delle scuole ticinesi che seguono l’approccio ‘Differenziare in matematica’ (DiMat), alla fine della quinta elementare ottengono migliori risultati rispetto agli allievi che non hanno seguito questo metodo. A rendere noto questo dato è stato il rapporto della Supsi pubblicato la scorsa primavera ‘Scuola a tutto campo’. Ciò nonostante, dopo aver formato intere generazioni di studenti, il metodo DiMat, che quest’anno scolastico compie cinque lustri di attività, è oggi a rischio di estinzione. Per quale motivo? Qualche anno fa il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) ha deciso di sospendere i corsi di formazione DiMat per i docenti. «È stato completamente scoraggiato un gruppo di formatori – affermano Ivo Dellagana e Franco Losa, promotori di DiMat venticinque anni fa –. Tutte persone impegnate sul campo». Le ragioni che hanno spinto il Decs a non più finanziare i corsi DiMat, stando a Dellagana-Losa, non sarebbero riconducibili a un «superamento del modello». Prova della validità dell’approccio, osservano i promotori, «è che ancora oggi circa la metà degli allievi di terza, quarta e quinta elementare del Cantone attua DiMat anche se, malgrado le richieste di molti docenti, non ci sono più i corsi». Dellagana, Losa e il loro gruppo sostengono di aver provato in più modi a dialogare con il Decs per evitare che questa risorsa del sistema educativo ticinese cada nel dimenticatoio, ma si sono trovati «di fronte a un muro». O meglio, alla posizione del Decs «che ha sempre attribuito l’impasse alla poca disponibilità dei formatori a seguire le proposte dipartimentali». Addirittura nella primavera dell’anno scorso la Conferenza dei direttori degli Istituti scolastici comunali aveva scritto una lettera al direttore dell’Ufficio delle scuole comunali Rezio Sisini, manifestando la propria preoccupazione in merito allo stallo venutosi a creare attorno allo statuto di DiMat e ai rischi di una sua attuazione scorretta dopo la sospensione dei corsi.

 


«Il Decs ha parlato anche di alcune criticità di DiMat ma non le ha mai esplicitate sul piano didattico – riprendono i promotori –. Da più anni noi segnalavamo la necessità di aggiornare i materiali, indubbiamente da rivedere e adattare. Ma l’impianto pedagogico in quanto tale non può essere ritenuto superato. DiMat è un format, un sistema di organizzazione dell’apprendimento: va bene con la matematica, ma è stato anche applicato alla lingua, alla geografia e in altri ambiti d’insegnamento. Si tratta soprattutto di mettere l’allievo al centro del suo stesso apprendimento, affidandogli degli strumenti precisi che gli possano permettere di sviluppare, oltre a quelle socio-affettive, anche delle competenze autovalutative». Ma allora perché il Decs non ha più voluto sostenere DiMat? «L’attuale Decs – sostengono Dellagana-Losa – non ha riconosciuto, nei fatti, una specificità pedagogica a DiMat. Ha soppresso i corsi di formazione con motivi d’ordine finanziario. Alle varie iniziative del nostro gruppo ha sempre risposto che non accettava alcun alleingang, senza permettere che DiMat, nato da docenti del territorio, potesse svilupparsi e rinnovarsi come comunità di pratica e apprendimento in pieno accordo, tra l’altro, con i principi della differenziazione pedagogica tanto promossi dal Dipartimento».

‘Se un metodo è ritenuto non attuale è ovvio che le risorse s’investono altrove’

«DiMat ha dei meriti storici molto grandi. Quando pochi pensavano alla differenziazione loro hanno creato un metodo all’avanguardia – ci spiega Emanuele Berger, direttore della Divisione della scuola –. Per questo motivo il Decs anni fa lo aveva sostenuto fino a istituzionalizzarlo, finanziando i corsi di formazione. Nel frattempo però la didattica della matematica e le teorie pedagogiche sono evolute. E con il nuovo Piano di studio il Decs ha molto spinto il concetto della differenziazione, anche con degli approcci innovativi. Ma soprattutto dal momento che stiamo già formando i docenti alla differenziazione, non è più opportuno che esistano dei corsi specifici DiMat». Stando a Berger nello studio Supsi più recente il risultato di DiMat è leggermente migliore, mentre nell’edizione precedente era leggermente inferiore rispetto ad altri metodi, «ma trattandosi di differenze molto contenute non è corretto utilizzare questi dati né per sostenere né per contestare l’approccio». E se è vero che DiMat può essere considerato un formato pionieristico, con dei principi pedagogici concordi con i valori promossi dal Dipartimento, «ciò che è successo è che il gruppo DiMat non si è implicato nel processo di elaborazione del nuovo Piano di studio». Di recente il Decs, aggiunge Berger, ha chiesto al gruppo di lavorare su due piste: la prima per revisionare il loro materiale, soprattutto per quanto concerne i contenuti matematici e sull’aggancio esplicito al nuovo Piano di studio. Così poi i materiali DiMat potrebbero essere messi a disposizione come complemento a quelli esistenti. L’altra via riguarda l’integrazione di un rappresentante di DiMat nel gruppo Decs che si sta occupando di creare nuovi materiali per la matematica, «ma a queste nostre proposte, per il momento non abbiamo ricevuto nessuna risposta da parte loro». Questa sarebbe la motivazione di perché i corsi DiMat sono stati sospesi? «Se un approccio viene ritenuto non attuale è ovvio che le risorse vanno investite da un’altra parte. Oggi i contenuti di DiMat sarebbero da rivedere perché, così come vengono proposti, non sono esplicitamente collegati al Piano di studio. È la metodologia che va rivista, non il concetto della differenziazione. Tuttavia questo non vuol dire che non si possa utilizzare DiMat: vige in ogni caso la libertà didattica di ogni docente, nel quadro dato dal Piano di studio». 

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved