dimat-e-la-prova-che-il-decs-e-incapace-di-dialogare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
57 min

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social
Locarnese
57 min

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare
Locarnese
9 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
9 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
10 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
10 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
10 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
10 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Ticino
10 ore

'L'Ufficio di statistica rimanga nel Dfe'. Ma il Ps non ci sta

La maggioranza della commissione respinge la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps-Pop-Indipendenti). I socialisti annunciano un rapporto di minoranza
Mendrisiotto
10 ore

Palazzo Turconi ha fatto spazio alla biblioteca

Il servizio ha traslocato nell'edificio. A disposizione di un patrimonio di libri e documenti ci sono 1'800 metri quadri
Bellinzonese
11 ore

Bellinzona e progetto Chiè d’Lena: ‘Sia abbandonato’

Dal Consiglio comunale la voce critica di Luigi Calanca, che chiede lumi sul previsto investimento milionario e sull'utilizzo come scuola montana
Ticino
14.10.2019 - 06:000

'DiMat è la prova che il Decs è incapace di dialogare'

Aron Piezzi (Plr) interroga il Dipartimento sull'approccio 'Differenziare in matematica' e critica la Divisione che 'non ascolta chi vive la scuola ogni giorno'

«La posizione del Decs rispetto a DiMat sembra far emergere l’incapacità della Divisione della scuola di trovare soluzioni condivise, ambiguità e ritardi d’ordine comunicativo oltre a una certa perdita di autorevolezza». È piuttosto perentorio nelle sue affermazioni rispetto alla questione DiMat Aron Piezzi, granconsigliere liberale radicale, sindaco di Maggia, nonché docente di scuola elementare. Prendendo spunto dall’articolo pubblicato dalla ‘Regione’ (cfr. edizione del 1° ottobre 2019) in merito alle problematiche emerse tra i promotori dell’approccio ‘Differenziare in matematica’ e i vertici del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs), a seguito della decisione di quest’ultimo di sospendere i corsi specifici di formazione per i docenti che applicano DiMat in classe, Piezzi ha presentato nei giorni scorsi un’articolata interrogazione. «Trovo che sia un vero peccato che non si faccia di tutto per adattare DiMat ai princìpi del nuovo Piano di studio (Pds) – sostiene Piezzi –. Io stesso, per un decennio, nella scuola elementare, ho proposto questo approccio ai miei allievi, con esiti positivi, sia per me che per i bambini». La preoccupazione espressa dal deputato liberale radicale è duplice: da un lato riguarda il caso concreto di DiMat, dall’altro esprime una perplessità più generale verso il modo di agire della Divisione della Scuola che «non ascolta convenientemente chi la scuola la vive ogni giorno». Secondo Piezzi sono molti i docenti rimasti sbalorditi dopo aver appreso tramite la stampa lo stallo venutosi a creare intorno a DiMat «e sono molti gli operatori del mondo scolastico che, forse per paura, non si esprimono al riguardo».

Sulla discussione pedagogica, per il sindaco di Maggia la questione è chiara: «DiMat è un approccio certamente perfettibile, da migliorare e adattare, soprattutto nei materiali; ma ciò non significa che l’impianto pedagogico-didattico in quanto tale sia superato. DiMat è una proposta ideata nei primi anni 90 del secolo scorso, che mira a favorire l’insegnamento-apprendimento differenziato in ambito matematico nel secondo ciclo della scuola elementare. Tiene conto, entro i limiti praticabili in situazione collettiva, delle caratteristiche degli allievi: diversità dei ritmi, delle possibilità e delle modalità di apprendimento; strategie diverse di risoluzione dei compiti e di interazioni socio-affettive; gradi diversi di autonomia, capacità di autovalutazione e di consapevolezza delle modalità di lavoro. È quantomeno strano sentirsi dire che i principi di DiMat non si integrino nel nuovo Piano di studio». A sostegno della sua valutazione Piezzi cita nell’atto parlamentare un rapporto elaborato dal professor Giorgio Ostinelli, dottore in pedagogia, già docente presso le Università degli Studi di Bologna e Cattolica di Milano, e consulente didattico della Divisione della scuola. Tra le conclusioni a cui è giunto il professor Ostinelli, oltre a sollevare critiche puntuali e a sollecitarne il suo aggiornamento, quella principale sottolinea che “DiMat è una realtà presente sul territorio ticinese, di conseguenza costituisce un punto di partenza dal quale non si può prescindere se si vuole riformare la scuola dell’obbligo”.

«Berger afferma che i contenuti di DiMat sarebbero da rivedere perché non sono esplicitamente collegati al Piano di studio, ma che in ogni caso vige la libertà didattica di ogni docente – osserva Piezzi –. Perché, dunque, permettere di utilizzare DiMat se non è in accordo con il nuovo Pds?». Di fronte a una tale situazione, indica il grancosigliere Plr, «è normale che parecchi direttori, docenti e genitori siano quantomeno disorientati e perplessi».

© Regiopress, All rights reserved