come-sara-il-ritorno-a-scuola-si-decide-entro-il-10-agosto
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
37 min

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
45 min

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
54 min

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
1 ora

’Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan di Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
2 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
2 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
3 ore

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
4 ore

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
5 ore

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
5 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
5 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
7 ore

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Mendrisiotto
16 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
16.07.2020 - 10:20

Come sarà il ritorno a scuola? Si decide entro il 10 agosto

Il Decs ha trasmesso alle sedi il Piano sull'apertura dal 31 agosto in base a due scenari (in presenza o ibrida). Si lavora alla terza ipotesi, l'insegnamento a distanza.

Entro il 10 agosto il Consiglio di Stato comunicherà quale scenario organizzativo sarà da prevedere a inizio anno scolastico. Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) in una nota stampa, in cui indica di avere trasmesso alle direzioni degli istituti scolastici cantonali e comunali il Piano sull’apertura delle scuole dal 31 agosto 2020 e un modello di piano di protezione al quale ispirarsi per redigere per tempo il piano di protezione di ogni istituto.

Il Piano sull’apertura delle scuole dal 31 agosto 2020, redatto considerando le numerose indicazioni raccolte durante la consultazione che si è tenuta tra metà giugno e inizio luglio, contiene per ogni ordine scolastico le indicazioni organizzative principali sugli scenari 1 (scuola in presenza) e 2 (scuola ibrida), che si prospettano come i più verosimili a partire dal prossimo 31 agosto, e verrà completato entro tale data con indicazioni riguardanti un possibile scenario 3 (scuola a distanza). Le principali indicazioni concernono lo scenario 2, siccome lo scenario 1 è quello ordinario, e siccome lo scenario 3 è considerato come una sola eventualità.

L’auspicio è di poter svolgere l’anno scolastico secondo lo scenario 1, ma le decisioni verranno prese man mano dal Consiglio di Stato a dipendenza dell’evoluzione dei dati inerenti alla pandemia.

I modelli di piano di protezione ai quali ispirarsi per redigere per tempo il piano di protezione di ogni istituto, come previsto dall'art. 4 dell'Ordinanza sui provvedimenti per combattere l'epidemia di COVID-19 nella situazione particolare del 19 giugno 2020, contengono degli elementi essenziali che potranno essere adattati e precisati a opera delle direzioni scolastiche a dipendenza della specifica situazione logistica dei singoli istituti.

Parallelamente a questa documentazione, il Consiglio di Stato ha scritto ai Comuni e alle Delegazioni dei consorzi scolastici informandoli in merito alle necessità organizzative di cui tener conto per quanto riguarda le scuole comunali (dell’infanzia ed elementari) in vista dell’inizio delle lezioni il 31 agosto prossimo.

Il Piano sull'apertura delle scuole dal 31 agosto 2020 e i modelli di piano di protezione sono consultabili sulla pagina www4.ti.ch/decs/apertura-scuole/.

Uso delle mascherine

I modelli di piano di protezione allo stato attuale non ne prevedono un uso obbligatorio da parte degli allievi, né delle scuole dell’obbligo, né di quelle post obbligatorie. Per i docenti è previsto che l’uso delle mascherine sarà facoltativo nelle aule scolastiche, mentre sarà obbligatorio negli spazi condivisi (corridoi, aula docenti e all’entrata e uscita da scuola).
L’introduzione di un parziale obbligo d’uso della mascherina per i docenti, differentemente da quanto in vigore dal 11 maggio al 19 giugno nelle scuole dell’obbligo, è la conseguenza delle esperienze fatte in altri cantoni della Svizzera, nei quali si sono verificati casi di contagio all’interno degli istituti scolastici. Nella quasi totalità dei casi il contagio è stato dovuto a insegnanti positivi al virus e si è espanso nel quadro degli incontri negli spazi comuni e nelle aule docenti, per cui appare giudizioso tenere conto di questi precedenti, che se non gestiti adeguatamente possono condurre alla chiusura della scuola e alla quarantena per docenti e allievi.

Paesi a rischio

Il Consiglio federale ha decretato a partire dal 6 luglio 2020 l’obbligo di quarantena di dieci giorni per chi entra o rientra in Svizzera da uno Stato o regione con rischio elevato di contagio da COVID-19, un obbligo previsto dalla Legge federale sulle epidemie. L’elenco dei Paesi e delle regioni a rischio è riportato nell’allegato 1 all’Ordinanza 3 sui provvedimendi per combattere il coronavirus (COVID-19) e viene costantemente aggiornato sulle pagine del Dipartimento federale degli affari esteri.
Si fa appello alla responsabilità individuale di tutti e si sconsiglia fortemente alle famiglie degli allievi e agli allievi maggiorenni di soggiornare in tali Paesi, in quanto ciò rappresenterebbe un rischio non solo per sé stessi, ma anche per gli altri. Se un allievo dovesse comunque soggiornare in Paesi considerati a rischio, la sua famiglia o egli stesso, se maggiorenne, dovrà assumersi la responsabilità della conseguente quarantena al rientro.

Prossimi passi

Il Decs allestirà un documento complementare inerente allo scenario 3, che sarà oggetto di una consultazione durante il mese di agosto e sarà pronto per il 31 agosto. Inoltre, il Dipartimento trasmetterà direttamente ai docenti prima dell’inizio dell’anno scolastico delle schede che riprenderanno parte dei contenuti del Piano sull’apertura delle scuole dal 31 agosto 2020 e conterranno indicazioni supplementari di carattere pedagogico-didattico a loro indirizzate.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved