Napoli
Arsenal
21:00
 
Valencia
Villarreal
21:00
 
Eintracht Frankfurt
Benfica
21:00
 
Chelsea
Slavia Praha
21:00
 
Zugo
0
Berna
0
pausa
(0-0)
Napoli
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Arsenal
Ultimo aggiornamento: 18.04.2019 20:33
Valencia
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Villarreal
Ultimo aggiornamento: 18.04.2019 20:33
Eintracht Frankfurt
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Benfica
Ultimo aggiornamento: 18.04.2019 20:33
Chelsea
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Slavia Praha
Ultimo aggiornamento: 18.04.2019 20:33
Zugo
LNA
0 - 0
pausa
0-0
Berna
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.04.2019 20:33
Ti-Press
Ticino
08.02.2019 - 16:290

Su Baragiola Lojacono è ancora polemica

Un'interpellanza di Bignasca (Lega), Ducry (Ps/indipendente) e Gaffuri (Plr) chiede al governo ulteriori chiarimenti sulla situazione del latitante italiano

"Negli elenchi dei latitanti italiani fuggiti all’estero durante o dopo gli Anni di piombo, figura anche Alvaro Baragiola Lojacono, condannato per due assassini (di un giudice e un militante di destra negli anni '70). Fuggito in Svizzera, ricevette il passaporto rossocrociato e rifiutò quello italiano, così da non poter essere estradato. Ha vissuto in Ticino per diversi anni, è stato arrestato a Lugano l’8 giugno 1988 e fu condannato per il caso Tartaglione". Lo ricordano, in un'interpellanza inoltrata oggi al Consiglio di Stato, Boris Bignasca (Lega), Jacques Ducry (Ps/indipendente) e Sebastiano Gaffuri (Plr). Ora, insistono i tre deputati "sembrerebbe che lavori per un’università svizzera (Friborgo) in qualità di “esperto su temi di sicurezza e conflitti” (e non è sarcasmo!). A prescindere dalle richieste italiane di estradizione, sulle quali si dovranno chinare gli organi di competenza, a noi preme fare chiarezza sul trascorso in Ticino, sulla concessione di naturalizzazione e sulle responsabilità politiche assunte dai responsabili di allora".

Pertanto, Bignasca, Ducry e Gaffuri chiedono al governo:

1)    Chi fu Consigliere di Stato a capo del Dipartimento di Polizia, degli Interni e di Giustizia ai tempi dell’accaduto?

2)    Quali erano i rapporti tra l’allora Governo, rispettivamente i singoli Consiglieri di Stato e la famiglia Baragiola?

3)    Come è possibile che un terrorista ricercato internazionalmente abbia ricevuto il passaporto svizzero? Quali verifiche vennero svolte?

4)    Per quali capi d’accusa è stato processato e condannato Baragiola in Svizzera?

5)    Vi sono stati altri procedimenti oltre a quello per cui è stato processato, aperti nei suoi confronti in Svizzera? In caso affermativo, come si sono chiusi? Rispettivamente vi sono incarti ancora aperti nei suoi confronti?

Tags
baragiola
svizzera
gaffuri
bignasca
ducry
baragiola lojacono
governo
© Regiopress, All rights reserved