ULTIME NOTIZIE Cantone
Chiasso
1 ora

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d'Italia
1 ora

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della Polizia dell’enclave
Mendrisiotto
2 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare.
Bellinzonese
2 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
3 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
3 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
3 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
3 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
3 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
3 ore

I numeri vincenti della lotteria del carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
3 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
5 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
8 ore

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
8 ore

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Mendrisiotto
14 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
15 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
laR
 
12.09.2022 - 05:25
Aggiornamento: 20.09.2022 - 17:35

I fossili del Monte San Giorgio... escono dal museo

Con un’importante valorizzazione e un’atipica aula didattica, nuova veste per gli scavi paleontologici di Meride, che diventano ancor più accessibili

i-fossili-del-monte-san-giorgio-escono-dal-museo
Avvicinare le persone alla cultura dei fossili

Un tuffo nel mare del Triassico, fuori dalle mura museali. Dopo alcuni anni di lavoro, ci siamo: la Fondazione Monte San Giorgio è pronta a presentare al pubblico il grosso progetto di rivalorizzazione del territorio portato avanti, a quasi un secolo dall’avvio dei primi scavi, tramite la sistemazione dello scavo paleontologico di Acqua del Ghiffo a Meride e la realizzazione di un’atipica aula didattica a Carpanee. Ne abbiamo parlato con il site manager della Fondazione, Daniele Albisetti.

Un valore aggiunto rispetto al museo

«Il nostro obiettivo è valorizzare e proteggere gli affioramenti fossiliferi. Un compito peraltro assegnatoci dall’Unesco (il Monte è uno dei tre siti cantonali protetti, ndr). Abbiamo quindi creato una serie di postazioni esterne al Museo dei fossili, di modo che i visitatori e la popolazione possano far un po’ proprio il valore eccezionale del Monte San Giorgio, cercando di comprendere in autonomia. Lo scopo finale è proteggere, salvaguardare e tramandare il patrimonio alle generazioni future». Uno scopo che si può raggiungere in due modi, spiega Albisetti: «Con dei divieti, e infatti c’è una legge cantonale che vieta la raccolta di fossili. Ma anche facendo capire alla popolazione che quel luogo è speciale. Per questo è importante che si crei una sorta di identificazione del visitatore nei confronti del valore del luogo. Tutte queste postazioni esterne hanno un valore aggiunto rispetto al Museo, che è un luogo chiuso con un biglietto d’entrata».

Concretamente, «il nostro lavoro di valorizzazione dello scavo è consistito nel togliere tutta la copertura vegetativa, nel levare tutti i detriti che si sono accumulati nel corso dei decenni, per rimettere in luce gli affioramenti di roccia. Quindi ora questi si presentano nella loro versione originale, così come erano al termine delle ultime campagne di scavo nel Novecento. Gli strati sono tutti numerati ed è così possibile capire come sono avanzati gli scavi. Abbiamo poi posizionato dei pannelli didattici con degli schizzi dello scavo con indicate le diverse formazioni di roccia. Un modo per riportare quel mare di 240 milioni di anni fa ad Acqua del Ghiffo».

Tutto l’occorrente per cimentarsi nel mestiere di paleontologo, in autonomia

Albisetti ricorda che si tratta dell’unico posto in Ticino che permette ai giovani di cimentarsi nel mestiere del paleontologo grazie agli scarti fossiliferi degli scavi effettuati nel secolo scorso. Qualcosa che di per sé era fattibile già in passato, facciamo notare. «Sì, ma esclusivamente con visite guidate. Adesso cambia il paradigma. Alle postazioni ci sono anche delle lenti, degli occhiali, dei martelli, tutto l’occorrente per mettersi alla prova. Ci sono anche delle indicazioni su come procedere. Tutti i pannelli sono pensati per ragazzi di scuole elementari e medie, contenuti semplici che funzionano bene anche per gli adulti». Ticinesi e non: tutte le indicazioni sono scritte infatti nelle tre lingue nazionali e in inglese.

Rivolto anche ai turisti

E d’altra parte, il target è anche turistico. «Assolutamente. In effetti, già oggi il 54% dei visitatori al Museo dei fossili è germanofono. Queste postazioni hanno un valore aggiunto perché aumentano l’attrattività della visita a Meride. Acqua del Ghiffo si trova sul sentiero geo-paleontologico del Monte San Giorgio, fra Meride (a 40 minuti a piedi) e Serpiano (a 10 minuti), adatto alle famiglie sia per lunghezza sia per dislivello. Spesso ci andiamo con le scolaresche che vengono in visita al museo». Alla località sono state allestite anche una zona pic-nic e una lavagna a gesso. Ma la definizione di aula didattica è «un po’ impropria, perché si tratta di un vero e proprio museo a cielo aperto. È fruibile da chiunque tutto l’anno, giorno e notte. E la fruizione è dall’esterno all’interno: non si entra nell’aula, ma attraverso dei fori si osservano i contenuti all’interno. C’è la ricostruzione dei fossili e l’immagine fisica del mare come era allora».

Circa 200’000 franchi di investimento

Sabato 17 settembre dunque si terrà l’inaugurazione ufficiale che prevede un’escursione guidata facoltativa con partenza alle 14 da Meride e gli interventi istituzionali alle 16 ad Acqua del Ghiffo. Interverranno: il presidente della Fondazione Pascal Cattaneo, il consigliere di Stato Raffaele De Rosa, il sindaco di Mendrisio Samuele Cavadini, l’architetto Pietro Rusconi e Albisetti stesso. «È il coronamento di un percorso: per noi sono stati dei lavori molto impegnativi, anche finanziariamente». Il costo totale è di circa 200’000 franchi: la Fondazione, ente gestore del sito del patrimonio mondiale Unesco, oltre a essere progettista ha anche contribuito in modo sostanziale dal profilo finanziario. Altre importanti sovvenzioni sono arrivate dall’Ufficio federale dell’ambiente, del Fondo paleontologico Bernhard Peyer, e dall’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio.

L’anno prossimo la messa in rete di tutte le località del San Giorgio

Un percorso che, tuttavia, non si conclude sabato prossimo. «Proprio così: nella primavera del 2023 tutte le principali località di valore storico-culturale sul Monte San Giorgio, compresa Acqua del Ghiffo, verranno messe in rete – svela Albisetti –. È un progetto molto grande che stiamo sviluppando con la Supsi e sarà un percorso escursionistico fruibile attraverso un’app con contenuti in realtà aumentata, che andrà a unire in maniera logica le varie postazioni. Dalle cave di Arzo a Serpiano, passando il villaggio di Meride e il parco archeologico di Tremona»: un ulteriore tassello per togliere le barriere alla cultura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved