ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
24 min

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
25 min

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
3 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
5 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
5 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
6 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
6 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
7 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
7 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
7 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
laR
 
12.09.2022 - 05:25
Aggiornamento: 20.09.2022 - 17:35

I fossili del Monte San Giorgio... escono dal museo

Con un’importante valorizzazione e un’atipica aula didattica, nuova veste per gli scavi paleontologici di Meride, che diventano ancor più accessibili

i-fossili-del-monte-san-giorgio-escono-dal-museo
Avvicinare le persone alla cultura dei fossili

Un tuffo nel mare del Triassico, fuori dalle mura museali. Dopo alcuni anni di lavoro, ci siamo: la Fondazione Monte San Giorgio è pronta a presentare al pubblico il grosso progetto di rivalorizzazione del territorio portato avanti, a quasi un secolo dall’avvio dei primi scavi, tramite la sistemazione dello scavo paleontologico di Acqua del Ghiffo a Meride e la realizzazione di un’atipica aula didattica a Carpanee. Ne abbiamo parlato con il site manager della Fondazione, Daniele Albisetti.

Un valore aggiunto rispetto al museo

«Il nostro obiettivo è valorizzare e proteggere gli affioramenti fossiliferi. Un compito peraltro assegnatoci dall’Unesco (il Monte è uno dei tre siti cantonali protetti, ndr). Abbiamo quindi creato una serie di postazioni esterne al Museo dei fossili, di modo che i visitatori e la popolazione possano far un po’ proprio il valore eccezionale del Monte San Giorgio, cercando di comprendere in autonomia. Lo scopo finale è proteggere, salvaguardare e tramandare il patrimonio alle generazioni future». Uno scopo che si può raggiungere in due modi, spiega Albisetti: «Con dei divieti, e infatti c’è una legge cantonale che vieta la raccolta di fossili. Ma anche facendo capire alla popolazione che quel luogo è speciale. Per questo è importante che si crei una sorta di identificazione del visitatore nei confronti del valore del luogo. Tutte queste postazioni esterne hanno un valore aggiunto rispetto al Museo, che è un luogo chiuso con un biglietto d’entrata».

Concretamente, «il nostro lavoro di valorizzazione dello scavo è consistito nel togliere tutta la copertura vegetativa, nel levare tutti i detriti che si sono accumulati nel corso dei decenni, per rimettere in luce gli affioramenti di roccia. Quindi ora questi si presentano nella loro versione originale, così come erano al termine delle ultime campagne di scavo nel Novecento. Gli strati sono tutti numerati ed è così possibile capire come sono avanzati gli scavi. Abbiamo poi posizionato dei pannelli didattici con degli schizzi dello scavo con indicate le diverse formazioni di roccia. Un modo per riportare quel mare di 240 milioni di anni fa ad Acqua del Ghiffo».

Tutto l’occorrente per cimentarsi nel mestiere di paleontologo, in autonomia

Albisetti ricorda che si tratta dell’unico posto in Ticino che permette ai giovani di cimentarsi nel mestiere del paleontologo grazie agli scarti fossiliferi degli scavi effettuati nel secolo scorso. Qualcosa che di per sé era fattibile già in passato, facciamo notare. «Sì, ma esclusivamente con visite guidate. Adesso cambia il paradigma. Alle postazioni ci sono anche delle lenti, degli occhiali, dei martelli, tutto l’occorrente per mettersi alla prova. Ci sono anche delle indicazioni su come procedere. Tutti i pannelli sono pensati per ragazzi di scuole elementari e medie, contenuti semplici che funzionano bene anche per gli adulti». Ticinesi e non: tutte le indicazioni sono scritte infatti nelle tre lingue nazionali e in inglese.

Rivolto anche ai turisti

E d’altra parte, il target è anche turistico. «Assolutamente. In effetti, già oggi il 54% dei visitatori al Museo dei fossili è germanofono. Queste postazioni hanno un valore aggiunto perché aumentano l’attrattività della visita a Meride. Acqua del Ghiffo si trova sul sentiero geo-paleontologico del Monte San Giorgio, fra Meride (a 40 minuti a piedi) e Serpiano (a 10 minuti), adatto alle famiglie sia per lunghezza sia per dislivello. Spesso ci andiamo con le scolaresche che vengono in visita al museo». Alla località sono state allestite anche una zona pic-nic e una lavagna a gesso. Ma la definizione di aula didattica è «un po’ impropria, perché si tratta di un vero e proprio museo a cielo aperto. È fruibile da chiunque tutto l’anno, giorno e notte. E la fruizione è dall’esterno all’interno: non si entra nell’aula, ma attraverso dei fori si osservano i contenuti all’interno. C’è la ricostruzione dei fossili e l’immagine fisica del mare come era allora».

Circa 200’000 franchi di investimento

Sabato 17 settembre dunque si terrà l’inaugurazione ufficiale che prevede un’escursione guidata facoltativa con partenza alle 14 da Meride e gli interventi istituzionali alle 16 ad Acqua del Ghiffo. Interverranno: il presidente della Fondazione Pascal Cattaneo, il consigliere di Stato Raffaele De Rosa, il sindaco di Mendrisio Samuele Cavadini, l’architetto Pietro Rusconi e Albisetti stesso. «È il coronamento di un percorso: per noi sono stati dei lavori molto impegnativi, anche finanziariamente». Il costo totale è di circa 200’000 franchi: la Fondazione, ente gestore del sito del patrimonio mondiale Unesco, oltre a essere progettista ha anche contribuito in modo sostanziale dal profilo finanziario. Altre importanti sovvenzioni sono arrivate dall’Ufficio federale dell’ambiente, del Fondo paleontologico Bernhard Peyer, e dall’Ente regionale per lo sviluppo del Mendrisiotto e Basso Ceresio.

L’anno prossimo la messa in rete di tutte le località del San Giorgio

Un percorso che, tuttavia, non si conclude sabato prossimo. «Proprio così: nella primavera del 2023 tutte le principali località di valore storico-culturale sul Monte San Giorgio, compresa Acqua del Ghiffo, verranno messe in rete – svela Albisetti –. È un progetto molto grande che stiamo sviluppando con la Supsi e sarà un percorso escursionistico fruibile attraverso un’app con contenuti in realtà aumentata, che andrà a unire in maniera logica le varie postazioni. Dalle cave di Arzo a Serpiano, passando il villaggio di Meride e il parco archeologico di Tremona»: un ulteriore tassello per togliere le barriere alla cultura.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved