ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
3 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
5 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
5 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
6 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
6 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
6 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
6 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
7 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
7 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
8 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
8 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
8 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
8 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
22.07.2022 - 19:34
Aggiornamento: 20:13

Lastminute.com, l’Ocst: ‘Preoccupati per il personale’

Il sindacato chiede un incontro all’azienda nel mirino degli inquirenti per sospetta truffa sul lavoro ridotto. Il sindaco di Chiasso: ‘Siamo sorpresi’

lastminute-com-l-ocst-preoccupati-per-il-personale
Ti-Press
Da quasi due anni in smart working

Richiesta di carcerazione per i vertici dell’azienda, sette milioni di franchi bloccati. Sono poco confortanti le notizie che giungono sul fronte dell’inchiesta che riguarda tre controllate della Lastminute.com Group (LM Group) di Chiasso, sospettate di truffa nell’ambito delle indennità Covid. I più preoccupati, naturalmente, sono i dipendenti stessi e chi li tutela. «Chiaramente adesso c’è preoccupazione per il personale», ci dice il segretario regionale del Mendrisiotto per l’Ocst, Giorgio Fonio. «Sì, alcuni dei dipendenti li abbiamo già sentiti. C‘è incertezza, c’è disorientamento, c’è preoccupazione per il futuro. Da parte di alcuni dipendenti c’è anche la paura di perdere il posto di lavoro».

Lo smart working aumenta l’incertezza

Una paura giustificata? «Non lo sappiamo – replica il sindacalista –. Si tratta di un’azienda molto importante, di respiro internazionale. I timori sono però giustificati: oltre all’inchiesta in corso, ricordiamo che sono stati due anni molto duri per il settore, nel quale il lavoro è calato parecchio. È da quando è iniziata la pandemia che il grosso del personale non è più in azienda, ma in smart working. E probabilmente, il fatto di lavorare a distanza in una situazione come questa, aumenta ulteriormente l’incertezza».

‘Abbiamo sollecitato un incontro’

Per queste ragioni, l’Organizzazione cristiano-sociale ticinese intende restare a fianco dei dipendenti. «Proprio così. Diversi dipendenti sono iscritti al sindacato e hanno una commissione interna del personale. Abbiamo sollecitato un incontro, che riteniamo abbastanza urgente, per fare il punto della situazione. Bisognerà capire chi saranno gli interlocutori, visto che l’inchiesta tocca i massimi vertici del gruppo. C’è chiaramente grande attesa per capire quale sarà l’esito dell’inchiesta. Ma la nostra priorità, per il bene dei dipendenti, è che sia garantita la solidità dell’azienda».

Arrigoni: ‘Siamo sorpresi’

Oltre al mondo sindacale, anche le istituzioni politiche stanno seguendo da vicino il caso. «Certamente, per Chiasso è un’azienda molto importante, prima della pandemia avevano circa 500 dipendenti, oggi forse meno... – conferma il sindaco Bruno Arrigoni –. Siamo rimasti francamente sorpresi, come tutti penso, da questa notizia. Prima, oltre allo stabile (in corso San Gottardo, ndr) occupato attualmente, erano in affitto anche su un paio di piani dello stabile di fronte. Poi si sono interessati al Centro Ovale, c’era già un interessante progetto. Insomma, è un’azienda che conosciamo da molti anni. Siamo preoccupati, visto il peso del gruppo, ma francamente eravamo ancor più preoccupati durante il periodo di pandemia, dato il loro settore d’attività. Durante questi due anni difficili abbiamo avuto un paio di colloqui. Al momento invece non gli abbiamo scritto, aspettiamo l’esito dell’inchiesta».

Quattro carcerazioni preventive

Come confermato stamattina dall’azienda stessa, per cinque dei sette fermati è stata chiesta la carcerazione preventiva. Fra loro, l’amministratore delegato e altri quattro dirigenti. Le ipotesi di reato sono sempre di frode, richiesta illegale di prestazioni di sicurezza sociale o di assistenza sociale e di violazione della legge svizzera sull’assicurazione contro la disoccupazione. Alla richiesta del procuratore pubblico Claudio Luraschi, il Giudice dei provvedimenti coercitivi (Gpc) ha confermato la carcerazione preventiva, che può essere per un massimo di tre mesi, a quattro degli imputati. Lo ha confermato in serata il Ministero pubblico, sottolineando che si tratta di persone fra i 57 e i 33 anni e che un quinto imputato è stato scarcerato secondo valutazione del magistrato stesso. Altri due imputati erano stati rilasciati già precedentemente invece. Significa che, pur restando imputati, per loro tre non è stato ravvisato nessuno dei tre seguenti rischi: collisione, recidiva, fuga. Oppure, il loro grado di responsabilità è stato giudicato tale, da non giustificarne un’incarcerazione. Di giornata, infine, anche la notizia sui sette milioni bloccati. Soldi che, in inchieste per reati finanziari come questa, vengono bloccati affinché si possa attingere da loro per una restituzione, qualora venissero effettivamente confermati dei reati. La massa complessiva di fondi Covid erogati fra marzo 2020 e febbraio 2022 è stata di 28,5 milioni di franchi, denaro al vaglio degli inquirenti per capire quale parte è frutto di eventuali illeciti. Nel mirino del Ministero pubblico, ricordiamo infine, sono finite tre controllate del gruppo attivo nel settore dei viaggi online: BravoNext, BravoMeta Ch e LMNext Ch.

Leggi anche:

Lastminute.com, 5 richieste di custodia cautelare

LM Group indagata per frode sul lavoro ridotto, 7 fermi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved