porto-il-figlio-in-egitto-senza-consenso-pena-ridotta
La protesta lo scorso dicembre di fronte al Palazzo di giustizia a Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
3 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
3 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
4 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
4 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
4 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
4 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
5 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
5 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
6 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
27.06.2022 - 11:47
Aggiornamento: 17:43

Portò il figlio in Egitto senza consenso, pena ridotta

La Corte di appello e revisione penale ha riconosciuto il sincero pentimento a Salah Hassan, condannandolo a 180 aliquote sospese per due anni

Pena ridotta in Appello per Salah Hassan, il padre che nel 2015 portò con sé in Egitto il figlio di neanche 6 anni senza il consenso della madre e facendolo sparire dai radar per diversi mesi. La Corte di appello e revisione penale (Carp) di Locarno, presieduta da Giovanna Roggero-Will, gli ha infatti riconosciuto l’attenuante del sincero pentimento, condannandolo così a una pena pecuniaria: 180 aliquote da 30 franchi sospese condizionalmente per due anni. Altrettanto sospesi erano stati anche i sedici mesi di detenzione inflitti invece da Francesca Verda Chiocchetti, presidente della Corte delle Assise correzionali di Mendrisio nel 2020, contro la quale l’uomo ha ricorso.

No al proscioglimento

Una vittoria dunque, ma solo parziale, in quanto la difesa – rappresentata dall’avvocato Stefano Pizzola – aveva chiesto l’esenzione di pena e quindi di fatto il proscioglimento e solo in via subordinata il riconoscimento dell’attenuante del sincero pentimento. Per la Carp tuttavia i presupposti per l’esenzione di pena non sono stati dati. L’articolo 54 del Codice penale prevede infatti che "se l’autore è stato così duramente colpito dalle conseguenze dirette del suo atto che una pena risulterebbe inappropriata, l’autorità competente prescinde dal procedimento penale, dal rinvio a giudizio o dalla punizione". Secondo la Corte locarnese non è questo il caso però: Hassan ha sì sofferto, ma non tanto a causa delle conseguenze dirette dei suoi atti, quanto piuttosto a causa delle conseguenze delle decisioni prese dall’autorità civile che regolava i rapporti fra lui e il bambino.

L’Egitto non ha firmato la Convenzione dell’Aia

Semaforo verde invece per l’attenuante del sincero pentimento. Il motivo? Hassan ha riportato spontaneamente il figlio in Ticino, dato che si è reso conto di quanto fosse importante per il bambino il rapporto anche con la madre. Un gesto non scontato: l’Egitto infatti non ha sottoscritto la Convenzione sugli aspetti civili del rapimento internazionale dei minori del 25 ottobre 1980, meglio nota come Convenzione dell’Aia, che disciplina su scala globale le questioni relative alle sottrazioni di minori fornendo un quadro legale di riferimento. In tale contesto, l’iniziativa individuale è quindi da considerare in maniera positiva. A quest’aspetto, se ne sono aggiunti altri due favorevoli per l’imputato: il fatto che dal suo rientro in Svizzera abbia collaborato attivamente con gli inquirenti e il fatto che da questi fatti, dai quali sono ormai trascorsi diversi anni, non abbia più interessato la giustizia penale.

Vicenda vecchia di sette anni

La vicenda, ricordiamo, risale a sette anni fa. Nel 2015 Hassan portò il piccolo Marwan nel suo Paese d’origine. Lì rimase per poco meno di un anno e per la metà di questo periodo fece perdere le proprie tracce e quelle del bambino, impedendo così alla madre, una svizzera del Mendrisiotto, i contatti col figlio. All’origine del rapimento, oltre ai tesi rapporti con la donna, una malattia dermatologica del bambino. Male, del quale l’imputato non era adeguatamente informato a causa del divorzio litigioso con la compagna, e che lo ha portato in definitiva a partire per l’Egitto per far curare il figlio. Tutto considerato, Pizzola si è battuto per il proscioglimento e in seconda battuta per una pena al massimo di 90 aliquote. Il procuratore pubblico Pablo Fäh invece aveva chiesto in Appello la stessa pena già ipotizzata in primo grado: ventiquattro mesi. Per la pubblica accusa, la reale motivazione della partenza sarebbe stata infatti la volontà di dettare lui stesso le condizioni sul diritto di visita.

Diritti di visita contestati

Proprio questi ultimi sono stati poi la causa scatenante delle manifestazioni di protesta inscenate da Hassan stesso poco prima del Natale 2021 davanti al Palazzo di giustizia a Lugano e all’Arp (Autorità regionale di protezione) di Mendrisio, in quanto aveva subito la revoca dei diritti di visita per un lungo periodo prima e dopo i fatti. E anche la madre del ragazzo, alcuni anni prima, aveva manifestato a sua volta davanti alla Manor di Lugano con la foto del figlio per denunciarne il rapimento. Questioni di carattere civile tuttavia, tuttora aperte. Quelle penali, ricorsi permettendo, sembrano invece chiudere una vicenda che dura da oltre sette anni.

Leggi anche:

Portò il figlio in Egitto senza permesso: il caso in Appello

‘Non vedo mio figlio da 4 anni’, protesta a Lugano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved