porto-il-figlio-in-egitto-senza-permesso-il-caso-in-appello
La protesta dell’imputato lo scorso dicembre a Lugano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
9 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
9 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
9 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
9 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
9 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
10 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
10 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
10 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
11 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
11 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
11 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
11 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
11 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
12 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
12 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
08.04.2022 - 19:08
Aggiornamento: 19:31

Portò il figlio in Egitto senza permesso: il caso in Appello

Alla Corte locarnese Salah Hassan, condannato nel 2020 per sottrazione di minore. La difesa chiede una sostanziosa riduzione di pena.

Un padre preoccupato per il proprio bambino o un uomo egoista insensibile alle necessità del figlio? Si è sostanzialmente discusso di questo, stamattina, alla Corte di appello e revisione penale (Carp) di Locarno. Il caso è noto alle cronache: imputato è Salah Hassan, padre del piccolo Marwan, che nel 2015 portò con sé il figlio di neanche 6 anni nel proprio Paese d’origine. Per quasi un anno l’uomo è rimasto in Egitto e per la metà di questo periodo ha fatto perdere del tutto le proprie tracce, impedendo di fatto alla madre, una svizzera residente nel Mendrisiotto, qualsiasi contatto. Per questo, nel 2020 la Corte delle assise correzionali di Mendrisio lo ha condannato a sedici mesi sospesi condizionalmente.

L’accusa smonta le attenuanti

«Chiedo che la pena venga aumentata a ventiquattro mesi» ha esordito il procuratore pubblico Pablo Fäh. «In primo grado la colpa è stata considerata medio-grave e dal mio punto di vista invece è grave, in quanto il comportamento successivo alla sentenza aggrava la posizione dell’imputato». La sua colpa sarebbe grave sia dal profilo oggettivo che soggettivo. «Ha sequestrato Marwan per quasi un anno, sradicandolo dal suo ambiente, facendo perdere per sei mesi le sue tracce, ha agito in modo egoista e premeditato. Di favorevole, unicamente, c’è il fatto che ha iniziato una terapia sebbene non l’abbia seguita con regolarità». Per Fäh, l’attenuante della grave angustia non può essere presa in considerazione: «Non ha agito con impeto, bensì pianificando. Inoltre, era un periodo nel quale il pretore aveva aumentato i diritti di visita. Sapeva che avrebbe dovuto avere pazienza, riconquistando fiducia di moglie e autorità. E se le decisioni prese dal pretore o dall’Arp non gli andavano bene, aveva delle alternative: poteva impugnarle». Stessa cosa per l’attenuante del sincero pentimento: «Dopo l’accaduto non ha minimamente dimostrato di aver capito la gravità dei fatti, nei verbali non c’è una volta la parola ‘scusa’».

‘Umilianti i diritti di visita sorvegliati’

«C’è tutto un percorso che porta al ravvedimento – la tesi invece del legale Stefano Pizzola –, chiedo quindi che venga riconosciuto il sincero pentimento». Durante l’arringa, la difesa ha ricostruito le ragioni che hanno portato Hassan a portare il figlio in Egitto. «È stato un divorzio litigioso. È una storia di dolore, senza voler sminuire quello della signora, bisogna dire che entrambi hanno sofferto molto. Con il divorzio, all’imputato vengono imposti i diritti di visita, ma sorvegliati, che sono umilianti. Prende diversi colpi e in lui si fa largo un senso di frustrazione e di ingiustizia: le autorità giudiziarie civili danno sempre ragione alla madre. In quel periodo Salah inizia a manifestare il desiderio di portarlo in Egitto. Si aggiunge a queste problematiche la dermatite del bambino».

Il bambino era in cura in Ticino, ma lui non lo sapeva

Proprio la malattia del bambino è un elemento centrale della vicenda. «L’ex moglie non aveva adeguatamente informato l’imputato delle condizioni di salute del figlio, così quando ha visto le lenzuola insanguinate per lui è stato uno choc – ha detto Pizzola –. Lenzuola che poi ha persino portato in Pretura. In questo stato di angoscia è partito per l’Egitto: non sapeva che andasse dal medico, aveva una visione molto grave della situazione di suo figlio. Credeva che partire fosse l’unica soluzione. E in effetti Marwan in Egitto è stato curato e quando è tornato stava innegabilmente meglio». Salah sostiene infatti di essere partito per poter curare il figlio. «La documentazione medica agli atti dimostra però che il bambino era in cura in Ticino – la precisazione di Fäh –. Se fosse stata la reale motivazione non avrebbe avuto bisogno di restare in Egitto per quasi un anno e facendo perdere le sue tracce. La reale motivazione che emerge dagli atti e dal suo agire è che voleva dettare lui le condizioni sul diritto di visita con la madre del bambino. Non voleva che nessuno gli dicesse quando e come vedere suo figlio».

Accusa: ‘Ha messo in piazza i problemi del figlio’; Difesa: ‘Anche la moglie’

Altro punto delicato, i diritti di visita. Punto che ha portato Salah anche a inscenare una protesta lo scorso 23 dicembre davanti al Palazzo di giustizia di Lugano e all’Arp di Mendrisio. «È vero che prima dei fatti e per un lungo periodo i diritti di visita gli erano stati revocati, ma è perché continuava a non rispettare le disposizioni che gli venivano date. Inoltre, una volta tornato, si è fatto intervistare raccontando la sua versione, ha messo in piazza i problemi del figlio minorenne: non sono comportamenti esemplari» secondo il pp. «Applaudire sarcasticamente all’assistente sociale è un motivo sufficiente per togliere un diritto di visita? – si è chiesto invece Pizzola –. Mi sembra sproporzionato. E ricordo che a suo tempo anche l’accusatrice privata (l’ex moglie, ndr) aveva fatto delle manifestazioni davanti alla Manor con la foto... non mi sembra corretto rimproverargli questo comportamento. E oggi effettivamente Hassan non vede suo figlio da cinque anni e leggendo la sentenza dell’Arp sembrerebbe che l’intenzione sia di non farglielo vedere più. Ha quindi già subito gravi conseguenze per i suoi atti».

La difesa ha pertanto chiesto una sostanziosa riduzione di pena rispetto al primo grado, quando la giudice Francesca Verda Chiocchetti gli ha inflitto sedici mesi sospesi condizionalmente: «Al massimo una pena di novanta aliquote». Ventiquattro i mesi chiesti invece dalla pubblica accusa, pena che Fäh aveva proposto già in primo grado, senza opporsi alla sospensione condizionale ma per un periodo di prova di quattro anni. A decidere sarà la Corte, composta da Giovanna Roggero-Will (presidente), Rosa Item e Attilio Rampini (giudici a latere).

Leggi anche:

‘Non vedo mio figlio da 4 anni’, protesta a Lugano

'Caso Marwan', condannato il padre che portò il figlio in Egitto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved