ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
6 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
7 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
7 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
8 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
8 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
9 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
9 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
9 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
9 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
9 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
9 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
laR
 
16.06.2022 - 21:26
Aggiornamento: 17.06.2022 - 09:43

A Festate un viaggio nella gastronomia multietnica

L’area culinaria curata da donne di differenti comunità presenti a Chiasso sarà in piazza Indipendenza. Abbiamo parlato con loro

a-festate-un-viaggio-nella-gastronomia-multietnica
archivio Ti-Press
Appuntamento in piazza Indipendenza

Alcuni, come il cous cous o i falafel, sono ormai ampiamente sdoganati anche alle nostre latitudini. La gastronomia etnica è una parte integrante di Festate, il festival di culture e musiche dal mondo, in programma venerdì 17 e sabato 18 giugno a Chiasso. Per questa edizione l’appuntamento con la cultura culinaria sarà in piazza Indipendenza, dove – dalle 16 alla 1 di notte – sarà allestita un’area appositamente dedicata alla gastronomia multietnica. Un’occasione da sempre molto apprezzata per conoscere e scoprire realtà legate alle differenti comunità presenti a Chiasso, coinvolgendo le donne. A farsi promotore dell’iniziativa – così come del mercatino con 50 espositori che si svilupperà su Corso San Gottardo – è la Società commercianti del Mendrisiotto (Scm).

Fulcro in piazza Indipendenza

A poche ore dal debutto, abbiamo assistito all’ultima riunione tra organizzatori e partecipanti. La voglia di mettersi ai fornelli, così come di mettersi in gioco, è molta. «Qualche mese fa, partecipando a una riunione organizzativa, abbiamo scoperto che la parte di Festate dedicata al cibo etnico non sarebbe stata organizzata perché le persone che abitualmente se ne occupano sono impegnate con i profughi ucraini – sono state le parole di Roberta Donadini, responsabile del mercato con Alan Cavadini –. Ho quindi deciso di mettermi a disposizione gratuitamente per non dovere rinunciare a un settore sempre molto apprezzato». A essere cambiata è la location: non più il piazzale dietro l’Age – dove sarà attivo il Carnevale Nebiopoli – ma la piazza Indipendenza, dove ci saranno due file di tavoli che proporranno le varie pietanze (in ogni punto i piatti saranno in vendita a 12 franchi; mentre i dolci costeranno 5 franchi), panche e tavoli dove gli avventori potranno cenare e altre realtà, come Sos Ticino impegnato nella Giornata del rifugiato, e altre Ong che, oltre a presentarsi, si occuperanno della mescita o proporranno varie attività che andranno a sostenere i rispettivi progetti.

C’è chi si prepara al debutto

Tra una raccomandazione e un dettaglio organizzativo, abbiamo avvicinato qualche protagonista. Tra chi si presenterà a Festate per la prima volta ci sono Hanane e sua figlia Kenza, arrivate a Chiasso nel 2012 dal Marocco. «Chiasso mi piace, così come mi piace l’idea di mostrare la nostra cultura – ci spiega Hanane –. Per me è un’esperienza: mi piace cucinare e lo faccio anche per le persone che me lo chiedono. Preparerò il cous cous, una zuppa marocchina, tè alla menta e biscotti tipici». Kenza aggiunge che «la mamma vuole fare questa esperienza per farsi conoscere perché magari più avanti vorrebbe avere una sua attività alimentare». Anche per Palmo, tibetana da 7 anni a Chiasso («ma prima abitavo a Lugano»), dove lavora in casa anziani, sarà la prima esperienza diretta. «Ero già stata a Festate per accompagnare un amico. Mi piace cucinare: preparerò il momo tibetano a base di carne di manzo. L’esperienza mi servirà per conoscere gente: voglio raccontare (e mentre lo dice si emoziona, ndr) la nostra storia del Tibet. Mio marito e mio figlio mi hanno raggiunto da poco e anche loro vogliono conoscere persone nuove».

‘Il cibo piace e le persone fanno domande’

Tra i tavoli della piazza ci saranno anche delle presenze ormai abituali. Come Montaha, siriana arrivata a Chiasso nel 2014 con la famiglia. «Mi piace cucinare, far vedere il nostro cibo e la nostra cultura e anche Festate come manifestazione – spiega –. Sono contenta soprattutto perché dopo due anni la vita è tornata a essere come prima. Le altre volte la mia cucina è stata molto apprezzata, per questo mi piace fare sempre di più. Sul mio tavolo ci saranno falafel, hummus, un dolce a base di pistacchio, sciroppo con le mele». Anche Sandra è siriana e vive a Chiasso dal 2013. «Questa città mi piace – ammette –. Avevo già partecipato a Festate prima del Covid con diverse connazionali che ritrovo quest’anno. Durante la festa cerchiamo di parlare italiano anche tra di noi, così anche le altre persone ci capiscono e possiamo dare spiegazioni sulle nostre pietanze, così come conoscere quelle proposte nel resto della piazza perché è interessante conoscere anche il resto». Sumaja ha lasciato la Siria una decina di anni fa. «Prima della pandemia ho partecipato due volte a Festate – ci dice –. Alle persone piace molto il cibo della Siria perché è qualcosa di nuovo. E in molti si informano sulla preparazione dei vari piatti. Questo è molto bello».

‘La parte più bella di questo mercatino’

Per Roberta Donadini l’organizzazione di mercatini non è di certo una novità (a lei è affidato anche l’appuntamento settimanale del venerdì). Ma il lavoro delle ultime settimane ha decisamente lasciato il segno. «Siete la parte più bella di questo mercatino – sono state le parole rivolte in conclusione alle partecipanti –. Quello che mi avete trasmesso è molto importante. Dopo due anni di pandemia e restrizioni, vedervi mettere in gioco senza competizione e con la voglia di collaborare mi ha dato una grande carica. Dimostrate a tutti che le donne sono capaci di distinguersi». Un appello a cui dare seguito perché, soprattutto in occasioni d’incontro come Festate, l’integrazione passa anche dalla cucina.

Leggi anche:

A Festate gli ‘Sguardi oltre i confini’ di chi viene da lontano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved