a-festate-un-viaggio-nella-gastronomia-multietnica
archivio Ti-Press
Appuntamento in piazza Indipendenza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
2 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
2 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
2 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
3 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
4 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
4 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
4 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
5 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
5 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
6 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
6 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
6 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
laR
 
16.06.2022 - 21:26
Aggiornamento: 17.06.2022 - 09:43

A Festate un viaggio nella gastronomia multietnica

L’area culinaria curata da donne di differenti comunità presenti a Chiasso sarà in piazza Indipendenza. Abbiamo parlato con loro

Alcuni, come il cous cous o i falafel, sono ormai ampiamente sdoganati anche alle nostre latitudini. La gastronomia etnica è una parte integrante di Festate, il festival di culture e musiche dal mondo, in programma venerdì 17 e sabato 18 giugno a Chiasso. Per questa edizione l’appuntamento con la cultura culinaria sarà in piazza Indipendenza, dove – dalle 16 alla 1 di notte – sarà allestita un’area appositamente dedicata alla gastronomia multietnica. Un’occasione da sempre molto apprezzata per conoscere e scoprire realtà legate alle differenti comunità presenti a Chiasso, coinvolgendo le donne. A farsi promotore dell’iniziativa – così come del mercatino con 50 espositori che si svilupperà su Corso San Gottardo – è la Società commercianti del Mendrisiotto (Scm).

Fulcro in piazza Indipendenza

A poche ore dal debutto, abbiamo assistito all’ultima riunione tra organizzatori e partecipanti. La voglia di mettersi ai fornelli, così come di mettersi in gioco, è molta. «Qualche mese fa, partecipando a una riunione organizzativa, abbiamo scoperto che la parte di Festate dedicata al cibo etnico non sarebbe stata organizzata perché le persone che abitualmente se ne occupano sono impegnate con i profughi ucraini – sono state le parole di Roberta Donadini, responsabile del mercato con Alan Cavadini –. Ho quindi deciso di mettermi a disposizione gratuitamente per non dovere rinunciare a un settore sempre molto apprezzato». A essere cambiata è la location: non più il piazzale dietro l’Age – dove sarà attivo il Carnevale Nebiopoli – ma la piazza Indipendenza, dove ci saranno due file di tavoli che proporranno le varie pietanze (in ogni punto i piatti saranno in vendita a 12 franchi; mentre i dolci costeranno 5 franchi), panche e tavoli dove gli avventori potranno cenare e altre realtà, come Sos Ticino impegnato nella Giornata del rifugiato, e altre Ong che, oltre a presentarsi, si occuperanno della mescita o proporranno varie attività che andranno a sostenere i rispettivi progetti.

C’è chi si prepara al debutto

Tra una raccomandazione e un dettaglio organizzativo, abbiamo avvicinato qualche protagonista. Tra chi si presenterà a Festate per la prima volta ci sono Hanane e sua figlia Kenza, arrivate a Chiasso nel 2012 dal Marocco. «Chiasso mi piace, così come mi piace l’idea di mostrare la nostra cultura – ci spiega Hanane –. Per me è un’esperienza: mi piace cucinare e lo faccio anche per le persone che me lo chiedono. Preparerò il cous cous, una zuppa marocchina, tè alla menta e biscotti tipici». Kenza aggiunge che «la mamma vuole fare questa esperienza per farsi conoscere perché magari più avanti vorrebbe avere una sua attività alimentare». Anche per Palmo, tibetana da 7 anni a Chiasso («ma prima abitavo a Lugano»), dove lavora in casa anziani, sarà la prima esperienza diretta. «Ero già stata a Festate per accompagnare un amico. Mi piace cucinare: preparerò il momo tibetano a base di carne di manzo. L’esperienza mi servirà per conoscere gente: voglio raccontare (e mentre lo dice si emoziona, ndr) la nostra storia del Tibet. Mio marito e mio figlio mi hanno raggiunto da poco e anche loro vogliono conoscere persone nuove».

‘Il cibo piace e le persone fanno domande’

Tra i tavoli della piazza ci saranno anche delle presenze ormai abituali. Come Montaha, siriana arrivata a Chiasso nel 2014 con la famiglia. «Mi piace cucinare, far vedere il nostro cibo e la nostra cultura e anche Festate come manifestazione – spiega –. Sono contenta soprattutto perché dopo due anni la vita è tornata a essere come prima. Le altre volte la mia cucina è stata molto apprezzata, per questo mi piace fare sempre di più. Sul mio tavolo ci saranno falafel, hummus, un dolce a base di pistacchio, sciroppo con le mele». Anche Sandra è siriana e vive a Chiasso dal 2013. «Questa città mi piace – ammette –. Avevo già partecipato a Festate prima del Covid con diverse connazionali che ritrovo quest’anno. Durante la festa cerchiamo di parlare italiano anche tra di noi, così anche le altre persone ci capiscono e possiamo dare spiegazioni sulle nostre pietanze, così come conoscere quelle proposte nel resto della piazza perché è interessante conoscere anche il resto». Sumaja ha lasciato la Siria una decina di anni fa. «Prima della pandemia ho partecipato due volte a Festate – ci dice –. Alle persone piace molto il cibo della Siria perché è qualcosa di nuovo. E in molti si informano sulla preparazione dei vari piatti. Questo è molto bello».

‘La parte più bella di questo mercatino’

Per Roberta Donadini l’organizzazione di mercatini non è di certo una novità (a lei è affidato anche l’appuntamento settimanale del venerdì). Ma il lavoro delle ultime settimane ha decisamente lasciato il segno. «Siete la parte più bella di questo mercatino – sono state le parole rivolte in conclusione alle partecipanti –. Quello che mi avete trasmesso è molto importante. Dopo due anni di pandemia e restrizioni, vedervi mettere in gioco senza competizione e con la voglia di collaborare mi ha dato una grande carica. Dimostrate a tutti che le donne sono capaci di distinguersi». Un appello a cui dare seguito perché, soprattutto in occasioni d’incontro come Festate, l’integrazione passa anche dalla cucina.

Leggi anche:

A Festate gli ‘Sguardi oltre i confini’ di chi viene da lontano

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso donne festate gastronomia multietnica piazza indipendenza roberta donadini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved