ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
Luganese
4 ore

I martedì creativi del Centro diurno Talete

Origami e pasta da modellare nei pomeriggi organizzati alla struttura di Pro Senectute a Lamone
Luganese
5 ore

Va in scena ‘Avventura e Sicurezza’. Più di un’esercitazione

A Lugano gli enti di soccorso del cantone si presentano alla popolazione. Sarà possibile cimentarsi con le diverse attività
Luganese
5 ore

Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage

L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Luganese
5 ore

Crisi energetica, a Lugano piscine e palestre più fredde

Il Municipio ha deciso di implementare alcune misure volte al risparmio di elettricità e gas. Alcune di queste sono comportamentali.
Ticino
7 ore

‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’

Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Bellinzonese
8 ore

La cucina medievale regina della giornata dei castelli

L’antica gastronomia sarà il filo conduttore delle attività proposte domenica 2 ottobre nei tre manieri cittadini
Luganese
8 ore

Lugano è per AlpTransit a sud. Chi si batte plaude

‘Pro Gottardo ferrovia d’Europa’ soddisfatta per la risoluzione unanime sottoscritta dal Consiglio comunale
Luganese
8 ore

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
8 ore

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
9 ore

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
9 ore

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
04.04.2022 - 18:32
Aggiornamento: 19:06

Corsia per i Tir, attesa la pubblicazione del progetto Ustra

Lo annuncia il Consiglio di Stato. A quel punto, si conferma, ‘si potranno chiedere approfondimenti e misure’

corsia-per-i-tir-attesa-la-pubblicazione-del-progetto-ustra
Ti-Press
‘Situazione insostenibile’ per il governo

Il Consiglio di Stato (CdS) di progetti sulla futura corsia dedicata ai Tir, lì lungo l’A2 nel Basso Mendrisiotto, ancora non ne ha visti; non in veste formale, almeno. Questione di giorni, però, e il dossier federale firmato dai tecnici dell’Ustra, l’Ufficio federale delle strade, sarà in pubblicazione. Queste sono, infatti, le informazioni che l’Ustra stesso ha comunicato al Cantone. Sarà in quella occasione, come si rimarca rispondendo alle sollecitazioni di Claudia Crivelli Barella, deputata dei Verdi in Gran Consiglio, che "anche i competenti servizi potranno esprimersi e far confluire le proprie osservazioni nel preavviso cantonale". Ad attendere al varco i piani che, nelle intenzioni delle autorità superiori, aprono la strada alla costruzione, da qui al 2028, di una zona di sosta da riservare ai mezzi pesanti fra l’area autostradale di Coldrerio e il viadotto di Balerna, ci sono pure i Comuni del Distretto, che appaiono compatti nel fare muro a una simile opera. Contro questo intervento, infatti, è stata lanciata, per mano del Ppd del Mendrisiotto, una petizione che sin qui ha raccolto oltre un migliaio di sottoscrizioni.

Governo preoccupato per il traffico nella regione

L’autorità cantonale, dal canto suo, dà voce alla sua "preoccupazione" per la situazione viaria nella regione. E nel dar seguito agli interrogativi della parlamentare definisce come "non più sostenibile" quanto accade oggi sulla corsia di emergenza nel tratto finale dell’autostrada, divenuta di fatto negli ultimi anni un luogo di stoccaggio dei camion in attesa di passare la dogana a Brogeda. Si riconosce, in effetti, la pericolosità di questa soluzione: "In passato – si ricorda – ci sono già stati incidenti, persino con gravi conseguenze". Andando oltre quanto risposto solo qualche giorno prima a un altro deputato, Matteo Quadranti (Plr), evocando una problematica "fuori dalla portata giurisdizionale del governo cantonale", qui il CdS preannuncia di seguire, comunque, la faccenda da vicino, nel limite di ruoli e competenze.

Prospettate ‘misure di accompagnamento’

Vista da Berna, in ogni caso, non si potrà fare a meno della nuova corsia per i Tir – capace di accoglierne fino a 130 a fronte dei 180 odierni – neppure dopo il varo, a fine anno, del Centro di controllo di Giornico. Dall’osservatorio di Palazzo delle Orsoline, d’altro canto, si fa capire che occorre garantire la sicurezza del tratto meridionale dell’A2. Aspetto, quest’ultimo, su cui l’autunno scorso aveva fatto leva lo stesso Ufficio federale delle strade, esortando i Comuni a mettere da parte gli "interessi locali".

Al contempo, a Bellinzona ci si impegna a "chiedere approfondimenti e, se necessario, misure di accompagnamento al nuovo progetto federale". In effetti, si ricorda ancora, "una volta visionato il dossier si potrà capire se ci sono ulteriori margini di ottimizzazioni tecniche/gestionali e di inserimento paesaggistico, senza compromettere – si ribadisce – l’obiettivo principale di mettere in sicurezza il tratto autostradale". Come dire che, in un modo o nell’altro, questo territorio dovrà fare i conti con le colonne dei ‘bisonti’.

Cantieri transfrontalieri

C’è poi un altro nodo che vede confrontata questa regione di frontiera lungo il tracciato autostradale, quello dei cantieri. Qui il Consiglio di Stato rassicura, rivolgendosi ancora una volta a Quadranti. L’ottobre scorso, si conferma, la Comunità di lavoro Regio Insubrica ha organizzato una riunione in videoconferenza, che ha permesso di mettere sul tavolo il tema degli importanti lavori stradali e autostradali in corso su due lati del valico. L’incontro, annota il governo, si è svolto "in un clima collaborativo con la volontà di intraprendere misure condivise per mitigare i problemi alla mobilità lungo il territorio di confine durante i cantieri".

Leggi anche:

Una A2 a più corsie: dopo la ‘dinamica’ ecco quella per i Tir

‘Blocchiamo la corsia per i Tir’. Lanciata una petizione

Niente Tir sull’A2 a sud? ’Prima c’è la sicurezza di tutti’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved