ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
05.01.2022 - 14:30
Aggiornamento: 06.01.2022 - 17:20

‘Blocchiamo la corsia per i Tir’. Lanciata una petizione

Il Ppd distrettuale si appella alla popolazione locale e si rivolge a Gran consiglio e Dipartimento del territorio. ‘Il progetto di Ustra va abbandonato’

blocchiamo-la-corsia-per-i-tir-lanciata-una-petizione
Ti-Press
Il Mendrisiotto non vuole più vedere colonne così

Dare l’altolà ai Tir lungo l‘autostrada nel Mendrisiotto. Visto che, dice l’adagio, ’chi fa da sé, fa per tre’, il Distretto per voce del Ppd regionale ha deciso di mobilitarsi e di lanciare una petizione popolare. L’obiettivo? Chiaro e dichiarato: bloccare il progetto federale che mira a realizzare tra Coldrerio e Balerna una corsia ad hoc per i camion diretti a sud. L’ultima goccia che ha fatto traboccare il proverbiale vaso, del resto, è stata la risposta recapitata di recente dal Consiglio di Stato ai tre deputati popolari democratici, Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani. Uno scritto breve in cui il governo ammette di essere all’oscuro e di non avere ricevuto indicazioni ufficiali dall’Ufficio federale delle strade (Ustra). Affermazione, questa, che ha lasciato “basiti" i tre gran consiglieri. Ed è qui che il Ppd ha deciso di “non rimanere immobile” e di appellarsi alla popolazione locale al fine di "fermare questo progetto”. Il messaggio inequivocabile è per il Gran consiglio e, in particolare, per il Dipartimento del territorio. È a loro che ci si rivolge e si chiede di "agire tramite le autorità federali per lo stop immediato della realizzazione di questa corsia ad hoc per i camion”.

‘Si acuiscono solo i problemi’

Per il partito non c’è altra via d’uscita se non quella dell’abbandono dell’opera che Berna ha confermato di voler concretizzare da qui al 2028. Tanto da coinvolgere, come detto da Ustra a laRegione, gli uffici di Dipartimento del territorio e Dipartimento delle istituzioni. Vista dal Mendrisiotto, invece, un tale ‘parcheggio’ non farebbe che “acuire i problemi già tristemente noti in ambito ambientale e di sicurezza". Dopo le parole dure della Commissione regionale dei trasporti (Crtm) e dei Comuni toccati - con Balerna e Coldrerio, Novazzano e Mendrisio -, adesso ci si affida dunque a una raccolta di firme, promossa dalla piattaforma change.org, per centrare il traguardo e scongiurare il pericolo di vedere incolonnati i mezzi pesanti in via definitiva lungo il tratto finale dell’A2. E visto che il Cantone, si rimarca, è “rimasto a guardare” a livello regionale si vuole reagire. "Restare immobili e attendere passivamente i passi formali di Ustra - si motiva di nuovo con forza - rischia di pregiudicare qualsiasi futura possibilità di intervento a favore del Mendrisiotto”.

Leggi anche:

Corsia per i Tir, Cantone ‘passivo’. Ppd preoccupato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved