ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
17 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
19 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
23 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
05.01.2022 - 09:15
Aggiornamento: 09:51

Corsia per i Tir, Cantone ‘passivo’. Ppd preoccupato

Dopo la risposta del governo i tre deputati della regione rilanciano con una interpellanza. Ustra: ‘Seguita la prassi’

corsia-per-i-tir-cantone-passivo-ppd-preoccupato
Ti-Press
I flussi di traffico sono importanti

Non ci stanno i tre deputati momò del Ppd a farsi ‘liquidare’ dal Cantone con poche righe e un ‘non so’. Non davanti a un progetto - che tale è - che non solo preoccupa popolazione e autorità locali del Mendrisiotto, ma che riveste un evidente “interesse pubblico". Di fronte alle chiare intenzioni di Berna - per mano dell’Ustra, l’Ufficio federale delle strade - di creare una corsia ad hoc per i Tir lungo il tratto finale dell’A2, qui nel Distretto ci si aspetta di essere ascoltati e supportati. Così lo scritto stringato e interlocutorio del Consiglio di Stato (CdS) recapitato di recente a Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani, non ha fatto altro che stimolare nel terzetto di gran consiglieri la voglia di rispondere per le rime, presentando a giro di posta una nuova interpellanza urgente. Il CdS, esordiscono i parlamentari, "sembra avere un atteggiamento di totale passività”. Come dire che, in base al riscontro che si otterrà, "potrebbe quindi essere necessario un intervento del Gran Consiglio a sostegno del Mendrisiotto”.

Ustra: ‘Coinvolti gli uffici di due Dipartimenti’

L’area di sosta per i mezzi pesanti immaginata dall’Ustra fra Coldrerio e Balerna continua, dunque, a scaldare gli animi. E ad alimentare il fuoco sotto la cenere ora c’è pure l’immobilismo - così almeno viene percepito - del governo cantonale, il quale ha fatto sapere agli autori della prima interrogazione di non aver ricevuto alcuna “indicazione ufficiale” sull’opera messa in cantiere a livello federale da qui al 2028. Tra il Cantone e Ustra non è intercorsa nessuna corrispondenza sul tema? laRegione ha girato la domanda direttamente all’Ufficio federale delle strade. “Trattandosi di un progetto di manutenzione di portata limitata, la prassi Ustra - ci è stato spiegato - non prevede un’informazione preventiva e ufficiale del Consiglio di Stato. L’Amministrazione cantonale, e in particolare alcuni uffici del Dipartimento del territorio e del Dipartimento delle istituzioni - si precisa ancora -, sono per contro stati coinvolti durante l’allestimento del progetto". Giunti sin qui, si annota ancora dall’Ustra, la procedura di pubblicazione del dossier secondo la Legge sulle strade nazionali permetterà "a tutti gli interessati di prendere atto del progetto e di eventualmente inoltrare le proprie osservazioni”.

Del resto, Dt e Di sono gli stessi interlocutori ai quali si è rivolta anche la Commissione regionale dei trasporti (Crtm), determinata peraltro nel chiedere al Servizio federale di accogliere al tavolo della discussione pure il Cantone, come inserito nella lettera imbucata alla vigilia di Natale al termine dell’ultimo incontro - presenti i Comuni toccati dall’intervento, ovvero Balerna, Coldrerio, Novazzano e Mendrisio - e confermato dal presidente della Crtm Andrea Rigamonti. La riunione, d’altro canto, faceva seguito a un primo contatto di settembre, durante il quale i responsabili del progetto avevano illustrato i dettagli dei piani.

‘Il CdS? L’unico a non essere informato’

“Da nostre informazioni - ironizzano da parte loro i tre deputati - gli incontri non si sono svolti in un bar, è quindi presumibile che abbiano avuto una veste ufficiale. Il Consiglio di Stato, apparentemente, sembra quindi l’unica autorità di questo Cantone a non essere stato minimamente informato o coinvolto in questo progetto, ciò che senz’altro preoccupa“. Ma a risultare “preoccupante”, insistono, è altresì il fatto che il governo, ”a fronte di chiare e autorevoli indicazioni in merito alle intenzioni delle autorità federali, non si sia spontaneamente attivato per ottenere maggiori ragguagli, come invece fatto dalla Crtm e dai Comuni del Mendrisiotto”.

Le parole di Sommaruga

A pesare, in effetti, in tutta questa vicenda legata alla corsia per i Tir, ci sono anche le parole pronunciate dalla Consigliera federale Simonetta Sommaruga nel rispondere a inizio dicembre alla sollecitazione del Consigliere nazionale Marco Romano (Ppd). Parole riportate per intero nell’interpellanza e che non lasciano dubbi sulla determinazione di Berna di voler risolvere il problema decennale della sosta dei camion sulla corsia di emergenza a Chiasso e più nord sul territorio regionale. L’obiettivo? La sicurezza. In altre parole, la richiesta del Distretto di spostare ben più a settentrione il filtro - facendo leva sul Centro di controllo dei veicoli pesanti a Giornico che aprirà giusto quest’anno -, non ha possibilità di trovare udienza. Anzi.

Per Sommaruga, infatti, “una soluzione lungo la piana del Vedeggio andrebbe a penalizzare ulteriormente il sovraccarico di quel tratto di A2 e non permette di accogliere quei veicoli che accedono dagli svincoli autostradali ubicati più a sud. Il blocco dei veicoli pesanti a nord di Mendrisio andrebbe, inoltre, a precludere anche il funzionamento della dogana di Stabio, che contribuisce anch’essa ad alleggerire i transiti dei veicoli pesanti verso Chiasso”. La convinzione della direttrice del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni è che il nuovo Centro e il trasferimento delle merci sulla ferrovia insieme ridurranno il traffico dei camion e l’impatto ambientale sul Mendrisiotto. Una previsione che da queste parti non si sentono, però, di condividere.

Leggi anche:

Corsia dei Tir, il Cantone non ne sa nulla

Corsia per i Tir: ‘Fermate la procedura’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved