ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
1 ora

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
6 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
9 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
9 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
10 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
10 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
11 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
11 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
11 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
11 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
11 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
Luganese
11 ore

Lugano, torna il presepe sott’acqua

Fervono i preparativi per l’allestimento del tradizionale evento. L’inaugurazione è prevista sabato 17 dicembre
10.12.2021 - 17:53
Aggiornamento: 18:14

Chiasso, Corso San Gottardo ha ancora molti obiettivi

Per il Municipio, sollecitato da un’interrogazione, la pedonalizzazione ha avuto un ruolo marginale nella crisi del commercio locale

chiasso-corso-san-gottardo-ha-ancora-molti-obiettivi
archivio Ti-Press
Esposta una visione a medio-lungo termine

Quali sono stati, in questi quasi vent’anni, gli influssi della pedonalizzazione di Corso San Gottardo, a Chiasso? A chiederlo al Municipio, con un’interrogazione, sono stati i consiglieri comunali del Ppd Amedeo Mapelli e Giorgio Fonio. “Identificare e quantificare gli effetti economici e sociali della pedonalizzazione non è un’operazione che può essere effettuata in modo asettico, senza tenere parimenti in considerazione una miriade di altri elementi che hanno concorso a generare la situazione odierna – si legge nella lunga risposta del Municipio –. Nei centri di un agglomerato cittadino convengono diverse funzioni. I tipi di interesse che possono essere individuati e che si confrontano nel centro urbano di Chiasso sono di principio quattro: la destinazione commerciale-amministrativa, la destinazione abitativa, l’uso dello spazio pubblico e il traffico”. Ambiti che, sottolinea ancora l’esecutivo, “negli ultimi 20 anni sono stati soggetto a cambiamenti strutturali”. Più che risposte sugli influssi della pedonalizzazione, il Municipio mette sul tavolo un’ulteriore domanda su cui ragionare. “Vale la pena domandarsi se a Chiasso abbia un senso dedicare Corso San Gottardo esclusivamente ai pedoni, o se non sia preferibile avere a che fare con una zona principalmente pedonale, che non esclude a priori un limitatissimo transito veicolare”. Per l’esecutivo “è preferibile poter disporre di un centro medico a cui tutta la popolazione residente fa riferimento in caso di bisogno, ove poter accedere con l’automobile, anche se situato all’inizio della zona pedonale, situazione equiparabile a un servizio a domicilio”. L’autorità comunale sottolinea come occorre “limitare ulteriormente il traffico non prettamente di destinazione che circola indebitamente su questo tratto”.

L’analisi dei quattro ambiti

Tornando ai quattro ambiti citati, il Municipio spiega che “per il commercio al dettaglio, la pedonalizzazione del Corso ha rivestito un ruolo marginale sull’involuzione di questo settore economico cittadino”. Talvolta “la pedonalizzazione assurge a capro espiatorio rispetto alle diverse e disparate problematiche che attanagliano il settore e che hanno un respiro globale. I fattori determinanti che hanno contribuito alla crisi del commercio locale sono da ricercare altrove: talvolta offrire un’alternativa che la grande distribuzione non riesce a dare, come ad esempio il ‘second hand’, ha successo”. Passando al settore amministrativo, il Municipio sottolinea che “è un fatto che aziende e servizi legati al digitale, al settore medico e delle cure dentistiche-estetiche si sono insediate”. A testimoniare “l’attrattiva di Chiasso quale luogo in cui impiantare un’attività economica” ci sono anche gli investimenti avviati da “importanti promotori immobiliari ticinesi”. Riguardo alla destinazione abitativa, l’autorità comunale sottolinea come “la pedonalizzazione del Corso ha portato una serie importante di interventi edilizi su stabili che si affacciano direttamente sulla via delle Genti”. In merito al traffico, infine, il Municipio aggiunge che “la pedonalizzazione del Corso ha creato le premesse per un maggior utilizzo di quest’arteria quale sede di eventi a carattere ricreativo” e che “l’area pedonale ha contribuito a vivacizzare la vita del centro e a consolidare la socializzazione”.

La visione a medio-lungo termine

Fino a qui quanto è stato fatto. Ma cosa succederà in futuro? “La visione strategica consiste nel dare piena attuazione al disegno di riqualifica emerso dal concorso di progettazione, inglobando quindi anche piazza Elvezia e piazza Bernasconi – risponde il Municipio –. Vi è da attuare una ricucitura urbanistica tra il centro città e gli altri quartieri urbani, tramite il rafforzamento della rete della mobilità lenta e del trasporto pubblico, conformemente agli obiettivi esposti nel piano d’azione comunale che prossimamente verrà presentato in Consiglio comunale”. Per l’esecutivo “obiettivi e misure per Corso San Gottardo devono essere orientati ad ampliare il ventaglio di funzioni, attività e fruizioni del centro e a diversificare le categorie sociali e d’età alle quali l’offerta si rivolge”. Si tratta di “allargare le basi su cui poggia l’economia chiassese, rafforzando il tessuto commerciale con alternative che la grande distribuzione non offre”. E grazie al supporto del Piano regolatore, “occorre incrementare la realizzazione di abitazioni di qualità sul Corso, in grado di esercitare una forza di attrazione anche su chi proviene da fuori”. In ambito di spazi pubblici e traffico, il Municipio “intende potenziare il verde urbano, sulla base di uno studio promosso sulle cosiddette isole di calore, qualificando piazza Elvezia e piazza Indipendenza”. Per raggiungere questi obiettivi, e arrivare quindi a una strategia di rivitalizzazione, “il coinvolgimento dei privati, in veste di proprietari d’immobili, e di attori economici presenti sulla piazza chiassese e oltre, sarà imprescindibile”.

Leggi anche:

Chiasso e le prospettive di Corso San Gottardo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved