Zurigo
1
Young Boys
0
fine
(0-0)
Lucerna
Basilea
16:30
 
Losanna
Servette
16:30
 
Milan
1
Sassuolo
2
2. tempo
(1-2)
Spezia
0
Bologna
0
2. tempo
(0-0)
Lakers
2
Ajoie
1
1. tempo
(2-1)
Zugo Academy
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
Winterthur
0
La Chaux de Fonds
3
1. tempo
(0-3)
chiasso-e-le-prospettive-di-corso-san-gottardo
Corso San Gottardo oggi (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del sì
Bellinzonese
19 min

Ente regionale sviluppo: in 10 anni sostenuti 250 progetti

Con un effetto leva di uno a tredici i 5,5 milioni elargiti sono andati a favore di investimenti per 74 milioni complessivi
Locarnese
26 min

Gordola, riapre la ‘curva Ghiggioli’

Migliorie in campo viario, il punto ai lavori del capodicastero Infrastrutture e corsi d’acqua Nicola Domenighetti
Bellinzonese
48 min

‘Un ente comunale’ per tutte le case anziani di Bellinzona

Lo chiede l’Mps con una mozione che suggerisce anche l’inclusione delle tre strutture private e dell’Assistenza e cure a domicilio
Luganese
1 ora

Mobilità scolastica, si punta sul credito-quadro

Il messaggio sarà ispirato da uno studio svolto presso le sedi scolastiche di Lugano
Ticino
1 ora

‘Il governo agisca subito contro la ripresa della pandemia’

Lo chiedono i deputati in Gran Consiglio dell’Mps che propongono la mascherina obbligatoria nelle scuole elementari e durante eventi pubblici
Luganese
1 ora

Rossi (No): ‘Intercettata la forte perplessità dei cittadini’

Colui che ha impersonificato con Fulvio Pelli il fronte contrario al Polo sportivo ed eventi di Lugano commenta la sconfitta del referedum
Ticino
1 ora

Ocst, Fabiola Gnesa presidente del comitato statali

L’ha eletta l’assemblea tenutasi lo scorso 24 novembre. Subentra all’uscente Enrico Pusterla
Luganese
1 ora

Manno, i giovani con Fazzini, Pestoni e Roos

Ricevimento a tinte sportive per i 18enni del Comune sul Vedeggio
Ticino
1 ora

In Ticino 65,3% di Sì alla Legge Covid, solo 3 comuni per il No

Il 56,1% dei ticinesi ha inoltre approvato l’iniziativa sulle cure infermieristiche. No al 63,4% all’iniziativa Giustizia, con soli due comuni favorevoli
Luganese
1 ora

Lugano dice ‘sì’ al Polo sportivo e degli eventi (Pse)

A votare a favore della realizzazione dell’opera quasi il 57% degli elettori luganesi. Partecipazione del 62,52% degli elettori
Luganese
2 ore

Il pugilato tra suoni e parole

Incontro pubblico martedì nella Biblioteca cantonale di Lugano
Luganese
3 ore

Paolo Beltraminelli eletto alla testa del Ppd di Lugano

Tutto come da pronostico all’assemblea sezionale; la presidenza era vacante da quasi due anni
Locarnese
5 ore

Locarno, in ricordo di Pierre Codiroli

Al Liceo di Locarno martedì vi sarà un incontro-tributo al docente, ricercatore e scrittore scomparso nel 1996
Mendrisiotto
04.10.2021 - 10:220
Aggiornamento : 11:51

Chiasso e le prospettive di Corso San Gottardo

A quasi vent’anni dalla pedonalizzazione, Amedeo Mapelli e Giorgio Fonio (Ppd) chiedono al Municipio di stilare un’analisi

Sono passati quasi vent’anni da quando Chiasso ha deciso di pedonalizzare Corso San Gottardo, alla dogana a piazza Municipio, togliendo le auto dal centro e privilegiando i pedoni. Una decisione “accolta con differenti umori: per taluni si tratta di un atout di qualità per una cittadina come Chiasso, per altri è l’epitaffio finale per i commerci e l’economia del centro cittadino”. A esprimersi sono i consiglieri comunali del Ppd Amedeo Mapelli e Giorgio Fonio che hanno presentato un’interrogazione al Municipio di Chiasso perché “a quasi un ventennio di distanza, ci risulta più che doveroso stilare un bilancio di tale rivoluzione”. Quella auspicata dai due firmatari è quindi “un’analisi retrospettiva e una visione prospettiva”. Al Municipio viene chiesto di identificare a quantificare gli effetti economici e sociali della decisione di pedonalizzare una parte di Corso San Gottardo; se a oggi, pensando in modo particolare alla porzione tra piazza Elvezia e piazza Indipendenza, “è veramente dedicata esclusivamente ai pedoni”; quali sono le prospettive per il Corso e se c’è già una visione strategica per il medio-lungo periodo e, infine, se secondo l’esecutivo “vi è la necessità di riaprire un discorso politico circa il futuro dell’arteria principale di Chiasso”.

‘Usciamo dalla passività’

«Tra la popolazione si parla molto di Corso San Gottardo, ma politicamente no – spiega, raggiunto da ‘laRegione’, Amedeo Mapelli –. Quella che chiediamo è un’analisi retrospettiva a ormai 20 anni dalla pedonalizzazione, stabilendo quali sono stati i vantaggi e i benefici di questa operazione, dato che la parte bassa è già parzialmente riaperta. Quello che ci piacerebbe capire è anche cosa vorrà fare da grande il nostro Corso e cosa succederà in futuro, anche alla luce del nuovo Piano viario che sarà realtà dalla prossima estate». La classe politica che, vent’anni fa, ha preso la decisione «ha avuto una visione e questo è meritevole – commenta, da noi raggiunto, Giorgio Fonio –. Questa è stata anche l’ultima grande opera realizzata dalla cittadina. Oggi siamo un po’ fermi su noi stessi, è arrivato il momento di uscire dalla passività e riflettere sul nostro centro. Nelle intenzioni di vent’anni fa, il Corso pedonale doveva essere una nuova zona vivibile per le famiglie. Questo sta accadendo?». Negli anni, il fatto è noto, non sono mancati i malumori legati al trasferimento delle auto lontano dal centro. «Bisogna avere il coraggio di fare una valutazione e capire se la strada intrapresa è quella giusta – conclude il consigliere comunale del Ppd –. Da una parte ci sono i commercianti, ma dall’altra ci si interroga sulla vivibilità, con una domanda che è ormai è emersa da tempo: Corso San Gottardo è o non è pedonale? C’è chi lo vorrebbe più aperto, ma anche chi auspica maggiori chiusure e dopo vent’anni è giusto effettuare una bella analisi di quello che questa decisione ha portato».

Vantaggi e inconvenienti

Nell’interrogazione vengono messi in evidenza vantaggi e inconvenienti della pedonalizzazione. “I vantaggi, perlomeno teorici, sono molteplici”, si legge. Tra questi vengono elencati la diminuzione dell’utilizzo dell’auto, con conseguente riduzione di traffico sulle strade circostanti e un probabile aumento del numero di persone a piedi o in bicicletta. Il primo possibile inconveniente, invece, “è sicuramente legato ai posteggi, che potrebbero diventare rari, di breve durata e particolarmente cari, nelle zone centrali della città”. A essere elencata è anche una “grossa incognita’ legata alla scelta di una pedonalizzazione, ovvero “il rischio di desertificare una porzione della città con conseguente danno economico, fiscale e – non da ultimo – d’immagine e reputazionale”.

Città amiche dei pedoni

La città svizzera più amica dei pedoni è Basilea. Il dato, riportato nell’interrogazione, è emerso da uno studio che ha messo sotto la lente la pedonalizzazione di 16 città svizzere. Si tratta di un test che si è focalizzato sull’infrastruttura prevista per la mobilità pedonale, valutandola in base a un elenco d criteri prestabiliti. Per ogni città partecipante – Chiasso non era tra queste – sono stati rilevati e valutati singolarmente gli elementi della rete di mobilità pedonale. “Lo studio – si legge ancora nell’interrogazione – mette in evidenza come le principali città abbiano ancora molto da fare in ambito di mobilità pedonale”. Oltre a Basilea, la classifica ha ‘premiato’ Berna, Zurigo Neuchâtel, Ginevra, Losanna, Lucerna e San Gallo. Nella parte più bassa della graduatoria c’è Bellinzona; mentre i fanalini di coda sono Lugano e Zugo.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved