midnight-nel-mendrisiotto-test-covid-superato-a-meta
Il progetto ha subito una flessione in particolare a Stabio (nella foto, nel 2014) (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

Festa di San Mamètt a Lumino

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 10 nella piazza della chiesa
Locarnese
13 min

Riprendono le attività dell’Atte sezione Locarnese e Valli

Gli appuntamenti dell’Associazione ticinese terza età riprendono il 29 agosto e il primo pranzo in comune (con tombola) è previsto giovedì 1 settembre
Bellinzonese
13 min

Da Sailor Moon a Naruto: due maestri al Japan Matsuri

Il 10 e 11 settembre saranno a Bellinzona anche Hisashi Kagawa e Mamoru Yokota: hanno lavorato alla creazione di animazioni giapponesi di successo
Locarnese
27 min

Alta Vallemaggia, due vitelline ferite dal lupo

Accertamenti in corso all’Alpe Sfille, ma l’attacco del predatore presente da mesi in zona, è dato per certo
Luganese
37 min

La Posta di Grancia cambia centro commerciale

La filiale si sposta di alcune decine di metri, dal Centrocentro (Grancia 2) al parco commerciale Grancia 1
Ticino
43 min

TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati

La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
Bellinzonese
1 ora

Alla scoperta del materiale tecnico del soccorso alpino

La stazione di soccorso di Bellinzona sostiene la campagna Montagne Sicure e propone una giornata di divertimento e sensibilizzazione a Curzútt
Bellinzonese
1 ora

Concerto di musica classica tra la Surselva e la Valle di Blenio

Domenica 21 agosto in programma due esibizioni: la mattina a Disentis e nel tardo pomeriggio a Leontica
Mendrisiotto
1 ora

Feste di San Lorenzo in Valle di Muggio: premi della lotteria

Sono ancora da riscuotere due vincite, ottenute durante l’ultima edizione dei festeggiamenti svoltasi con successo pochi giorni fa
Mendrisiotto
1 ora

Torna la Festa del Mulino di Bruzella

Il tradizionale appuntamento di fine estate si svolgerà domenica 28 agosto. Tra l’altro, possibilità di acquistare prodotti macinati tradizionalmente
Grigioni
4 ore

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
4 ore

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
4 ore

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
4 ore

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
4 ore

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
laR
 
16.11.2021 - 21:06

Midnight nel Mendrisiotto: ‘test’ Covid superato, a metà

I progetti del sabato sera rivolti agli adolescenti hanno resistito bene all’urto della pandemia. Ma non dovunque: flessioni a Stabio e Riva San Vitale

Da 87 a 27 e da 65 a 27. Sono considerevoli le diminuzioni di utenti alle serate MidnightSports rispettivamente di Stabio e di Riva San Vitale. I dati sono una media e il confronto si riferisce al periodo settembre 2019-marzo 2020, prima della pandemia quindi, e a quello settembre-novembre 2021. E se ci sono delle realtà in difficoltà, le cifre ci riferiscono anche un’altra faccia della medaglia: a Chiasso per esempio si è passati da 27 utenti in media (2019-20) a 60 oggi, a Morbio Inferiore da 62 a 84 e a Mendrisio da 40 a 45. La pandemia insomma, con tutto ciò che ne consegue – dalla modifica delle abitudini alla paura, passando per le restrizioni –, ha colpito anche l’apprezzato progetto della Fondazione IdéeSport, che ai giovani fra i 12 e i 17 anni apre le palestre scolastiche durante i sabato sera per promuovere l’attività fisica e la socializzazione. Di questi numeri, e delle loro differenze, abbiamo parlato con Claudia Michelotti, coordinatrice dei progetti di IdéeSport in Ticino.

‘Situazione globale positiva’

«Io credo che la situazione globale sia da leggersi positivamente. È vero, dopo l’estate siamo ripartiti un po’ in sordina ma c’è già stata un’inversione di rotta, forse a causa del tempo un po’ più fresco, le serate stanno tornando a essere ben frequentate. Alcuni progetti hanno subito addirittura una aumento rispetto a prima della pandemia, all’ultimo evento a Morbio abbiamo avuto addirittura 115 partecipanti» spiega la responsabile. «Globalmente l’aumento è marcato rispetto all’anno scorso, quando abbiamo dovuto fare i conti con restrizioni ancora maggiori di quest’anno. Ad esempio, il numero massimo di partecipanti era di 50 per le palestre doppie o triple o di 25 per quelle singole. Inoltre, un fattore che ha un po’ demotivato i ragazzi con la riapertura lo scorso marzo è stato il fatto che dovevano trascorrere la serata in gruppi di dieci, gli stessi dieci. Regole che hanno reso i progetti un po’ meno attrattivi. Gli allentamenti e le soluzioni trovate quest’anno ci hanno permesso invece di ripartire più liberamente».

Stabio ‘maglia nera’

Un trend che non vale per tutti i progetti però. Stabio, in particolar modo, ha una ventina di utenti in meno rispetto alla scorsa stagione e un terzo rispetto al pre-pandemia. «Purtroppo è vero – ammette la responsabile Raffaella Solari –, le ragioni possono essere tante. Ora dobbiamo riallacciare il rapporto, riagganciare i ragazzi. Sono molto fiduciosa perché era un progetto che funzionava bene e che ha un grande potenziale. Abbiamo in programma ad esempio l’organizzazione di serate particolari, dedicate ad esempio al parkour o ad altre discipline particolari, per rilanciarlo. Bisogna tornare a farci conoscere». Della stessa idea è anche Michelotti: «Quando notiamo una flessione della frequenza, cerchiamo di intervenire recandoci nelle scuole o facendo conoscere il progetto alle famiglie. Spieghiamo che abbiamo delle misure di protezione a chi esprime paure».

Il certificato Covid tocca solo una minoranza

Sì, perché delle restrizioni sono rimaste. Ad esempio, tranne che in caso di attività fisica intensa, i ragazzi devono portare la mascherina. E poi, c’è la questione del certificato Covid da esibire per i giovani sopra i 16 anni. Può essere una delle cause della diminuzione di utenti in alcune realtà? «È difficile dire, ma non credo: sebbene i nostri progetti siano aperti dai 12 ai 17 anni, in realtà sono soprattutto ragazzi sotto i 15 a frequentarli. Da un lato credo che vi sia una questione di ciclicità: ci sono progetti che per anni vanno bene e poi subiscono una flessione e altri che viceversa per un periodo faticano per poi invece ingranare» valuta la coordinatrice. «E poi, durante i lockdown da un lato una parte dei giovani si è abituata a trovarsi all’aperto e un’altra parte viceversa si è un po’ ‘chiusa’ in casa, legandosi soprattutto ai social. Dobbiamo cercare di riagganciare entrambi i gruppi».

Obiettivo: riagganciare i giovani di 16 e 17 anni

Il bilancio appare quindi tutto sommato positivo e al futuro si guarda con ottimismo. Michelotti evidenzia infine che «uno dei nostri obiettivi è effettivamente quello di attrarre maggiormente i ragazzi della fascia più alta (16-17 anni, ndr)». Una fascia d’età che, purtroppo, nell’ultimo biennio si è distinta, assieme ai giovani già maggiorenni, per alcuni spiacevoli episodi di cronaca. «Noi organizziamo diverse attività di prevenzione: della violenza, del consumo di sostanze, per esempio. E abbiamo notato che se riusciamo a veicolare determinati messaggi con ragazzi che frequentano i nostri progetti quando sono più giovani, questi restano anche se a 16 o 17 anni non partecipano più ma trascorrono il sabato sera in altri contesti. Nel Mendrisiotto in particolare abbiamo delle sinergie molto fruttuose con il Servizio di prossimità, e questo ci permette di effettuare una buona sensibilizzazione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved